’O mare è nu bene comune

da | Lug 20, 2020 | Cronaca

L’urdemo rapporto ’e Legambiente ce fa sapé ca in Campania ’nce stanno 812 rifiute p’ogne 100 metre ’e spiaggia

’Sti vierze, comme succede sempre quanno a Nnapule se parla d’ ’o mare, so’ cchiene ’e puisìa. O almeno succedeva na vota, quanno se scriveva: “…l’onna chianu chiano / vasa ’a rena e ppo’ scumpare” (G. B. De Curtis e E. De Curtis, 1011), e sse senteva dicere ’stu pruverbio: “Chi a ffemmene crede, ara ’o mare e semmena ’a rena”. Però, cu ttutte ’e prubbleme che cce stanno pe mmezza d’ ’o Coronavirùs, mo parlà ’e mare e spiagge purtroppo è addeventato n’argumento assaje delicato e ppe nniente puetico.
Distanze ’e sicurezza ’a rispettà, puoste ’a prenotà, mascarine chirurgeche ammescate cu ’e mmascare pe nnatà sott’acqua, ammacaro pure docce cu ’o ggell disinfettante… ’Nzomma, nu bellu casino, addò chille che ttenevano ’e cuncessiune p’ ’e spiagge hanno avuto pure nu sacco ’e prubbleme pe s’adattà ê rreole nove. E pperò mo se stanno rifacenno bbuono d’ ’e spese fatte, a ppreggiudizzio d’ ’a ggente che se vurriano fa’ quacche bbagno a mmare, ma nun trovano cchiù na chiajulella libbera e hann’ ’a pavà nu sacco ’e denare sulo pe llucà nu ’mbrellone e quacche seggia.


Se diceva tanno ca, pe vvia ca ’o mare è ’e tuttequante, nisciuno se puteva permettere ’e privatizzà ’stu bbene cummune. Eppure ô 2018 Legambientece facette sapé ca in Italia – che ttene 8.000 chilometre ’e coste – tenevemo già riggione addò ’o 90 pe cciento d’ ’e spiagge erano addiventate private. ’Nfatte, scrudenno Puglia Sardegna e Llazzio cchiù virtuose, chella parte d’ ’o litorale nuosto ch’è stato lassato libbero va d’ ’o quaranta ô zzero pe cciento. Ato ca “deritto ô mare e dd’ ’o mare”, comme predecava na campagna ambientalista che V.A.S.prencepiaje ô 1996!…
C’ ’o prubblema d’ ’o Covìd, po’, ’ncopp’a pparecchie spiagge che ancora libbere mo nun ce putimmo jì cchiù libberamente, pecché cierte cummune, visto ca ’e puoste so’ llimitate, pensajeno bbuono ’e lle riservà sulo p’ ’e cetatine lloro. N’atu bruttu guajo p’ ’e spiagge taliane songo ’e ttunnellate ’e munnezza che ’nce putimmo truvà abbandunate. A vvasà ’a rena, oramaje, nun so’ cchiù sulo ll’onne, pecché ’nce truvammo overamente nu ppoco ’e tutto, traspurtato d’ ’o mare ma pure scarrecato ’a ggente zuzzosa e ssenza rispetto. L’urdemo rapporto ’e Legambiente ce fa sapé ca in Campania ’nce stanno 812 rifiute p’ogne 100 metre ’e spiaggia (654 si parlammo ’e ll’Italia sana). Chesto vene a ddicere ca, si è overo ca ogne ’mbrellone cu 4-5 perzone ha dda a fforza tené attuorno nu spazzio quase ’e cinche metre, a ogne pposto spettano na quarantina ’e rifiute, dicimmo… otto/diece pe ccranio…!
Si po’ vulite sapé pure qua’ specie ’e munnezza se trovano ’ncopp’ ê spiagge d’ ’a Campania infelix, l’indaggine ‘Beach Litter’ ce conta ca se tratta ’e muntune ’e scatule, piatte e ppusate ’e plasteca; cuòfene ’e mezzune ’e sigarrette; lignamme e scàrreche varie d’ ’e fravecature e, cosa sicuramente nova, guante ’e gomma e mmascarine varie. ’A plasteca naturalmente fa ’a parta d’ ’o… gallo ’ncopp’â munnezza, pecché è l’88%’e tuttecose; lle veno appriesso ’e metalle (3,3), ’o lignamme (2,4) e bbrito e ppurcellana (2,3). ’O rapporto ’e Legambientece parla d’ ’a Campania, però ’o riesto d’’e ccoste taliane nun stanno cchiù mmeglio, pecché nun ce stanno spiagge addò nun truvammo spase mezzune, butteglie ’e plasteca e bbuste p’ ’a spesa.
Pe cchesto, nun abbasta descrivere pueticamente ’o mare ’e Margellina, Pusilleco e Ssurriento oppure cantà ”Licola sotto la canicola” e nemmanco putimmo rivendicà ’o deritto d’avé spiagge libbere pe tuttequante, si nun ce sapimmo purtà comme perzone educate e nu’ rrispettammo ’o mare nostrum.
Nu’ sse chiamma accussì pecchè ’nce putimmo scrianzatamente fa’ tutto chello che vvulimmo, ma pecché è nu bene comune e n’ambiente ’a pruteggere. Diverzamente, Covìd o non Covìd, pe cce fa nu bagno nun ce aspettano cchiù spiagge private o pure lide mappatella, ma sulo na zuzzosa e ppericulusa… Munnezzella Beach!

