Tempo di lettura: < 1 minuto

La paura di un possibile contagio del nascituro e alcune voci incontrollate che girano in città su un aumento di casi negli ospedali che aumentano il timore di essere infettati nei reparti di Ginecologia, hanno prodotto una sorta di psicosi da parto che ha portato tanti genitori in attesa di far nascere i propri figli a preferire il ricovero in strutture private. Ne è derivato che, in questi giorni, le cliniche private di Napoli e provincia sono state prese d’assalto dalle mamme al nono mese di gravidanza in vista dell’imminente parto e alcune di esse fanno fatica a gestire l’aumentato flusso di pazienti.

Almeno, per fortuna, ci sono le restrizioni per il Covid-19 che impediscono ai parenti delle donne incinte di invadere (come accadeva prima della pandemia) le stanze dei reparti di Ginecologia e garantiscono la tranquillità e l’igiene per la mamma e per il neonato nelle ore successive al parto. Di sicuro nascere ai tempi del Coronavirus è diverso.