Napoli fuori dalla Champions a testa alta, la sfortuna e le sviste arbitrali non lasciano ancora tregua ai partenopei

da | Ago 8, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Napoli sconfitto dal Barcellona per 3-1, ma quanti rimpianti, 2 pali e un gol dei blaugrana irregolare, condannano all’eliminazione dalla Champions League, i ragazzi di Rino Gattuso.

Bella partita quella che va in scena al Camp Nou, il Napoli che a grandi tratti da l’impressione di poter centrare l’impresa, trova sulla sua strada l’ennesimo dannato palo che evita ai partenopei di andare in vantaggio dopo 1’30 dall’inizio del match, episodio che avrebbe cambiato sicuramente l’andamento della gara. Altro episodio controverso per gli azzurri, al minuto 10, su calcio d’angolo il Barça va in vantaggio, check del Var per fallo di Lenglet su Diego Demme, dalle immagini è chiaro il fallo del calciatore blaugrana che spinge il regista azzurro su koulibaly, purtroppo ed inspiegabilmente si decide di non intervenire, commettendo un errore che sa tanto di malafede. Gli azzurri accusano il colpo ed incassano, grazie alla serata da 2 in pagella di koulibaly, altri 2 gol, il primo con Messi che fa tutto da solo, entra in area azzurra eludendo l’intervento di Insigne e Mario Rui, va a terra ma ha tutto il tempo di alzarsi e calciare prima che la difesa azzurra riesca ad accorgersi di ciò che stava accadendo, mentre il terzo gol del Barcellona arriva su rigore, Koulibaly si addormenta con la palla al piede e mentre sta per calciare dalla propria area di rigore, Messi lo anticipa, KK colpisce il 10 catalano causando un fallo da rigore, Suarez trasforma il penalty. Prima della fine del primo tempo, Mertens, serata difficile per lui, si procura un calcio di rigore che Insigne trasforma con freddezza.

Nella ripresa pur non demordendo fino alla fine, i ragazzi di Gattuso non riescono a centrare la remuntada, nonostante un possesso palla superiore ai padroni di casa e all’ennesimo palo colpito, questa volta da Lozano, gli azzurri escono dalla Champions a testa alta, troppo divario con l’avversario comunque messo in difficoltà, forse se almeno una volta dall’urna il Napoli fosse stato più fortunato, come altre squadre italiane, questa sera l’impresa di approdare ai quarti era possibile, proprio perché il Napoli è uscito a testa altissima contro una delle migliori squadre d’Europa e domani nessuno potrà mettere in discussione il tecnico calabrese.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te