La sconfitta contro il Barcellona è il fallimento di un intero movimento

da | Ago 24, 2020 | Primo piano

Dopo il ko contro la squadra catalana si impone una riflessione approfondita sulla schizofrenia del calcio italiano

La disfatta del Barcellona contro il Bayern ha indotto molti, tra tifosi ed addetti ai lavori, a recriminare per l’eliminazione del Napoli con i catalani. Di colpo è piombato sul banco degli imputati Gattuso, per il quale anche per alcuni risultati altalenanti sul finale di stagione, è venuta meno l’immunità da critiche conquistata con la finale di Roma. Proprio l’atteggiamento ondivago di stampa e tifoseria, impone una più ampia riflessione sulla difficoltà in Italia di sviluppare un progetto calcistico in tempi ovviamente non sincopati. Le accuse mosse al tecnico calabrese, reo di non aver sfruttato il declino blaugrana, sono francamente risibili. Tra i capi di imputazione generati in maniera approssimativa, vi è l’aver affrontato il Barca a viso aperto, senza ricorrere al catenaccio della finale con la Juve.

Se catenaccio non vi fu assolutamente a Roma nella fortunata finale di Coppa Italia, è altrettanto vero che la sconfitta del Nou Camp non è nata da un atteggiamento troppo offensivo degli azzurri. I goal nascono da un calcio d’angolo, da un’iniziativa personale di Messi con difesa schierata e sonnacchiosa ed un errore personale grave di Koulibaly sul rigore. Nel giudizio complessivo sul lavoro di Gattuso si omette di considerare le difficoltà degli inizi, nel lavorare con un organico monco in determinati ruoli e la mancanza di reali interessi di classifica ,nelle ultime gare di campionato. Si invocano come esempio i progetti Lipsia,Lione ma non si concede tempo a nessun tecnico di perseguire le proprie idee,di essere libero anche di sbagliare. Ancelotti chiede la cessione di determinati giocatori per riavviare un progetto di rinnovamento? La società impone prezzi altissimi e di fatto pone fuori mercato le pedine non gradite al tecnico. Gattuso non vede Meret e Lozano poco adatti alla sua idea di calcio? Per molti dovrebbe essere il tecnico ad adeguarsi alla società, proteggendone gli investimenti, che concettualmente potrebbe anche essere una teoria giusta ma di fatto castra il lavoro dell’allenatore. Abbiamo citato Gattuso e Ancelotti, ma il discorso può estendersi al Sarri napoletano e juventino. A Napoli Sarri ha avuto nelle sessioni di mercato successive al suo arrivo giocatori assolutamente non in linea con le sue idee calcistiche : si pensi al croato Rog, che in patria spadroneggiava da trequartista, ruolo assente nel 4-3-3 del tecnico di Figline o al centravanti d’area Pavoletti, giocatore assolutamente poco adatto al fraseggio sarriano così come l’aletta Ounas, dribblomane e individualista a livelli umanistici, del tutto incollocabile in determinati contesti tattici. Senza puntare l’indice su Giuntoli, gli stessi errori li ha commessi Paratici alla Juve. Ci si innamora di Sarri ma poi gli si affidano giocatori molto lontani da determinati concetti di gioco, come i deludenti parametri zero Ramsey e Rabiot e si chiede all’allenatore di piegarsi ai desiderata di Cristiano Ronaldo. Arriva l’eliminazione dal Lione e allora via Sarri, reo di non aver già trasformato la Juve dopo un anno, per scegliere Pirlo dalla barba hipster e dal look giusto, con il corredo di una narrazione dei media compiacente.


