’NCOPP’A RAI 2 “CE STA ’O MAR FOR…”

da | Ott 3, 2020 | Cronaca

È accumminciato ’ncopp’a Rai 2 ’o sceneggiato “Mare fuori” e fforze è ppresto pe ccriticà, pecché n’opera s’ha dda canoscere cchiù mmeglio, pe vvalutà pure ’e ccose ppusitive che ttene. ’A chiammano ‘fiction’, però conta storie che nu’ vvônno apparì fénte, trattanno ’o prubblema suciale d’ ’e guagliune che fernesceno carcerate a Nnìsita. È ffacile ca ’e sceneggiature (Cristiana Farina e Maurizio Careddu) penzavano ’e fa’ na cosa novo, ma nun me pare ca ce riuscettero, pecché è ddifficile definì ’stu sceneggiato ‘anti-Gomorra’ o accunzentì c’ ’o reggista ca ‘Mare fuori’ è na storia “realista e non buonista”. Me songo scucciato ’e sentì parlà ’e buonismo comme si fosse na malatia, ’mméce ca na manera pe ppruvà a cce gguardà attuorno senza ce fa’ cuntaggià d’ ’o vveleno d’ ’o suspetto, d’ ’a scunfidenza e d’ ’o currivo. Nu’ ssaccio manco che vvo’ dicere realista, pecché ’a realtà – specialmente chella napulitana – tene assaje facce e nu cuofeno ’e cuntraddiziune.
Carmine Elia – ’ntervistato ’a Repubblica – dicette pure ca ’e guagliune/one ’nzerrate int’ ’o carcere minorile napulitano so’ ffrutto ’e na “realtà difficile”, campanno int’a nu “tessuto suciale cumplicato”. ’Sti pparole sonano nu pucurillo generiche, pe vvia c’ ’a sucietà sana è ddifficile e ccumplicata. “Napoli è un personaggio, e non fa da cornice”, dicette ’o reggista. Ma ’e quale Napule steva parlanno? P’ ’e sceneggiature, ’sta serie televisiva“…conta chello che ssuccede a cchille che ffernesceno carcerate addò ce sta chi s’occupa d’ ’o futuro lloro, ’e lle restetuvì nu sguardo pusitivo ’ncopp’â vita e ’e lle da’ n’alternativa”. Pozzo sulamente accunzentì, però me pare ca ’stu messaggio pusitivo cuntrasta cu nnu cuntesto suciale disperato, che spisso fa penzà – pure p’ ’o linguaggio assaje viulento – a ll’atmosfere cupe, bruttone e ttamarre d’ ’o serial Gomorra. ’O primmo episodio, “Vite spezzate”, già ce lassa ’a scura ’mpressione ca carceriere e educature nun ce ’a farranno a ccagnà overamente ’e vvite ’e chille guagliune/one, pure si ce provano a accuncià chello che na mala sucietà, iniqua e vviulenta, êva ggià spezzato.


Dichiaramiente ’e camorra, schifo p’ ’e rrèole, desprezzo pe ll’infame, ’mpustatezza guappesca, viulenza ’e gruppo pe mmettere sotto ’e cumpagne scellate e ddevierze… Embé, nu’ mme pareno cose nove int’a ffilm e sceneggiate che pparlano (e sparlano) ’e Napule. Trattanno ’e nu carcere minorile, po’, se puteva da’ na meglia immaggene ’e na ’sperienzia suciale addò pure s’è pruvato e se sta pruvanno ’e tutto pe ‘rieducà’ guagliune/one che ppareno signate ’a na sorte ch’è quase na maledizzione. Certo: ll’atture so’ bbrave e ’o sceneggiato tene bone qualità. Però int’a ll’uocchie ’e ’sti gguagliune leggimmo cchiù disperazzione ca speranza; cchiù rassignazzione, raggia e ppaura ca voglia ’e riscatto. E mme pare ca pure c’ ’a culonna sunora cunferma ’o tono cupo e scuro d’ ’o sceneggiato, ’mprìmmese ’a canzone principale: “‘O mar for”. Lassammo perdere ll’ortografia (pure si nun me faccio capace ’e quanta gente cuntinuano a mmaletrattà ô Nnapulitano quanno scriveno…) e ppenzammo sulo a cchello che ’sta canzone ce dice. Truvammo frase tipo: “So’ ccrisciuto ’mmiéz’a na via / ’o ssaccio chello che m’aspetta…” e sse parla d’ ’e “guagliune d’ ’o sistema”, chille che “â scola nun ce vanno cchiù”. Sentimmo spisso ’e dicere “chillo m’è ffrate”, ma nu’ ssongo accòlete ’e san Francisco, pecché se parla ’e gente ca: “è mmeglio ca tene ’e fierre…” e ggia sape ca, primma o doppo, “acchiappa na cajola”. L’unneco messaggio pusitivo d’ ’a canzone è: “Nun te preoccupà guagliò / ce sta ’o mare fora”: na frase ripetuta nu sacco ’e vote, che pperò sposta ’a speranza da ’e crestiane a nn’elemento naturale…
Già 25 anne fa Claudio Mattone e Enrico Vaime (auture d’ ’o film e ccummedia musecale ‘Scugnizzi’), nun s’aspettavano assaje ajuto ’a chella “magnifica gente che vede e che sente / e fa finta di niente / pe nun se spurcà”, pecché spisso songo: “perzone…che stanno sulo a gguardà”. Pure tanno se cantava guappescamente: “È bello a cumannà / quanno tiéne sott’ ‘e piéde na città. /È bello a cumannà /quanno passi e a tuttequante ‘e ffàje tremmà”. Però ’nce truvavemo pure nu poco ’e speranza, quanno ’e guagliune cantaveno: “E ‘ncuntràmmoce e dàmmoce ‘a mano /si stammo vicine putimmo parlà /e parlanno parlanno parlanno /quanti ccòse se pònno accuncià /quanti ccòse ca sulo si ‘e ddice / te fanno fa’ pace e te fanno scurdà / e parlanno parlanno parlanno /ciente strade se pònno truvà […] e parlanno parlanno parlanno / chi ha sbagliato se fa’ perdunà…”.
Guagliune e guaglione ’e mo, fernute int’a chillu “Carcere ’e mare”, pare ca nu’ tteneno cchiù voglia ’e parlà né “…’a pacienza d’aspettare”, e nemmanco sperano overamente ’e cagnà vita. ’O fatto ca mmiéz’a ’sti cammurristielle ’nziste se vene a ttruvà, comm’a n’àseno mmiezo ê suone, nu giuvinotto milanese ‘virtuoso’ ma pure vizziato (’o chiattillo), fa’ cadé ’stu sceneggiato int’ê stereotipe nord/sud cchiù cummune, che però nu’ ffanno buono â ggente nosta. Nemmanco ’o titulo d’ ’o siconno episodio (“Educazione criminale”) pare c’aràpe ’o core a nna speranza. Nuje però sapimmo buono ca ’a fatica ’e chi fatica overamente, juorno doppo juorno, pe ’sti guagliune nun sarrà inutile e cche, furtunatamente, cuntinuarrà pure doppo ’stu sceneggiato.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te