Tempo di lettura: 3 minuti

Napoli – Lazio finisce 3-1, in gol Ruiz, Insigne e Politano, per la Lazio in gol Ciro Immobile che eguaglia il record di Higuain a 36 gol stagionali.

Prima del match, in curva B viene esposto uno striscione, poi rimosso prima dell’ingresso in campo delle squadre, con la frase: “17-06-20 in un momento difficile grazie di aver onorato la nostra città”, un messaggio dei tifosi ai calciatori trionfatori della Coppa Italia.

Inizia la partita con Callejon che, forse, nell’ultima partita al San Paolo, indossa la fascia da capitano. Dopo 2 minuti di gioco di gioco, sul San Paolo si scatena un fote acquazzone. Partita di fine campionato, ma le squadre sul campo non si risparmiano, al nono minuto di gioco gli azzurri passano in vantaggio, bella imbucata per Zielinski che controlla e serve Mertens al limite dell’area, il belga serve Fabia Ruiz che lasciato troppo libero al limite dell’area laziale, calcia e batte Strakosha, sul tiro c’è una leggera di Felipe che fa cambiare traiettoria alla palla. Dopo il gol i ragazzi di Gattuso sembrano crederci ancora di più, in pochi minuti sfiorano il raddoppio per ben 2 volte, la prima con Di Lorenzo, anticipato all’ultimo secondo da Felipe prima di calciare a botta sicura, la seconda con Insigne che penetra in area e con un sinistro ad incrociare rasoterra, sfiora il palo a Strakosha battuto. Minuto 22 pareggio della Lazio, Ciro Immobile eguaglia il record di Higuain, sul cross di Marusic, il talento di Torre Annunziata, anticipa Manolas e batte sul primo palo Ospina, 36esimo gol in stagione per l’attaccante più prolifero del campionato. In una frazione di gioco dove il Napoli cala un pò, i ragazzi di Inzaghi trovano il pareggio, proprio dopo tale pareggio, la partita entra in una fase di stallo, poche altre occasioni da raccontare se non il bel tiro di Mario Rui che, su una bella azione degli azzurri al minuto 39, sfiora il palo alla sinistra di Strakosha. Finisce primo tempo sul punteggio di 1 a 1.

Inizia il secondo tempo, partono bene gli azzurri che su un errore in disimpegno della Lazio, sfiorano il vantaggio dopo appena cinquanta secondi, ma il passaggio di Mertens è leggermente lungo per Callejon che manca il tap-in per pochissimi centimetri. All’ottavo minuto gli azzurri tornano in vantaggio, Insigne trasforma un penalty procurato da Mertens, il belga liberato in area proprio da Insigne deve affrettare la conclusione per l’intervento scomposto di Parolo che lo falcia, per Calvarese è rigore. Ottimo momento per gli azzurri che controllano la partita e, in fase di non possesso, riescono a non subire grossi pericoli. . Primo spazio per le sostituzioni richiesto dal Napoli ed è triplice cambio, entrano Demme per Lobotka, Ghoulam per Mario Rui e finisce qui l’avventura al San Paolo di Callejon che viene sostituito da Lozano, il 7 azzurro esce tra gli applausi dei pochi presenti allo stadio. Al minuto 37, brutta tegola per il Napoli, l’infotunio di Insigne, ancora una volta tra i migliori in campo, il 24 azzurro accusa un dolore all’aduttore e si ferma, da verificare le sue condizioni in vista della sfida contro il Barcellona di sabato prossimo, al suo posto entra Politano e Gattuso effettua anche il quinto cambio con Elmas che rileva Zielinski. Nei minuti di recupero arriva il 3-1, bellissima azione azzurra che muove palla velocemente, Di Lorenzo vede Mertens e lo serve con precisione, il belga invece di calciare appoggia un assist perfetto per Politano che chiude la partita.

Finisce 3-1, il Napoli chiude in bellezza un campionato unico nel suo particolare, ci auguriamo vivamente di non viverne più stagioni del genere, oltre al brutto piazzamento in classifica, settimo, anche per il virus che ha fermato tutto.