Napoli-Sassuolo finisce 2-0, in gol Hysaj ed Allan, quattro gol dei ragazzi di De Zerbi cancellati dal Var e dalla buona linea difensiva azzurra.

Ottimo avvio di partita del Sassuolo che, con una buona cirolazione di palla, mette in difficoltà la retroguardia azzurra, prima con Berardi e poi con Djuricic che collezionano 2 occasioni di periocolo per la porta di Ospina, nei primi 5 minuti della partita. Dopo lo sprint iniziale, sale la prestazione degli azzurri che riescono a prendere le giuste misure e iniziano a comandare il gioco. E’ il settimo minuto di gioco quando si sblocca il risultato, il marcatore non è per niente tra i più frequenti a realizzare reti, Hysaj porta palla al limite dell’area nero verde e invece di crossare, rientra sul sinistro e calcia rasoterra sul palo lontano di Consigli che, sorpreso, non può fare altro che raccogliere la palla dalla rete. Il match prosegue su un buon ritmo da parte del Napoli che in più occasioni sfiora il raddoppio, Insigne al ventesimo effettua un taglio verso il centro dell’area, Zielinski lo vede e lo premia, il capitano solo davanti a Consigli calcia di poco fuori. Poco più tardi Zielinski si rende pericoloso in due occasioni nel giro di qualche minuto, prima quando calcia fuori, dal limite dell’area, una palla che sfiora il palo, poi poco dopo con una conclusione di controbalzo che impegna Consigli. Dopo il cooling break, al minuto 32, va in gol il Sassuolo con Djuricic, in una delle poche occasioni offensive dei nero verdi fino a questo momento della partita,ma la rete viene annunllata per fuorigioco del 10 di De Zerbi su segnalazione del guardialinee, poi confermata dal Var. Sei minuti più tardi, ancora in gol il Sassuolo, ancora con Djuricic, ma questa volta interviene il Var per annullare la rete per fuorigioco di Traorè. Leggermente in calo gli azzurri in questa fase di gioco, rischiano nuovamente nel primo minuto di recupero quando, ancora Djuricic, sfodera un tiro angolato dal limite dell’area che impegna Ospina a deviare in angolo. Finisce il primo tempo con gli azzurri in vantaggio.

Inizia il secondo tempo, a partire forte questa volta è il Napoli, dopo appena 40 secondi i ragazzi di Rino chiamano Consigli ad effettuare una gran intervento, Milik calcia ma la sfera viene ribattuta da Ferrari, sulla palla si fionda Zielinski che con un tiro a volo non becca in sette solo per la bella parata di Consigli. Al quinto minuto Sassuolo nuovamente in gol, questa volta a segnare è Caputo che batte Ospina sul primo palo, ma interviene ancora una volta il Var che annulla per la terza volta il pareggio al Sassuolo per fuorigioco di Berardi. Cala visibilmente il Napoli in questa fase di gioco, gli azzurri riescono a contrastare a fatica il buon gioco dei ragazzi di De Zerbi, al minuto 62 per la quarta volta in gol il Sassuolo con Berardi, Maksimovic appena entrato sbaglia un rilancio regalando palla a Traorè che gira subito per Caputo, il 9 nero verde aspetta l’inserimento di berardi che batte Ospina, per la quarta volta interviene il Var che annulla il gol per fuorigioco di Caputo. Al minuto 69 ammonito Mertens, entrato da due minuti rintra a gran corsa su un contropiede del Sassuolo e va a commettere fallo sul portatore palla, il belga in diffida salterà la partita di martedì a Milano contro l’Inter. Dopo una fase di gioco in sofferenza per gli azzurri, dal minuto 80 ritornano a controllare il match, poche altre emozioni fino ai minuti di recupero quando, il Napoli trova il raddoppio, lancio di Hysaj dalla metà campo partenopea, Politano prolunga per Mertens, Dries vede arrivare e serve Allan che con un tiro potente e preciso trova l’angolino alla destra di Consigli. Finisce il match, Napoli Sassuolo 2-0.

Gli azzurri ritornano alla vittoria, 2 a 0 contro un ottimo Sassuolo che è riuscito a mettere in difficoltà gli azzurri i quali, più volte hanno rischiato di subire il pareggio. Pareggio che ricordiamo, è arrivato per 4 volte ma, grazie al Var e alla buona linea difensiva azzurra, è stato nullo. Un plauso comunque va al Napoli che dopo un buon primo tempo dove è riuscito a sbloccare il risultato e a rischiare ben poco, riesce a soffrire e difendere nel secondo, trovando il vantaggio nei minuti finali contro una squadra che ha espresso un’ottima organizzazione di gioco, con momenti di totale controllo del match, costringendo gli avversari a raddoppiare le fatiche.