De Luca chiude tutto Ma non può chiudere le notizie

da | Ott 17, 2020 | Primo piano

Lo abbiamo attaccato duramente, non soli. Travolto dal numero impressionante di contagi il governatore De Luca aveva creduto di poter addebitare ai giornalisti una delle cause della recrudescenza. E non potendo zittirli direttamente, aveva escogitato l’aggiramento dell’ostacolo, impedendo a dirigenti e medici di profferire verbo con la stampa.


Un incidente di percorso clamoroso, un’iniziativa assimilabile a quelle che contraddistinguevano il cupo regime di staliniana memoria. Roba da soviet. O anche da circolare del Minculpop. Fa lo stesso. Qualcuno deve avergli spiegato l’enormità della decisione e lui, subito, si è affrettato a fare, apparentemente, marcia indietro, colorendo lo strombazzato cambio di direzione con le solite espressioni, “tutto falso”, “idiozie”. Stile ed eleganza, non c’è che dire. Non si smentisce. I giornalisti, a cominciare dal presidente dell’Ordine, si sarebbero inventati tutto. E invece, credeteci, era tutto vero. E lo era talmente che De Luca, nella sostanza, ha fatto tutto, tranne che fare realmente marcia indietro. Perché, guarda caso, dirigenti delle Asl e medici impegnati sul fronte attivo dell’epidemia continuano a stare a bocca chiusa, non possono spiegare ai napoletani perché si fanno ancora pochi tamponi, perché i contagiati continuano a crescere in maniera esponenziale, perché i “tamponandi” debbono affrontare estenuanti code di ore e ore, perché la Asl Napoli 1 ha bloccato tutti i ricoveri, perché non rispondono al telefono e non parlano, visto che sono gli unici in Italia, mentre tutti i loro colleghi, in una circostanza così drammatica, hanno la possibilità di intervenire, di spiegare e magari anche di tranquillizzare. Qui da noi parlano solo gli infermieri, bardati e mascherati per essere irriconoscibili. E Giulivo, il responsabile dell’Unità di crisi, ma che sa di Protezione civile e non di epidemie. Intanto la postazione Rai è stata sfrattata dall’interno del Cotugno, per timore forse che le telecamere possano finire in corsia. Alla faccia della trasparenza. Un clima di terrore, tutti impauriti. Tutte idiozie?

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te