Parma-Napoli la decide Giua, 2 rigori inesistenti battono gli azzurri

da | Lug 22, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Parma-Napoli finisce 2-1, l’arbitro Giua di Sassari in serata negativa, con i suoi errori indirizza una partita destinata al pareggio, a favore dei padroni di casa che conquistano i tre punti con un rigore inesistente nel finale.

Analizzando il match, tutto sommato gli azzurri hanno disputato una buona partita, con il solito giro palla che ha evitato a Meret di sporcarsi perfino il completino, totalizzando il 69% del possesso palla e senza riuscire ad impensierire più di tanto Sepe. C’è però da ricordare che mancavano Milik e Mertens, quindi con l’assenza di una prima punta Gattuso, schiera Lozano dal primo minuto attaccante centrale, purtroppo il messicano anche in questa circostanza è autore di una prova non sufficiente.

Poi sale in cattedra il signor Giua, protagonista in negativo con il Napoli già contro il Lecce, ma questa sera l’arbitro commette molti errori, nel primo rigore dato al Parma, Grassi inciampa con Mario Rui che salta per non toccare il centrocampista del Parma, quest’ultimo molto furbescamente al minimo tocco, qualora ci fosse stato, va a terra ingannando l’arbitro, il fischietto di Sassari sbaglia anche successivamente al minuto 52, quando fischia punizione al limite per il Napoliper tocco di mano di Grassi, non accorgendosi che il fallo avviene dentro l’area di rigore, fortunatamente in questa circostanza il Var lo richiama per fargli prendere la giusta decisione. Sul terzo rigore, il secondo per la squadra che gioca in casa, è un vero e proprio orrore arbitrale, infatti kulusevski salta koulibaly che nel tentativo di recuperarlo, secondo il parere dell’arbitro commette fallo, ma come si può notare dalle immagini è il calciatore del Parma ad allargare la gamba sinistra rallentando la corsa e, particolare ancora più clamoroso, si nota dai vari replay che è già in caduta prima ancora del contatto con kulibaly.

La prestazione negativa dell’arbitro non distoglie però da ciò che è mancato nel Napoli, nelle ultime partite stiamo vedendo una squadra con scarse motivazioni, poco incisiva se non quando bisogna recuperare il risultato, segno evidente che c’è una carezza di grinta che servirebbe per affrontare in modo più incisivo le partite, ma che allo stesso tempo fa capire che basta una scintilla o una motivazione in più, quale può essere la Champions League per vedere in campo un altro Napoli.

Una Cittadella universitaria da Oscar

Una Cittadella universitaria da Oscar

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: straordinario successo ai David di Donatello 2022 per i “Grandi Maestri” del Cinema dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Si può ormai definire una formazione accademica ‘da Oscar’ quella dell’Università Suor Orsola...

E ora il “branco” va in spiaggia…

E ora il “branco” va in spiaggia…

Non bastava la mala-movida. Ancora gravi i due minorenni accoltellati a Marechiaro. Il mare negato Non bastava la mala-movida notturna, adesso con l’arrivo della bella stagione c’è da fronteggiare anche la violenza collegata all’afflusso alle località balneari,...

Napoli, il futuro è da inventare

Napoli, il futuro è da inventare

Il terzo posto non può diventare il punto di arrivo per una società ambiziosa e per tifosi appassionati Sarà il Milan o l’Inter a fregiarsi del triangolino tricolore ai tifosi del Napoli interessa poco. La delusione, nonostante il terzo posto e la qualificazione...

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Il cinema napoletano in cattedra ai David di Donatello

Da Leonardo Di Costanzo a Nicola Giuliano: ben 12 nomination ai “Grandi Maestri” dell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli Questa sera (diretta su Rai Uno dalle 21.25) negli studi di Cinecittà per la cerimonia di premiazione della 67esima edizione dei David di...

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

Lavoro, è il boom dell’archeologo tecnologico

di Federico Marazzi * In Campania l’eccellenza della formazione è all’Università Suor Orsola Benincasa Immaginate di vedere per la strada un’auto d’epoca, esteticamente affascinante, capace di ottime performances, ma a prezzo di consumi di carburante decisamente...

Come tutelare il nostro “oro blu”

Come tutelare il nostro “oro blu”

Iniziativa per la candidatura Unesco delle acque sorgive del Golfo a “patrimonio dell'Umanità”. I dati, le ipotesi “Facile aprire il rubinetto ed avere a disposizione una delle acque più pregiate, più controllate d’Italia. Ma ciò richiede un grosso sforzo tecnico, una...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te