Horror pleni, viviamo nell’inciviltà del rumore

da | Lug 21, 2020 | Cultura&Spettacolo

di Silvana Lautieri *

In un mondo del “brusio scordato” (A. Iadicicco ), particolare rilievo assume il concetto chiave di horror pleni che si evince dall’ultimo lavoro di Gillo Dorfles, il critico d’arte che illustra la propria idea del bello e che nell’intervista rilasciata alla Iadicicco (Il Giornale del lontano 14.03.68) precisava “…l’impressione che mi ha indotto a formulare il concetto di horror pleni ha origini lontane. Tutto è iniziato nel dopoguerra, con le voci ed i suoni striduli delle radioline che si udivano nella strada, nei caffè, che uscivano dalla finestra e dai cortili per invadere l’etere. Era niente in confronto all’attuale saturazione dell’etere, gremito di messaggi, riempito dal flusso inarrestabile delle comunicazioni: della televisione, i computer, la pubblicità. L’effetto è quello del frastuono, del rumore frastornante. Persino quando è musica quella che si trasmette e si diffonde: nelle segreterie telefoniche, le segreterie dei telefonini, e quelle che suonano senza sosta negli spazi pubblici, i bar, i ristoranti, i grandi magazzini. E non credo che occorra possedere una speciale sensibilità per provarne noia, per avvertire un senso di ripulsa perché il bombardamento costante di stimolazioni visive ed uditive suscita fisiologicamente, in quasi tutti, una reazione di rifiuto“.

Ne deriva un senso di “sordo ottundimento“ che porta ad essere spettatori assenti di ciò a cui si dice di partecipare: non si sa ascoltare, non si sa guardare perché la civiltà della comunicazione totale conduce all’incapacità di distinguere segnali e contenuti; l’aumento di informazioni non accresce il patrimonio del sapere: ciò che colpisce è l’impatto con la novità.

Inoltre per gratificare questo tipo di bisogno, l’informazione si spettacolarizza. Gli esiti estremi di questa tendenza sfiorano una sorta di   perversione preoccupante che può degenerare nell’approccio morboso, nella smania di mettere a nudo spesso il dolore delle vite private.

Per uscire occorre recuperare “l’intervallo perduto“. In tanto frastuono è sicuramente un cattivo critico colui che non è disposto – osserva Dorfles – a cambiare i propri gusti con il tempo. Il tempo: una categoria di pensiero, e non solo, in cui questo grande interprete della bellezza sembra si sia mosso al di là del dato anagrafico, per affermare, ancora una volta, la necessità di fermarsi di fronte allo scenario inquietante dei nostri vuoti per recuperare la capacità di sentire, di vedere, di comunicare: a dispetto del baccano, del fracasso di sottofondo che accompagna la nostra contemporaneità.

Uno sguardo, una riflessione che viene da lontano, a conferma che non occorre essere Cassandra per premonire ciò che il semplice buon senso è in grado di prevedere e preannunciare.

*Presidente Centro studi Erich Fromm

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

È passato solo un anno dal debutto di Giovanni Taranto, con “La fiamma spezzata”. Ed eccolo ora riproporsi con un nuovo romanzo, sullo stesso tema, intrighi ed affari della criminalità organizzata vesuviana al vaglio di un investigatore serio e determinato. Siamo...

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

La geniale intuizione di Fortuna Imperatore, game designer napoletana laureata in Psicologia A chi poteva venire in mente l’idea di creare un videogioco che avesse per protagonisti Freud e la psicoanalisi? O a un matto o ad un genio, ma sicuramente con l’inventiva e...

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Grande successo per il concerto di musica classica “Note di pace” a Casavatore Grande successo di partecipazione e di pubblico per il concerto di musica classica per violino e pianoforte tenutosi presso la parrocchia di Gesù Cristo lavoratore a Casavatore, intitolato...

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì 8 Giugno, alle ore 15,30, nellʼincantevole cornice di Castel SantʼElmo, a Napoli,si terrà la manifestazione conclusiva della XXVI edizione del Premio Letterario Internazionale “Emily Dickinson”, fondato e presieduto dalla scrittrice e giornalista Carmela...

“Maradò”, le voci del popolo

“Maradò”, le voci del popolo

Nel libro di Anna Copertino, l’universo napoletano del Dios Che cosa non si è scritto e detto di Maradona che ormai non si sappia? Artisti, grandi firme, uomini di cultura e registi ne hanno la grandezza, miseria e nobiltà ma ognuno con la propria idea e l’immagine ed...

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Un evento di un’intera giornata dedicato alla cultura. A Procida” l’isola che non si isola” e che quest’anno sta celebrando il suo essere capitale della cultura l’appuntamento è fissato per domenica 29 maggio. Un evento che si snoderà in tre momenti, tutti idealmente...

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Le domeniche dal 1° maggio al 5 giugno si terranno cinque concerti di musica dal vivo nei luoghi incantevoli della Campania Napoli – Ercolano – Vico Equense – Sorrento – Ravello. Il Chitarrista Max Puglia (Hermanos, Ruggiero, Buonocore, Gragnaniello, Fò, Hernadez,...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

A tu per tu con Maria Cuono

A tu per tu con Maria Cuono

L’intervista di Noi per Napoli alla scrittrice, giornalista e docente cilentana: una vita per il teatro A tu per tu con Maria Cuono, docente, giornalista e valente scrittrice cilentana. Le abbiamo rivolto qualche domanda per farla parlare di sé, della sua arte e per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te