Insigne, uno stop improvviso. Ma conviene forzare la mano?

da | Ago 3, 2020 | Calcio Napoli

Mentre il San Paolo regalava a Ciro Immobile, scugnizzo di Torre Annunziata, il record di realizzazioni stagionali, facendogli eguagliare Higuain con 36 reti, e consegnandogli la “Scarpa d’oro”, il destino beffardo, talvolta crudele, ha probabilmente tolto all’altro scugnizzo, Lorenzo Insigne da Frattamaggiore, capitano azzurro, la possibilità di giocare “la partita” che potrebbe passare alla storia del Napoli, mai arrivato ai quarti di finale della Champions League neanche quando si chiamava Coppa dei Campioni.

Perché quasi certamente Lorenzo non sarà della partita di Barcellona dopo l’infortunio occorsogli durante la gara contro la Lazio e che lo costringerà al forfeit in Catalogna. Mai dire mai e, per usare un abusatissimo adagio, la speranza è, e sarà, davvero l’ultima a morire per cercare di recuperare alla causa azzurra Insigne. Senza conoscere ancora gli esiti degli esami strumentali, avendo percepito “per esperienza diretta” la fitta avvertita da Lorenzo che lo ha costretto allo stop improvviso, viene da chiedersi: è giusto “forzare” eventualmente i tempi di recupero per “rischiare” poi un periodo molto più lungo di recupero e riabilitazione quando fra 50 giorni sarà di nuovo campionato e una nuova stagione ancora più stressante di quella del post Covid-19? A nostro sommesso avviso… “no”!

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te