Tumore al colon, “stanate“ le cellule irriducibili responsabili di recidive

da | Ago 6, 2020 | Salute

Anche le cellule dei tumori del colon metastatici più irriducibili, che non si arrendono neppure di fronte alle terapie più efficaci, hanno un tallone d’Achille: i segnali molecolari che aiutano queste cellule a trovare una nicchia in cui sopravvivere, ‘addormentandosi’ per poi tornare in azione e provocare ricadute, sono stati scoperti da ricercatori dell’IRCCS di Candiolo e potranno essere sfruttati per eliminare definitivamente anche gli sparuti drappelli di cellule residuali che possono tuttavia neutralizzare l’effetto delle cure standard. Lo studio, appena pubblicato su Science Translational Medicine, è stato realizzato grazie al vitale sostegno del 5xmille della Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, che ha realizzato il centro di Candiolo e finanzia tutte le ricerche che in esso si svolgono, e anche di AIRC e European Research Council. I ricercatori hanno individuato in due recettori espressi dalle cellule tumorali gli ‘scudi molecolari’ da infrangere: questi due recettori sono ‘fratelli’ del bersaglio della terapia farmacologica standard e di solito sono inattivi, ma nelle cellule super-resistenti si accendono rendendole più simili alle cellule intestinali normali e consentendo loro di nascondersi alla cura. Terapie a bersaglio molecolare dirette contro i tre recettori fratelli, simili a quelle già disponibili sul mercato perché utilizzate nel tumore della mammella, potrebbero perciò superare le ultime difese del tumore.


“ Molti pazienti con un tumore al colon metastatico che non può essere trattato con la chirurgia vengono curati con cetuximab, un farmaco diretto contro il recettore per il fattore di crescita epidermico o EGFR: cetuximab è efficace in quasi la metà di questi pazienti, facendo regredire le lesioni, ma quasi mai eradica del tutto la malattia perché alcune cellule ‘irriducibili’ restano nascoste, pronte a rientrare in azione e col tempo dare una ricaduta – spiega  Livio Trusolino, Professore del Dipartimento di Oncologia dell’università di Torino che opera presso l’istituto di Candiolo.  Nella nostra ricerca abbiamo studiato questi piccoli serbatoi di cellule residuali, per capire come e perché sopravvivono a cetuximab covando il fuoco sotto la cenere. Abbiamo scoperto che nel momento in cui c’è la massima risposta tumorale al farmaco queste cellule spengono i segnali di EGFR, il bersaglio molecolare di cetuximab, e in compenso attivano due recettori ‘fratelli’, molto simili e normalmente inattivi sul tumore”. 


Si tratta di HER2 ed HER3, anch’essi recettori di superficie per il fattore di crescita epidermico: sono perciò molecole della stessa famiglia, che però nel tumore al colon si attivano soltanto sotto la pressione indotta dalla presenza del farmaco. Si tratta quindi di una specie di ultimo baluardo di difesa, che consiste nel silenziare l’obiettivo del ‘cecchino-farmaco’ creando al contempo uno scudo con molecole simili ma diverse, che consentono di sfuggire all’azione del cetuximab. 
“ La minima quota di cellule tumorali che sopravvive alla terapia acquisisce così caratteristiche di superficie simili a quelle di alcune cellule intestinali sane, che di norma sono quiescenti ma che proliferano invece quando devono riparare il tessuto intestinale dopo un danno, per esempio dopo una gastroenterite – aggiunge  Trusolino –.  Le cellule tumorali residue si comportano allo stesso modo: restano in stand-by, ma poi col tempo tornano a moltiplicarsi, provocando una ricaduta. Aver scoperto i segnali molecolari che vengono accesi per nascondersi a cetuximab e garantirsi una nicchia di sopravvivenza è un grande passo avanti: HER2 ed HER3 possono diventare l’obiettivo di terapie a bersaglio molecolare che potrebbero ‘sfibrare’ lo scudo protettivo delle cellule irriducibili, indebolendo i minuscoli focolai che poi tornano ad alimentare il tumore. Per lo studio sono stati utilizzati campioni di tessuto dei pazienti e non modelli sperimentali: la speranza perciò è che i risultati possano essere trasferiti al più presto in clinica e il prossimo passo è strutturare una rete clinica per iniziare una sperimentazione sui pazienti”.

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Lotta ai due killer: il melanoma e l’inquinamento marino

Il progetto sarà presentato domani lunedì 6 giugno, alle 17,30, presso The Spark in piazza Borsa. Si tratta di un'iniziativa che si inserisce nella guerra al melanoma - il tumore killer della pelle - e all'inquinamento del mare. E' stata messa a punto da Marevivo e da...

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

Pascale, doppio intervento in un sol tempo su paziente 81enne

Pascale, doppio intervento in un sol tempo su paziente 81enne

Affetto da tumore del colon e con metastasi al fegato, all’Istituto dei tumori di Napoli gli evitano due operazioni. E grazie alla robotica l’uomo torna a casa dopo soli 5 giorni Due equipe insieme, un intervento durato 5 ore, un paziente complesso di 81 anni, affetto...

Cannabis light: in Italia è legale o no?

Cannabis light: in Italia è legale o no?

Nonostante in materia ci sia ancora molta confusione, ormai sempre più italiani sembrano capire ma soprattutto apprezzare i prodotti derivanti dalle inflorescenze o dalla resina della marijuana, o cannabis. Per saperne di più sui benefici di questi prodotti, clicca su...

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

Esposizione solare: una medicina naturale per adulti e bambini

L’esposizione al sole è fondamentale come medicina naturale sia per grandi che per piccini, ha davvero molti diversi benefici. Pensare solamente che già solo far entrare il sole nelle nostre case dalle finestre la mattina ha un forte potere rigenerante e tonico,...

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Ospedale Monaldi, Impiantato il primo cuore bioartificiale totale

Primo intervento in Europa da quando il dispositivo ha superato la fase di sperimentazione clinica È stato impiantato all’Ospedale Monaldi di Napoli, per la prima volta in Europa dopo la fase di sperimentazione clinica, il primo cuore bioartificiale totale Carmat...

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Sperimentazioni al seno, il Pascale primo centro clinico al mondo

Con oltre 50 protocolli attivi e centinaia di donne arruolate, Michelino de Laurentiis ha aperto nei giorni scorsi due nuovi studi. Unico, ad oggi, a livello internazionale l’Istituto dei tumori di Napoli sperimenterà farmaci innovativi nell’ambito di questi nuovi...

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica in bici: a Marano “la pedalata del cuore”

Domenica 27 giugno si terrà la seconda edizione dell’evento “La pedalata del cuore”. La manifestazione nasce con il chiaro intento di sensibilizzare le persone, incentivando l’attività fisica e promuovendo, nell’occasione, una passeggiata in bicicletta. “Se ascolto il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te