Napoli – Lazio 3-1, gli azzuri chiudono in bellezza un campionato da dimenticare

da | Ago 1, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Napoli – Lazio finisce 3-1, in gol Ruiz, Insigne e Politano, per la Lazio in gol Ciro Immobile che eguaglia il record di Higuain a 36 gol stagionali.

Prima del match, in curva B viene esposto uno striscione, poi rimosso prima dell’ingresso in campo delle squadre, con la frase: “17-06-20 in un momento difficile grazie di aver onorato la nostra cittĂ ”, un messaggio dei tifosi ai calciatori trionfatori della Coppa Italia.

Inizia la partita con Callejon che, forse, nell’ultima partita al San Paolo, indossa la fascia da capitano. Dopo 2 minuti di gioco di gioco, sul San Paolo si scatena un fote acquazzone. Partita di fine campionato, ma le squadre sul campo non si risparmiano, al nono minuto di gioco gli azzurri passano in vantaggio, bella imbucata per Zielinski che controlla e serve Mertens al limite dell’area, il belga serve Fabia Ruiz che lasciato troppo libero al limite dell’area laziale, calcia e batte Strakosha, sul tiro c’è una leggera di Felipe che fa cambiare traiettoria alla palla. Dopo il gol i ragazzi di Gattuso sembrano crederci ancora di piĂą, in pochi minuti sfiorano il raddoppio per ben 2 volte, la prima con Di Lorenzo, anticipato all’ultimo secondo da Felipe prima di calciare a botta sicura, la seconda con Insigne che penetra in area e con un sinistro ad incrociare rasoterra, sfiora il palo a Strakosha battuto. Minuto 22 pareggio della Lazio, Ciro Immobile eguaglia il record di Higuain, sul cross di Marusic, il talento di Torre Annunziata, anticipa Manolas e batte sul primo palo Ospina, 36esimo gol in stagione per l’attaccante piĂą prolifero del campionato. In una frazione di gioco dove il Napoli cala un pò, i ragazzi di Inzaghi trovano il pareggio, proprio dopo tale pareggio, la partita entra in una fase di stallo, poche altre occasioni da raccontare se non il bel tiro di Mario Rui che, su una bella azione degli azzurri al minuto 39, sfiora il palo alla sinistra di Strakosha. Finisce primo tempo sul punteggio di 1 a 1.

Inizia il secondo tempo, partono bene gli azzurri che su un errore in disimpegno della Lazio, sfiorano il vantaggio dopo appena cinquanta secondi, ma il passaggio di Mertens è leggermente lungo per Callejon che manca il tap-in per pochissimi centimetri. All’ottavo minuto gli azzurri tornano in vantaggio, Insigne trasforma un penalty procurato da Mertens, il belga liberato in area proprio da Insigne deve affrettare la conclusione per l’intervento scomposto di Parolo che lo falcia, per Calvarese è rigore. Ottimo momento per gli azzurri che controllano la partita e, in fase di non possesso, riescono a non subire grossi pericoli. . Primo spazio per le sostituzioni richiesto dal Napoli ed è triplice cambio, entrano Demme per Lobotka, Ghoulam per Mario Rui e finisce qui l’avventura al San Paolo di Callejon che viene sostituito da Lozano, il 7 azzurro esce tra gli applausi dei pochi presenti allo stadio. Al minuto 37, brutta tegola per il Napoli, l’infotunio di Insigne, ancora una volta tra i migliori in campo, il 24 azzurro accusa un dolore all’aduttore e si ferma, da verificare le sue condizioni in vista della sfida contro il Barcellona di sabato prossimo, al suo posto entra Politano e Gattuso effettua anche il quinto cambio con Elmas che rileva Zielinski. Nei minuti di recupero arriva il 3-1, bellissima azione azzurra che muove palla velocemente, Di Lorenzo vede Mertens e lo serve con precisione, il belga invece di calciare appoggia un assist perfetto per Politano che chiude la partita.

Finisce 3-1, il Napoli chiude in bellezza un campionato unico nel suo particolare, ci auguriamo vivamente di non viverne piĂą stagioni del genere, oltre al brutto piazzamento in classifica, settimo, anche per il virus che ha fermato tutto.

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te