Tempo di lettura: 2 minuti

Il ramo di un albero si spezza e crolla proprio davanti a uno dei varchi di ingresso del  liceo Sannazaro. Uno dei passaggi predisposti  per evitare assembramenti all’ingresso e all’uscita degli alunni,  e che dunque, ieri, primo giorno di scuola, è rimasto chiuso.  Purtroppo l’incubo Covid  si aggiunge  a preesistenti problemi. In questo caso: mancanza di manutenzione del verde (persino attorno alle scuole,  dove ancor maggiormente l’Amministrazione dovrebbe sentirsi responsabile della pubblica incolumità).

Il crollo è avvenuto domenica sera o nella notte (per le piogge,  c’era poca gente in strada). Stamattina un lungo tratto del marciapiedi di via Puccini che collega l’ingresso della scuola media “Viale delle Acacie” a quello del “Sannazaro”  è stato recintato con i tipici nastri di colore bianco e rosso.  Sul cancello, sbarrato, di una delle uscite di emergenza dello storico liceo,  si notava l’avviso: “Le classi per cui era previsto l’ingresso dal varco A entreranno dal varco D cioè l’ingresso principale”.

Circa un anno fa, come si ricorderà,  un’auto fu distrutta da un albero proprio davanti all’ingresso principale del liceo. Il perimetro rettangolare che racchiude le due scuole ogni giorno è attraversato da  un flusso di circa duemila persone.

Per  gli studenti, comunque,  al Sannazaro non c’è stato problema. Infatti  erano stati predisposti  sette varchi  (con relativa vigilanza), ne sono rimasti sei… Gli alunni sono 1250 ma,  poiché un 20% fa a rotazione lezioni a distanza (con il docente a scuola),  ne entrano mille: poco più di cento a varco. E il primo giorno di scuola  tutto si è svolto ordinatamente.

Però è assurdo che i giovani  siano esposti a tanti rischi che si potrebbero evitare con una manutenzione ordinaria e costante, pianificando i lavori con mesi di anticipo. Pericoli per l’incolumità dei passanti,  ed anche mancanza di decoro  (sporcizia e strade gruviera) e di rispetto per l’istituzione Scuola, trasmettendo così un messaggio non certo edificante alle giovani generazioni…  Per gli alberi pericolanti comunque si era già intervenuti in vari quartieri tra sabato e ieri mattina, ma bisognerebbe prevenire.