Parma-Napoli la decide Giua, 2 rigori inesistenti battono gli azzurri

da | Lug 22, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Parma-Napoli finisce 2-1, l’arbitro Giua di Sassari in serata negativa, con i suoi errori indirizza una partita destinata al pareggio, a favore dei padroni di casa che conquistano i tre punti con un rigore inesistente nel finale.

Analizzando il match, tutto sommato gli azzurri hanno disputato una buona partita, con il solito giro palla che ha evitato a Meret di sporcarsi perfino il completino, totalizzando il 69% del possesso palla e senza riuscire ad impensierire più di tanto Sepe. C’è però da ricordare che mancavano Milik e Mertens, quindi con l’assenza di una prima punta Gattuso, schiera Lozano dal primo minuto attaccante centrale, purtroppo il messicano anche in questa circostanza è autore di una prova non sufficiente.

Poi sale in cattedra il signor Giua, protagonista in negativo con il Napoli già contro il Lecce, ma questa sera l’arbitro commette molti errori, nel primo rigore dato al Parma, Grassi inciampa con Mario Rui che salta per non toccare il centrocampista del Parma, quest’ultimo molto furbescamente al minimo tocco, qualora ci fosse stato, va a terra ingannando l’arbitro, il fischietto di Sassari sbaglia anche successivamente al minuto 52, quando fischia punizione al limite per il Napoliper tocco di mano di Grassi, non accorgendosi che il fallo avviene dentro l’area di rigore, fortunatamente in questa circostanza il Var lo richiama per fargli prendere la giusta decisione. Sul terzo rigore, il secondo per la squadra che gioca in casa, è un vero e proprio orrore arbitrale, infatti kulusevski salta koulibaly che nel tentativo di recuperarlo, secondo il parere dell’arbitro commette fallo, ma come si può notare dalle immagini è il calciatore del Parma ad allargare la gamba sinistra rallentando la corsa e, particolare ancora più clamoroso, si nota dai vari replay che è già in caduta prima ancora del contatto con kulibaly.

La prestazione negativa dell’arbitro non distoglie però da ciò che è mancato nel Napoli, nelle ultime partite stiamo vedendo una squadra con scarse motivazioni, poco incisiva se non quando bisogna recuperare il risultato, segno evidente che c’è una carezza di grinta che servirebbe per affrontare in modo più incisivo le partite, ma che allo stesso tempo fa capire che basta una scintilla o una motivazione in più, quale può essere la Champions League per vedere in campo un altro Napoli.

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League

Napoli fuori dalla Champions League, bruttissima prestazione dei ragazzi di Gattuso che non riescono a battere il Verona, 1-1 e i bianconeri ringraziano. Napoli fuori dalla Champions League - Tensione alle stelle al Maradona di Fuorigrotta, dai primi minuti del match,...

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli, tre punti per sognare il futuro

Napoli-Verona: gli azzurri giocano per non rovinarsi la Champions e le vacanze; motivi più convincenti di ogni modulo tattico. Difendendo il quarto posto dalla Juventus, posizione appena conquistata a dispetto di Cassandre e menagrami, Gattuso e i suoi avranno...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te