Manca tutto: a scuola dal 24?

da | Ago 31, 2020 | Primo piano

Campania alle prese con il problema scuola: in queste ore il presidente De Luca dovrebbe ufficializzare quella che appare ormai come una scelta inevitabile, il rinvio dell’apertura dell’anno scolastico. A quando per il momento non è dato sapere, anche se la data giusta dovrebbe essere quella del 24 settembre, appena dopo che verrà effettuata la sanificazione dei plessi scolastici che ospiteranno le operazioni elettorali (regionali e referendun) fissate per il 20 e 21 settembre.


I nodi che bloccano l’apertura fissata su scala nazionale dal ministro per l’Istruzione Azzolina per il 14 settembre sono vari: l’impossibilità di procedere al test (non obbligatorio) per gli insegnanti, le cattedre vuote per carenza di personale docente e il trasporto degli studenti.
In queste ore sono giunti 1500 termoscanner inviati dal commissario Arcuri e si sta organizzando un accordo con l’Anm per poter disporre di bus speciali dotati di divisori in plexiglass da utilizzare solo per il trasporto degli studenti. Ma non basteranno. Anche lo slittamento dell’apertura difficilmente riuscirà a risolvere la questione che è grave e che comporta precise responsabilità, visto che anche in Campania tutti erano a conoscenza delle carenze del sistema sin dai giorni più cupi del lockdown.
In difficoltà sono soprattutto gli istituti scolastici che dovranno ospitare gli alunni delle scuole elementari e medie, anche se qualche liceo di chiara fama, vedi Vittorio Emanuele e Genovesi ha non pochi problemi di aule.


Manca tutto: professori, impiegati di segreteria, bidelli, aule e banchi. Per un avvio dignitoso è stato calcolato che occorrerebbero almeno 150 aule in più. E questa carenza conferma chiaramente che si è partiti con grave ritardo. Non solo in Campania, ma a livello nazionale. A Napoli, per esempio, vi sono numerosi edifici pubblici abbandonati, dalle caserme ai plessi storici come l’ex Ospedale militare, Palazzo Fuga, Castelcapuano che per l’emergenza avrebbero potuto essere attrezzati. Ora i tempi sono strettissimi e non si può certo ipotizzare lo sfruttamento di questi edifici per i quali bisognerebbe procedere a lavori lunghi e costosi di adattamento e che presupporrebbero anche lunghe pratiche burocratiche, visto che nella maggior parte dei casi si tratta di edifici vincolati. Riferisce l’assessore regionale all’Istruzione Palmieri: “Abbiamo fatto riunioni a ripetizione fino a notte fonda per tanti giorni con ogni municipalità e con tutti i dirigenti scolastici. Alla fine abbiamo avuto il quadro preciso delle necessità della città ed abbiamo presentato la nostra richiesta, un milione e mezzo per attivare il fitto di 150 nuovi spazi per le elezioni”.
È emersa in sostanza la possibilità di prendere in fitto moduli prefabbricati da sistemare nei cortili degli istituti, laddove ciò è possibile. Sul mercato di questo tipo di strutture se ne trovano varie. E le aziende che le producono si offrono di approntarle al massimo entro 20 giorni. Intanto in varie scuole sono partiti i lavori di adeguamento. Sono sparite le aule destinate ai professori, era necessario trasformarle in classi. Lo stesso vale per le aule magne e le palestre, tutte rigorosamente da dividere con cartongesso per ricavare il maggior numero possibile di classi. Ovviamente il sacrificio delle palestre può essere solo temporaneo, dettato dall’esigenza dell’emergenza.
In più bisogna reperire in ogni scuola un ambiente da destinare al ricovero temporaneo (in attesa che arrivino i genitori) di quegli studenti che durante l’orario di lezione manifestassero sintomi di un possibile contagio.


Insomma c’è davvero tanto ancora da fare e siamo arrivati tardi colpevolmente. De Luca potrà anche rimandare l’apertura, ma difficilmente riuscirà a risolvere tutti i problemi. E se siamo arrivati a questo punto qualche responsabilità ce l’ha anche lui, che sin dal primo momento si è intestardito a polemizzare con la Azzolina, quando era chiaro che le scuole andavano aperte il 14 settembre e che si sarebbero dovute rinviare le elezioni. Cosa che al governatore non faceva comodo.

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Screening gratuiti, al Vomero il Camper della Salute

Da questa mattina al Vomero a piazza degli artisti fino alle 18 il Camper della Salute dell’ASL Napoli 1 Centro offre gratuitamente, e senza prenotazione, visite ed esami per la prevenzione di eventuali patologie tumorali con la partecipazione di medici esperti del...

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Galleria della Vittoria, il regalo di Natale

Potrebbe essere il vero regalo di Natale per tutti i napoletani, la riapertura della galleria della Vittoria. L’infrastruttura, chiusa da oltre un anno, ha rappresentato uno dei temi trainanti della campagna elettorale. Per gli automobilisti è una sorta di incubo e...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te