Napoli-Udinese 2-1: gran gol di Politano all’ultimo minuto di recupero che regala i tre punti ai partenopei

da | Lug 19, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Napoli-Udinese finisce 2-1, gli azzurri vincono in rimonta, al gol di De Paul risponde Milik, nell’ultimo minuto di recupero, gran gol di Politano che regala i tre punti ai partenopei.

L’Udinese al San Paolo cerca punti salvezza, la squadra di Gotti a solo 7 lunghezze dalla retrocessione, contro la squadra partenopea cerca punti per restare lontana dalla zona calda della classifica, il Napoli invece cerca il riscatto dopo gli ultimi due pareggi consecutivi per nulla soddisfacenti. Gli azzurri come al solito iniziano la partita in modo sprint, con qualità e massimo due tocchi di palla collezionano tanto possesso, in fase di non possesso invece, riescono a mantenere alta la pressione riconquistando subito la sfera. Purtroppo nonostante la buona prestazione del primo tempo, a sbloccare prima le marcature sono gli ospiti con una delle due occasioni che creano i ragazzi di Gotti in tutti i primi 45 minuti. E’ il minuto 22 quando il Napoli non fa il solito pressing alto e l’Udinese arriva a ridosso dell’area di rigore partenopea, il cross di Zeegelaar, leggermente deviato da Koulibaly, arriva a De Paul che solo davanti ad Ospina non sbaglia e porta i bianconeri in vantggio. Il Napoli non accusa il colpo e riprende a macinare gioco, puntualmente però sbatte sulla fase difensiva dell’Udinese che copre bene tutti gli spazi. Al minuto 31 esce Mertens per infortunio, al suo posto entra Milik che dopo 20 secondi dal suo ingresso, devia in rete un cross basso di Fabian Ruiz e porta il match nuovamente in parità. Gli azzurri ci provano ancora mantenendo il solito ritmo di gioco e stringendo l’Udinese alle corde, ma senza successo si arriva all’intervallo sull’1 a 1.

Nella ripresa i ragazzi di Rino scendono in campo con la solita convinzione di conquistare i tre punti, riprendono il pallino del gioco totalizzando un estenuante possesso palla che il più delle volte, sbatte ancora sull’ottima organizzazione messa in campo da mister Gotti. All’ora di gioco, il Napoli sfiora il vantaggio per pochissimi centimetri, bella azione degli azzurri che liberano in area Zielinski con un passaggio di Insigne, il polacco colpisce di potenza appena dentro l’area, Musso devia quel tanto che basta per far finire la palla sulla traversa, la sfera sbatte sulla linea di porta e poi esce, dal replay risulterà sulla linea per 1 massimo 2 centimetri. Dieci minuti più tardi è l’Udinese a sfiorare il vantaggio, Manolas pasticcia sul rilancio di un cross e Lasagna come un falco calcia in porta, Ospina effettua una parata miracolosa per evitare il gol. Dopo un paio di occasioni sprecate dal Napoli, con tiri che finiscono fuori da parte di Milik e Mario Rui, i ragazzi di Gotti vanno nuovamente vicinissimi al vantaggio, su una ripartenza bianconera, viene liberato De Paul che tutto solo davanti ad Ospina opta per lo scavetto, Ospina è battuto ma sulla traittoria si avventa Koulibaly che devia la palla in modo maldestro sul palo e la stessa finisce tra le braccia di Ospina, era il minuto 84 e questo episodio suona la carica. Il Napoli ha voglia dei tre punti e nell’ultimo minuto di recupero, Politano pesca il jolly, gran sinistro da fuori area con la sfera che colpisce il palo interno alla sinistra del portiere, Musso è battuto e il Napoli conquista nuovamente i tre punti con il primo gol in maglia azzurro di Matteo Politano.

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

Confessioni di una mente geniale

Confessioni di una mente geniale

Dopo mesi di silenzio stampa, finalmente il presidente del Napoli torna a parlare. E lo fa a modo suo Finalmente una reazione, un cenno di vita c’è stato. Non del Napoli ma del suo proprietario che s’è “confessato”, si fa per dire, al “Passepartout Festival” di Asti....

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te