Manca tutto: a scuola dal 24?

da | Ago 31, 2020 | Primo piano

Campania alle prese con il problema scuola: in queste ore il presidente De Luca dovrebbe ufficializzare quella che appare ormai come una scelta inevitabile, il rinvio dell’apertura dell’anno scolastico. A quando per il momento non è dato sapere, anche se la data giusta dovrebbe essere quella del 24 settembre, appena dopo che verrà effettuata la sanificazione dei plessi scolastici che ospiteranno le operazioni elettorali (regionali e referendun) fissate per il 20 e 21 settembre.


I nodi che bloccano l’apertura fissata su scala nazionale dal ministro per l’Istruzione Azzolina per il 14 settembre sono vari: l’impossibilità di procedere al test (non obbligatorio) per gli insegnanti, le cattedre vuote per carenza di personale docente e il trasporto degli studenti.
In queste ore sono giunti 1500 termoscanner inviati dal commissario Arcuri e si sta organizzando un accordo con l’Anm per poter disporre di bus speciali dotati di divisori in plexiglass da utilizzare solo per il trasporto degli studenti. Ma non basteranno. Anche lo slittamento dell’apertura difficilmente riuscirà a risolvere la questione che è grave e che comporta precise responsabilità, visto che anche in Campania tutti erano a conoscenza delle carenze del sistema sin dai giorni più cupi del lockdown.
In difficoltà sono soprattutto gli istituti scolastici che dovranno ospitare gli alunni delle scuole elementari e medie, anche se qualche liceo di chiara fama, vedi Vittorio Emanuele e Genovesi ha non pochi problemi di aule.


Manca tutto: professori, impiegati di segreteria, bidelli, aule e banchi. Per un avvio dignitoso è stato calcolato che occorrerebbero almeno 150 aule in più. E questa carenza conferma chiaramente che si è partiti con grave ritardo. Non solo in Campania, ma a livello nazionale. A Napoli, per esempio, vi sono numerosi edifici pubblici abbandonati, dalle caserme ai plessi storici come l’ex Ospedale militare, Palazzo Fuga, Castelcapuano che per l’emergenza avrebbero potuto essere attrezzati. Ora i tempi sono strettissimi e non si può certo ipotizzare lo sfruttamento di questi edifici per i quali bisognerebbe procedere a lavori lunghi e costosi di adattamento e che presupporrebbero anche lunghe pratiche burocratiche, visto che nella maggior parte dei casi si tratta di edifici vincolati. Riferisce l’assessore regionale all’Istruzione Palmieri: “Abbiamo fatto riunioni a ripetizione fino a notte fonda per tanti giorni con ogni municipalità e con tutti i dirigenti scolastici. Alla fine abbiamo avuto il quadro preciso delle necessità della città ed abbiamo presentato la nostra richiesta, un milione e mezzo per attivare il fitto di 150 nuovi spazi per le elezioni”.
È emersa in sostanza la possibilità di prendere in fitto moduli prefabbricati da sistemare nei cortili degli istituti, laddove ciò è possibile. Sul mercato di questo tipo di strutture se ne trovano varie. E le aziende che le producono si offrono di approntarle al massimo entro 20 giorni. Intanto in varie scuole sono partiti i lavori di adeguamento. Sono sparite le aule destinate ai professori, era necessario trasformarle in classi. Lo stesso vale per le aule magne e le palestre, tutte rigorosamente da dividere con cartongesso per ricavare il maggior numero possibile di classi. Ovviamente il sacrificio delle palestre può essere solo temporaneo, dettato dall’esigenza dell’emergenza.
In più bisogna reperire in ogni scuola un ambiente da destinare al ricovero temporaneo (in attesa che arrivino i genitori) di quegli studenti che durante l’orario di lezione manifestassero sintomi di un possibile contagio.


Insomma c’è davvero tanto ancora da fare e siamo arrivati tardi colpevolmente. De Luca potrà anche rimandare l’apertura, ma difficilmente riuscirà a risolvere tutti i problemi. E se siamo arrivati a questo punto qualche responsabilità ce l’ha anche lui, che sin dal primo momento si è intestardito a polemizzare con la Azzolina, quando era chiaro che le scuole andavano aperte il 14 settembre e che si sarebbero dovute rinviare le elezioni. Cosa che al governatore non faceva comodo.

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te