Come cambia il modo di abitare. Superati open space e living room

da | Ago 3, 2020 | Cronaca

“Felicità è una casa con le persone che ami dentro”.  Questo  slogan di una nota agenzia immobiliare ben rappresenta la ritrovata consapevolezza della fortuna di avere un tetto sulla testa,  dopo le restrizioni del lockdown  con circa tre mesi  senza  scuola,  in smart working   e  tutti assieme ristretti laddove prima a stento ci si incontrava per  cena (a Napoli ci sono un migliaio di senza fissa dimora  e circa ventimila famiglie che vivono in alloggi degradati) … Ora qualche architetto sostiene che  bisogna pensare ad appartamenti  “dove non solo vivere ma anche  telelavorare”. Come se lo smart working fosse una conquista.  La crisi Covid inoltre spinge a una nuova cultura urbanistica,”con quartieri dove il cittadino possa  trovare nel giro di 10 minuti a piedi tutte le situazioni di cui ha bisogno,  incidendo in tal modo anche sulla mobilità, nel senso che diminuirebbe la domanda di trasporto pubblico”, è il parere di qualche tecnico.  Sic!  Una prospettiva, in pratica,  di atomizzazione, di asocialità: lontano dai luoghi di lavoro,  dal confronto vivo che arricchisce e fa evolvere.  E senza considerare che la mobilità significa scambi culturali, economia, sviluppo… 

Il video dei lavoratori che l’8 marzo scorso si precipitarono  a prendere l’ultimo Intercity in partenza da Milano per il Sud la dice lunga sulla concezione di casa,  nel senso più ancestrale del termine:  quella a cui si appartiene e  in cui  ci si rifugia (e non la città dove si passa per lavoro  l’80% della  vita). Nel momento dell’emergenza, si corre  a casa dei genitori…

La casa è il pilastro della famiglia (nucleo giuridico economico  alla base dell’ordine sociale) nonché la rappresentazione identitaria della personalità di chi la abita. Il luogo protetto,  che sottrae la quotidianità allo sguardo pubblico (e argine all’ingranaggio infernale di impegni  che attentano all’equilibrio e alla salute).  In crisi l’open space e il living room. Viva le stanze, si rivaluta persino il corridoio (per lasciare le scarpe all’ingresso e disinfettarsi le mani nonché per ritirare la spesa mantenendo la distanza sociale). Mai come adesso,  va riconsiderato  il ruolo dei confini .

La casa oltre che per proteggersi nasce anche come bisogno di stabilità,  di dare una forma rituale alla vita (la routine  contro l’imprevedibilità dell’esistenza). Non a caso,  è soltanto quando si insediano che i gruppi nomadi  iniziano a darsi delle regole (finalizzate soprattutto a difendere la proprietà).

Rifugio contro le aggressioni esterne. Luogo della memoria e cioè dell’identità (l’albero senza radici non cresce). Il luogo dell’intimità (dove le dinamiche di gruppo possono essere favorite da una disposizione delle stanze che eviti promiscuità ed attriti) e della sicurezza.

 Perciò  un tempo occorreva chiedere il permesso prima di entrare in casa altrui (il rispetto per l’inviolabilità della casa  coincide con il riconoscimento di una storia, di un secretum  genealogico della famiglia che vi abita),   e vi si entrava in punta di piedi.

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te