È un calcio schizofrenico quello italico, che per il mercato non si affida più al fiuto degli osservatori e allo studio dei direttori sportivi ma alle segnalazioni di procuratori-intermediari con il forte rischio che si concretizzi il famoso detto “Acquaiuolo com’è quest’acqua?” “Freschissima!” E così i club vedono le proprie prospettive restringersi ,spesso un buon affare con un agente fa poi subire delle condizioni capestro in altre trattative. Il Milan non soddisfa i desideri di Donnarumma per il rinnovo? E allora il suo agente Raiola ti rende di colpo complicata la trattativa per il rinnovo di Ibrahimovic, che doveva essere una formalità. A Napoli volete Manolas nonostante la corte serrata di club inglesi e tedeschi? Dovete pagare anche la clausola di Lozano e vi prometto che trovo una squadra ad Insigne. Parliamo di Raiola ma il discorso si può agevolmente traslare ai Mendes, ai Giuffredi, ai D’Amico, ad un intero mondo. Il Napoli rinnova quasi ogni anno il contratto dei giocatori della scuderia di Giuffredi, nonostante in quei ruoli i margini di intervento per migliorare sarebbero altissimi. Sospiriamo come fanciulle nel vedere il goal di Kimmich su discesa di Davies in Bayern Barcellona salvo poi depauperare i settori giovanili e ignorare del tutto determinati mercati, come quello del Nord America, dove il Bayern pescò il mancino canadese a sedici anni. Un mix di approssimazione, impreparazione che porta le nostre squadre ad essere improponibili nelle Coppe Europee anche di fronte a un Barcellona modesto. Perciò la sconfitta di Barcellona non è una sconfitta di Gattuso, è la sconfitta di un intero movimento.

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

Calcio, l’Italia s’è persa

Calcio, l’Italia s’è persa

Come ripartire dopo la delusione della Nazionale Riparte il campionato e sarà volata tutta d’un fiato fino al 22 maggio quando conosceremo l’esito del torneo più incerto ed emozionante da 10 stagioni a questa parte. Si riparte con gare importantissime ai fini della...

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

La figuraccia di Milano e l’esempio di Napoli

Il direttore d’orchestra russo Valery Gergiev cacciato dalla Scala di Milano solo perché non ha accettato l’imposizione di dire due parole contro Putin e contro la sua guerra prima di un’esibizione. Un corso sul grande scrittore russo Fedor Dostoevskij annullato alla...

La stazione che fa acqua da tutte le parti

La stazione che fa acqua da tutte le parti

Metropolitana, Salvator Rosa tra secchi di plastica e “portoghesi”. Una vergogna continua Il battagliero consigliere comunale Nino Simeone ne ha fatto, giustamente, un caso. Non si è mai visto, da nessuna parte al mondo, che per collaudare treni nuovi da immettere in...

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

Napoli, via Domenico Fontana: residenti in pericolo

È da venerdì 18 marzo che in via Domenico Fontana, all’altezza del civico 115, tra l’ingresso pedonale della Parrocchia di Santa Maria Antesaecula e l’accesso alto del Parco Montedonzelli, staziona un “senza fissa dimora”. Per quanto commossi dal senso di Pietas e dal...

Napoli, meno ansia

Napoli, meno ansia

Gli azzurri “tradiscono” quando aumenta la pressione Diciamolo francamente: a Napoli ce la suoniamo e ce la cantiamo come vogliamo a seconda dello spirare del vento, soprattutto quando l’oggetto o il sogno delle nostre fantasie, viene meno ribellandosi a etichette,...

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

Wilson, laziale sì. Ma soprattutto napoletano

L’omaggio al grande difensore ex Internapoli morto nei giorni scorsi a Roma Se ne è andato all’improvviso, accompagnato dall’omaggio scontato e doveroso di tutto il mondo calcistico laziale. Prima la bara esposta nella camera ardente poi un funerale, a Roma, con la...

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Morte di Ornella, a maggio la sentenza

Il processo all’ex compagno della docente uccisa un anno fa. Lunedì incontri alla Uil e al Liceo artistico Un otto marzo trascorso col pensiero rivolto alle donne russe e ucraine… Intanto in Italia non si ferma la violenza di genere: 118 le vittime di femminicidi nel...

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Errore medico: quando c’è il risarcimento

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega la normativa che regola la responsabilità sanitaria Con l’articolo di oggi lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, si occupa della tematica del risarcimento del danno derivante dall’errore del medico...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te