Piazza Mercato fabbrica di San Pietro. Lavori interminabili, stato di abbandono

da | Ott 3, 2020 | Primo piano

Da due anni e mezzo solo cambi di progetto, slittamenti, polemiche. Residenti e commercianti esasperati

Se non fosse che si tratta di una piazza potremmo definirla la “fabbrica di San Pietro”. Insieme a tante opere avviate ed incompiute è il simbolo della difficoltà di una città che non riesce a decollare. Anche se in questo caso non vi sono responsabilità del Comune, ma sono tutte della celebrata Unesco.
Dopo anni di attesa, caratterizzati anche da un lungo e appassionato dibattito sulle modalità operative adottate, la riqualificazione di un simbolo della città di Napoli come Piazza Mercato continua ad attendere una conclusione che chissà quando mai avverrà.
E tutto ciò indipendentemente dal problema di come i lavori sono stati impostati, di cui ci occupiamo in questa stessa pagina con l’intervento di Antonio Pariante.
Piazza del Carmine e l’adiacente piazza Mercato sono un simbolo storico della città di Napoli. Un simbolo non proprio entusiasmante per le vittime, ma qui hanno trovato la morte Corradino di Svevia (fatto decapitare da Carlo d’Angiò, Masaniello, praticamente linciato da quella stessa folla che lo aveva acclamato e Eleonora Pimentel Fonseca, l’eroina della rivoluzione del 1799.
Ora è nel caos più completo, da anni. I lavori si protendono fino quasi alla soglia della basilica, la retrostante grande piazza è bloccata da lamiere che sono il segno tangibile di lavori non finiti. Il tutto in una condizione di abbandono desolante. Stanno soffrendo persino i parcheggiatori abusivi, costretti a veder ridotti i posti sui quali estorcere il pagamento della sosta.
Nei mesi scorsi sono state diffuse le immagini del completamento dei lavori, che lasciavano perlomeno “sperare” in una tenue luce in fondo al tunnel. Pia illusione. Commercianti e residenti sono da tempo sul piede di guerra, anche perché nei giorni di pioggia intensa, che non sono mancati nel fine settembre, la zona viene in pratica ricoperta di acqua e fango. Perché i lavori non si completano? In realtà non c’è una riposta precisa. Dopo due anni e mezzo di interruzioni, slittamenti e progetti variati ad inizio agosto il cantiere era stato smantellato, visto che era stata persino programmata la consegna ufficiale dell’area a de Magistris. Ma la cerimonia fu rimandata per colpa degli allagamenti, che avevano ridotto tuttala piazza ad un enorme pantano.
C’è poi anche il problema della mancata rifinitura degli ultimi interventi, che denotano le criticità di un progetto partito male fin dall’inizio e che mette in discussione tutte le iniziative targate Unesco. Oggi chi entra in piazza Mercato non può non restare interdetto. Di quella piazza pulsante, dove a Napoli si radunavano commercianti di ogni genere, non resta quasi più nulla. Sopravvivono solo negozi di giocattoli e qualche ferramenta. Tutti gli altri da decenni sono traslocati al Cis di Nola. E tutta la grande area centrale è squallidamente deserta. C’è una scritta che indica “area pedonale”. Ma nessuno la rispetta e i vigili, quand’anche volessero fare il loro lavoro non saprebbero nemmeno chi e dove andare a colpire. C’è davvero tanta tristezza!

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te