Regole non rispettate, De Luca minaccia il ritorno all’obbligo della mascherina

da | Lug 22, 2020 | Primo piano

Era inevitabile. Archiviata la morsa del lockdown lentamente il lassismo ha preso il sopravvento ed ora le regole auree per sconfiggere definitivamente il coronavirus sono saltate. Mascherine poche, distanziamento una chimera. Di fronte al pericolo di nuovi focolai scende ancora il campo il presidente della Regione De Luca: “Un ritorno all’obbligo della mascherina all’aperto diventerà inevitabile se c’è una moltiplicazione dei contagi”. È un chiaro avviso a tutti i cittadini affinché continuino ad essere prudenti, a rispettare le regole. I numeri in Campania continuano ad essere stabili ma non bisogna sottovalutare la forza del virus.

Sotto accusa è soprattutto la movida. I ragazzi si vedono ogni sera nei luoghi cult (in particolare i baretti di Chiaia, via Aniello Falcone e piazza Bellini) e non danno alcun segno di volersi attenere alle regole. Nessuno indossa la mascherina e men che mai osservano il distanziamento. I proprietari delle abitazioni che insistono sui locali più frequentati alle lamentele di sempre aggiungono ora quelle dovute al pericolo contagio. Ma sono inascoltati. Predicano a vuoto, non c’è alcun controllo. De Luca farebbe bene ad interessare prefetto, questore e comandante dei carabinieri, perché si tratta chiaramente di una questione di ordine pubblico. Quanto a De Magistris è inutile sperare in una sua mobilitazione attraverso i vigili urbani. I suoi interessi sono ormai confinati ai rapporti con i centri sociali, in tutto questo lungo periodo di pandemia la sua presenza è risultata impalpabile.

Altri problemi derivano poi dalle presenze sui mezzi di trasporto pubblico. Sui bus, pochissimi, che circolano la mascherina è un optional. E molti sono affollatissimi. Maggior rispetto, invece, sulla linea 1 della Metro.

Situazione problematica, invece, su traghetti e aliscafi. Qui si nota una sorta di vera e propria idiosincrasia e gli addetti delle compagnie si limitano a girare e a sollecitare. Nei casi di maggiore riluttanza dovrebbero affidarsi al comandante e denunziare i riottosi. Cosa che non fanno assolutamente.

Non sempre, inoltre, il distanziamento avviene sui lidi balneari, né tanto meno si rispettano le regole sulle spiagge libere. C’è insomma da dover intervenire, prima che la minaccia di De Luca diventi concreta.

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

Napoli e la “deriva americana”

Napoli e la “deriva americana”

Finora esente dagli assalti a sfondo razziale che partono dai ghetti (come avvenuto il 2 giugno nel Milanese) L’escalation di risse, pestaggi, accoltellamenti, ragazzini che puntano le pistole contro le forze dell’ordine, ha fatto parlare di “deriva americana” a...

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te