Napoli, serve più equilibrio

da | Ago 31, 2020 | Calcio Napoli

Gattuso vorrebbe utilizzare il 4-2-3-1, ma non ha i centrocampisti giusti

Impazzano le voci di mercato, ma mai come quest’anno tutto appare fermo. Soldi ne girano pochi, il Covid ha prodotto guasti in termini di liquidità spaventosi.
Sarà un mercato fondato solo sugli scambi e fioccheranno le plusvalenze, tipo quella già realizzata da De Laurentiis che ha ceduto al Lille Karnezis per una cifra stratosferica, adeguata ad un portiere al top e non ad un onesto numero 1 che per tre anni ha solo scaldato la panchina.


In questa sarabanda di voci è coinvolto anche il Napoli. E, bisogna premetterlo, meno male che si tratta solo di voci che in gran parte tali resteranno. Perché altrimenti bisognerebbe concludere che in casa Napoli la confusione regna sovrana. È evidente che il mercato azzurro sarà condizionato dal modulo che Gattuso intenderà utilizzare. Da quello che emerge pare che il tecnico sia orientato a sperimentare il 4-2-3-1 utilizzato a Napoli solo da Benitez. E meno male che non abbia pensato al 4-4-2 , che ha segnato la fine ingloriosa di Ancelotti.
Gattuso è ovviamente padrone di impiegare il modulo che ritiene più opportuno, nel calcio la responsabilità delle scelte è diretta, se un allenatore sbaglia, paga. Ma qualche perplessità su questo 4-2-3-1 dobbiamo pur esternarla. È un modulo rischioso, se non si dispone di due centrocampisti adusi alla lotta e alla rottura. Benitez impiegava Berhami e Inler e la coppia era ben selezionata, anche se l’ex udinese era più votato alla costruzione che all’interdizione. La rosa attuale del Napoli contempla ben sei centrocampisti, dei quali solo uno potrebbe dare specifiche garanzie in un centrocampo a due, ed è Allan. Che però è stato praticamente ormai venduto all’Everton. L’altro, che potrebbe adattarsi, è Demme, ma anche su di lui cominciano a circolare strane voci di cessione. Tutti gli altri, e cioè Fabian, Zielinski, Lobotka ed Elmas sarebbero assolutamente inadattabili. E soprattutto Gattuso esporrebbe a gravi rischi il Napoli e se stesso se volesse sperimentare, in un centrocampo a due, la coppia titolare Fabian-Zielinski. Un suicidio annunciato. Tutto questo senza contare che l’addio di Callejon ha aperto un vulnus sul versante destro, dove Politano, Lozano o i nuovi venuti Boga e Under sarebbero votati esclusivamente all’attacco, non garantendo in alcun modo quella copertura che (purtroppo) Insigne ha imparato a garantire, invece, sulla fascia sinistra. Se queste fossero realmente le decisioni di Gattuso non ci resterebbe che affidarci alla famosa invocazione del cardinale Sepe: a Maronna c’accumpagna!

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te