’NCOPP’A RAI 2 “CE STA ’O MAR FOR…”

da | Ott 3, 2020 | Cronaca

È accumminciato ’ncopp’a Rai 2 ’o sceneggiato “Mare fuori” e fforze è ppresto pe ccriticà, pecché n’opera s’ha dda canoscere cchiù mmeglio, pe vvalutà pure ’e ccose ppusitive che ttene. ’A chiammano ‘fiction’, però conta storie che nu’ vvônno apparì fénte, trattanno ’o prubblema suciale d’ ’e guagliune che fernesceno carcerate a Nnìsita. È ffacile ca ’e sceneggiature (Cristiana Farina e Maurizio Careddu) penzavano ’e fa’ na cosa novo, ma nun me pare ca ce riuscettero, pecché è ddifficile definì ’stu sceneggiato ‘anti-Gomorra’ o accunzentì c’ ’o reggista ca ‘Mare fuori’ è na storia “realista e non buonista”. Me songo scucciato ’e sentì parlà ’e buonismo comme si fosse na malatia, ’mméce ca na manera pe ppruvà a cce gguardà attuorno senza ce fa’ cuntaggià d’ ’o vveleno d’ ’o suspetto, d’ ’a scunfidenza e d’ ’o currivo. Nu’ ssaccio manco che vvo’ dicere realista, pecché ’a realtà – specialmente chella napulitana – tene assaje facce e nu cuofeno ’e cuntraddiziune.
Carmine Elia – ’ntervistato ’a Repubblica – dicette pure ca ’e guagliune/one ’nzerrate int’ ’o carcere minorile napulitano so’ ffrutto ’e na “realtà difficile”, campanno int’a nu “tessuto suciale cumplicato”. ’Sti pparole sonano nu pucurillo generiche, pe vvia c’ ’a sucietà sana è ddifficile e ccumplicata. “Napoli è un personaggio, e non fa da cornice”, dicette ’o reggista. Ma ’e quale Napule steva parlanno? P’ ’e sceneggiature, ’sta serie televisiva“…conta chello che ssuccede a cchille che ffernesceno carcerate addò ce sta chi s’occupa d’ ’o futuro lloro, ’e lle restetuvì nu sguardo pusitivo ’ncopp’â vita e ’e lle da’ n’alternativa”. Pozzo sulamente accunzentì, però me pare ca ’stu messaggio pusitivo cuntrasta cu nnu cuntesto suciale disperato, che spisso fa penzà – pure p’ ’o linguaggio assaje viulento – a ll’atmosfere cupe, bruttone e ttamarre d’ ’o serial Gomorra. ’O primmo episodio, “Vite spezzate”, già ce lassa ’a scura ’mpressione ca carceriere e educature nun ce ’a farranno a ccagnà overamente ’e vvite ’e chille guagliune/one, pure si ce provano a accuncià chello che na mala sucietà, iniqua e vviulenta, êva ggià spezzato.


Dichiaramiente ’e camorra, schifo p’ ’e rrèole, desprezzo pe ll’infame, ’mpustatezza guappesca, viulenza ’e gruppo pe mmettere sotto ’e cumpagne scellate e ddevierze… Embé, nu’ mme pareno cose nove int’a ffilm e sceneggiate che pparlano (e sparlano) ’e Napule. Trattanno ’e nu carcere minorile, po’, se puteva da’ na meglia immaggene ’e na ’sperienzia suciale addò pure s’è pruvato e se sta pruvanno ’e tutto pe ‘rieducà’ guagliune/one che ppareno signate ’a na sorte ch’è quase na maledizzione. Certo: ll’atture so’ bbrave e ’o sceneggiato tene bone qualità. Però int’a ll’uocchie ’e ’sti gguagliune leggimmo cchiù disperazzione ca speranza; cchiù rassignazzione, raggia e ppaura ca voglia ’e riscatto. E mme pare ca pure c’ ’a culonna sunora cunferma ’o tono cupo e scuro d’ ’o sceneggiato, ’mprìmmese ’a canzone principale: “‘O mar for”. Lassammo perdere ll’ortografia (pure si nun me faccio capace ’e quanta gente cuntinuano a mmaletrattà ô Nnapulitano quanno scriveno…) e ppenzammo sulo a cchello che ’sta canzone ce dice. Truvammo frase tipo: “So’ ccrisciuto ’mmiéz’a na via / ’o ssaccio chello che m’aspetta…” e sse parla d’ ’e “guagliune d’ ’o sistema”, chille che “â scola nun ce vanno cchiù”. Sentimmo spisso ’e dicere “chillo m’è ffrate”, ma nu’ ssongo accòlete ’e san Francisco, pecché se parla ’e gente ca: “è mmeglio ca tene ’e fierre…” e ggia sape ca, primma o doppo, “acchiappa na cajola”. L’unneco messaggio pusitivo d’ ’a canzone è: “Nun te preoccupà guagliò / ce sta ’o mare fora”: na frase ripetuta nu sacco ’e vote, che pperò sposta ’a speranza da ’e crestiane a nn’elemento naturale…
Già 25 anne fa Claudio Mattone e Enrico Vaime (auture d’ ’o film e ccummedia musecale ‘Scugnizzi’), nun s’aspettavano assaje ajuto ’a chella “magnifica gente che vede e che sente / e fa finta di niente / pe nun se spurcà”, pecché spisso songo: “perzone…che stanno sulo a gguardà”. Pure tanno se cantava guappescamente: “È bello a cumannà / quanno tiéne sott’ ‘e piéde na città. /È bello a cumannà /quanno passi e a tuttequante ‘e ffàje tremmà”. Però ’nce truvavemo pure nu poco ’e speranza, quanno ’e guagliune cantaveno: “E ‘ncuntràmmoce e dàmmoce ‘a mano /si stammo vicine putimmo parlà /e parlanno parlanno parlanno /quanti ccòse se pònno accuncià /quanti ccòse ca sulo si ‘e ddice / te fanno fa’ pace e te fanno scurdà / e parlanno parlanno parlanno /ciente strade se pònno truvà […] e parlanno parlanno parlanno / chi ha sbagliato se fa’ perdunà…”.
Guagliune e guaglione ’e mo, fernute int’a chillu “Carcere ’e mare”, pare ca nu’ tteneno cchiù voglia ’e parlà né “…’a pacienza d’aspettare”, e nemmanco sperano overamente ’e cagnà vita. ’O fatto ca mmiéz’a ’sti cammurristielle ’nziste se vene a ttruvà, comm’a n’àseno mmiezo ê suone, nu giuvinotto milanese ‘virtuoso’ ma pure vizziato (’o chiattillo), fa’ cadé ’stu sceneggiato int’ê stereotipe nord/sud cchiù cummune, che però nu’ ffanno buono â ggente nosta. Nemmanco ’o titulo d’ ’o siconno episodio (“Educazione criminale”) pare c’aràpe ’o core a nna speranza. Nuje però sapimmo buono ca ’a fatica ’e chi fatica overamente, juorno doppo juorno, pe ’sti guagliune nun sarrà inutile e cche, furtunatamente, cuntinuarrà pure doppo ’stu sceneggiato.

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Terrazza Zungri, serata benefica delle socie Innerine

Il 21 settembre alle ore 20,00 puntualissime ed eleganti, come loro costume  si sono incontrate tutte le socie del Club Inner Weel Luisa Bruni (il più antico club d'Italia)  sulla "Terrazza Zungri". Il Club Inner Wheel è un'associazione femminile strettamente legata...

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te