Il commercio in grave crisi a Napoli. Sono già fallite quindicimila imprese

da | Set 19, 2020 | Cronaca

Il primo settembre la saracinesca non si è alzata. Stupore, rammarico. Tutti hanno capito. Nel pieno centro dell’Arenella una pasticceria storica, che da oltre cinquant’anni sfornava dolci prelibatissimi, ha chiuso i battenti. Per molti era un punto di riferimento quotidiano. Nei momenti di maggior fulgore la domenica mattina bisognava munirsi di numeretto, la folla si accalcava fuori del bar e attendeva ore pur di aggiudicarsi le flagranti delizie di quel pasticciere, che aveva rubato il mestiere da piccolo ai suoi familiari, lo aveva perfezionato ed aveva raggiunto un livello di assoluta preminenza nel settore. Lo conoscevano tutti e non solo nel quartiere. Le sue cassatine venivano a comprarle da tutta la città.


Quella saracinesca calata ancor oggi fa tanta tristezza. Ma, purtroppo, non è la sola. All’Arenella, come al Vomero, come in tutta la città. Il coronavirus ha provocato una vera e propria strage.
Il recente rapporto di Confesercenti Campania raffigura un quadro nerissimo. Quindicimila le aziende che non hanno più riaperto dopo il lockdown a Napoli.
Il settore più colpito è quello della moda e dell’abbigliamento, ma gli effetti si sono registrati pesantemente in tutti i comparti commerciali. Il dato sui saldi è particolarmente significativo: meno 61% rispetto al 2019, con una perdita di 160 milioni. Anche il quadro generale regionale è allarmante: su 500mila aziende che svolgono attività commerciale, ben quarantamila non hanno riaperto i battenti.
Di queste il 60% riguardano, come detto, l’abbigliamento, il 10% i bar, il 5% la ristorazione (la meno colpita dallo tsumani Covid). Il resto investe attività ricettizie, di servizi e altre tipologie al dettaglio.
Ma quel che è più grave è la previsione di qui alla fine del 2020. Secondo lo studio di Confesercenti altre quindicimila imprese sono a rischio chiusura, e di queste cinquemila nella sola città di Napoli.
Sempre secondo il report in un anno la spesa media per i saldi rispetto al 2019 è scesa del 58% in Campania e a Napoli addirittura del 61%. In soli dodici mesi sono stati bruciati 270 milioni di fatturato, 160 dei quali nella sola Napoli.
Anche Confcommercio parla di dati negativi, per non dire catastrofici. Per i pubblici esercizi la flessione è del 30% rispetto al 2019, con punte molto più alte nel campo dell’abbigliamento. E sono ancor ferme le filiere legate agli eventi e al comparto dell’oreficeria e dell’oggettistica. Queste gravi perdite non sono certo compensate da qualche nicchia in espansione, come quella legata all’e-commerce e legati alla cura della persona (estetisti, tatuatori): l’acquisto on line è passato dal 7% della media italiana al 30%. A Napoli ha coperto il 15 per cento del mercato delle vendite.
Questi i dati, che parlano chiaro. Ma il problema, che pur esiste, riguarda sì il passato e il presente, ma si prospetta particolarmente nebuloso per il futuro. La persistenza dell’epidemia, che sembra non voler regredire (ed ora si teme un ulteriore rimbalzo dei contagi dopo la riapertura delle scuole), induce a nerissime previsioni per il futuro. Nuove restrizioni, che sono sempre possibili sulla base dello sviluppo del contagio, potrebbero mettere definitivamente k.o interi settori del commercio.

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te