Linea 1 tra ritardi e incubo Covid

Linea 1 tra ritardi e incubo Covid

Corse dei treni col contagocce e assembramenti indotti dai guasti. Disagi in aumento per l’utenza Un utente chiede spiegazioni al dipendente in servizio nella stazione della Linea 1 di Medaglie d’oro sul motivo del ritardo dell’arrivo del treno della metropolitana...

A Bacoli l’Università sul mare

A Bacoli l’Università sul mare

Sul litorale Flegreo una sede dell’ateneo Federico II. Il sindaco: “Che spettacolo” Sembra un sogno, ma è già quasi realtà. Sul litorale flegreo, a Bacoli, l’Università avrà la spiaggia libera e anche la discesa a mare. Studenti e perché no, anche professori e...

Campania, allerta meteo dalle 20

Campania, allerta meteo dalle 20

La Protezione Civile della Regione Campania ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 20 di stasera, lunedì 15 novembre, fino alle 12 di domani, martedì 16 novembre, su tutta la Campania. Si prevedono precipitazioni sparse, anche a...

Mercato, ruba ponteggi da un cantiere: denunciato

Mercato, ruba ponteggi da un cantiere: denunciato

Ieri sera gli agenti del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti nei pressi di un cantiere edile in via Renovella, per la segnalazione di una persona che stava asportando...

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Così Vito Nocera ricorda Francesco Ruotolo

Ecco una poesia in ricordo di Francesco Ruotolo scritta il 15 novembre 2020 da Vito Nocera, uno dei maggiori esponenti della sinistra napoletana, fra i fondatori di Democrazia Proletaria (1977) e Rifondazione Comunista (1991). FRANCESCO RUOTOLO È MORTO Forse era...

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

Quarto, nascondeva armi e munizioni nel divano: arrestato

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Napoli hanno arrestato un 39enne di Quarto già noto alle forze dell'ordine, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Napoli, su richiesta della Direzione...

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Napoli, Manfredi riceve il nuovo prefetto Claudio Palomba

Questa mattina il Sindaco di Napoli Gaetano Manfredi ha ricevuto a Palazzo San Giacomo il nuovo Prefetto di Napoli Claudio Palomba, napoletano di 61 anni, tornato nella città partenopea dopo aver guidato la prefettura di Torino  «Una figura di assoluto prestigio con...

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Decumani, ruba in un bar: arrestato

Ieri notte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in via Conte di Ruvo sono stati avvicinati da un passante che ha segnalato loro un furto in atto ai danni di un bar in via Bellini. I poliziotti, ...

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Napoli centrale, ruba un cellulare a una ragazza: arrestato

Gli agenti del Compartimento Polizia ferroviaria per la Campania, nell’ambito dei servizi di vigilanza predisposti in stazione, hanno arrestato un cittadino algerino 50enne per il reato di furto aggravato. L’uomo ha attirato l’attenzione degli operatori della Squadra...

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Al via a Napoli la quarta edizione del Master in arti sceniche

Lo spazio culturale di eccellenza per la ricerca  pedagogica nell’assonanza tra teatro e insegnamento Il bisogno delle relazioni, dei rapporti con gli altri stimola anche la didattica universitaria post Covid: ritorna, infatti, in presenza, il 26 novembre, nel Teatro...

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

Napoli, sequestrato cantiere abusivo per rischio crollo

A seguito di una segnalazione, il personale della Polizia Locale di Napoli, dell’U.O. Avvocata, insieme al reparto specialistico di Tutela Edilizia, è intervenuto in Via Emanuele De Deo, dove, terzo piano di un grande condominio, il proprietario di un appartamento...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te