Come cambia il modo di abitare. Superati open space e living room

da | Ago 3, 2020 | Cronaca

“Felicità è una casa con le persone che ami dentro”.  Questo  slogan di una nota agenzia immobiliare ben rappresenta la ritrovata consapevolezza della fortuna di avere un tetto sulla testa,  dopo le restrizioni del lockdown  con circa tre mesi  senza  scuola,  in smart working   e  tutti assieme ristretti laddove prima a stento ci si incontrava per  cena (a Napoli ci sono un migliaio di senza fissa dimora  e circa ventimila famiglie che vivono in alloggi degradati) … Ora qualche architetto sostiene che  bisogna pensare ad appartamenti  “dove non solo vivere ma anche  telelavorare”. Come se lo smart working fosse una conquista.  La crisi Covid inoltre spinge a una nuova cultura urbanistica,”con quartieri dove il cittadino possa  trovare nel giro di 10 minuti a piedi tutte le situazioni di cui ha bisogno,  incidendo in tal modo anche sulla mobilità, nel senso che diminuirebbe la domanda di trasporto pubblico”, è il parere di qualche tecnico.  Sic!  Una prospettiva, in pratica,  di atomizzazione, di asocialità: lontano dai luoghi di lavoro,  dal confronto vivo che arricchisce e fa evolvere.  E senza considerare che la mobilità significa scambi culturali, economia, sviluppo… 

Il video dei lavoratori che l’8 marzo scorso si precipitarono  a prendere l’ultimo Intercity in partenza da Milano per il Sud la dice lunga sulla concezione di casa,  nel senso più ancestrale del termine:  quella a cui si appartiene e  in cui  ci si rifugia (e non la città dove si passa per lavoro  l’80% della  vita). Nel momento dell’emergenza, si corre  a casa dei genitori…

La casa è il pilastro della famiglia (nucleo giuridico economico  alla base dell’ordine sociale) nonché la rappresentazione identitaria della personalità di chi la abita. Il luogo protetto,  che sottrae la quotidianità allo sguardo pubblico (e argine all’ingranaggio infernale di impegni  che attentano all’equilibrio e alla salute).  In crisi l’open space e il living room. Viva le stanze, si rivaluta persino il corridoio (per lasciare le scarpe all’ingresso e disinfettarsi le mani nonché per ritirare la spesa mantenendo la distanza sociale). Mai come adesso,  va riconsiderato  il ruolo dei confini .

La casa oltre che per proteggersi nasce anche come bisogno di stabilità,  di dare una forma rituale alla vita (la routine  contro l’imprevedibilità dell’esistenza). Non a caso,  è soltanto quando si insediano che i gruppi nomadi  iniziano a darsi delle regole (finalizzate soprattutto a difendere la proprietà).

Rifugio contro le aggressioni esterne. Luogo della memoria e cioè dell’identità (l’albero senza radici non cresce). Il luogo dell’intimità (dove le dinamiche di gruppo possono essere favorite da una disposizione delle stanze che eviti promiscuità ed attriti) e della sicurezza.

 Perciò  un tempo occorreva chiedere il permesso prima di entrare in casa altrui (il rispetto per l’inviolabilità della casa  coincide con il riconoscimento di una storia, di un secretum  genealogico della famiglia che vi abita),   e vi si entrava in punta di piedi.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te