Napoli-Udinese 2-1: gran gol di Politano all’ultimo minuto di recupero che regala i tre punti ai partenopei

da | Lug 19, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Napoli-Udinese finisce 2-1, gli azzurri vincono in rimonta, al gol di De Paul risponde Milik, nell’ultimo minuto di recupero, gran gol di Politano che regala i tre punti ai partenopei.

L’Udinese al San Paolo cerca punti salvezza, la squadra di Gotti a solo 7 lunghezze dalla retrocessione, contro la squadra partenopea cerca punti per restare lontana dalla zona calda della classifica, il Napoli invece cerca il riscatto dopo gli ultimi due pareggi consecutivi per nulla soddisfacenti. Gli azzurri come al solito iniziano la partita in modo sprint, con qualità e massimo due tocchi di palla collezionano tanto possesso, in fase di non possesso invece, riescono a mantenere alta la pressione riconquistando subito la sfera. Purtroppo nonostante la buona prestazione del primo tempo, a sbloccare prima le marcature sono gli ospiti con una delle due occasioni che creano i ragazzi di Gotti in tutti i primi 45 minuti. E’ il minuto 22 quando il Napoli non fa il solito pressing alto e l’Udinese arriva a ridosso dell’area di rigore partenopea, il cross di Zeegelaar, leggermente deviato da Koulibaly, arriva a De Paul che solo davanti ad Ospina non sbaglia e porta i bianconeri in vantggio. Il Napoli non accusa il colpo e riprende a macinare gioco, puntualmente però sbatte sulla fase difensiva dell’Udinese che copre bene tutti gli spazi. Al minuto 31 esce Mertens per infortunio, al suo posto entra Milik che dopo 20 secondi dal suo ingresso, devia in rete un cross basso di Fabian Ruiz e porta il match nuovamente in parità. Gli azzurri ci provano ancora mantenendo il solito ritmo di gioco e stringendo l’Udinese alle corde, ma senza successo si arriva all’intervallo sull’1 a 1.

Nella ripresa i ragazzi di Rino scendono in campo con la solita convinzione di conquistare i tre punti, riprendono il pallino del gioco totalizzando un estenuante possesso palla che il più delle volte, sbatte ancora sull’ottima organizzazione messa in campo da mister Gotti. All’ora di gioco, il Napoli sfiora il vantaggio per pochissimi centimetri, bella azione degli azzurri che liberano in area Zielinski con un passaggio di Insigne, il polacco colpisce di potenza appena dentro l’area, Musso devia quel tanto che basta per far finire la palla sulla traversa, la sfera sbatte sulla linea di porta e poi esce, dal replay risulterà sulla linea per 1 massimo 2 centimetri. Dieci minuti più tardi è l’Udinese a sfiorare il vantaggio, Manolas pasticcia sul rilancio di un cross e Lasagna come un falco calcia in porta, Ospina effettua una parata miracolosa per evitare il gol. Dopo un paio di occasioni sprecate dal Napoli, con tiri che finiscono fuori da parte di Milik e Mario Rui, i ragazzi di Gotti vanno nuovamente vicinissimi al vantaggio, su una ripartenza bianconera, viene liberato De Paul che tutto solo davanti ad Ospina opta per lo scavetto, Ospina è battuto ma sulla traittoria si avventa Koulibaly che devia la palla in modo maldestro sul palo e la stessa finisce tra le braccia di Ospina, era il minuto 84 e questo episodio suona la carica. Il Napoli ha voglia dei tre punti e nell’ultimo minuto di recupero, Politano pesca il jolly, gran sinistro da fuori area con la sfera che colpisce il palo interno alla sinistra del portiere, Musso è battuto e il Napoli conquista nuovamente i tre punti con il primo gol in maglia azzurro di Matteo Politano.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

Suor Orsola parla le “lingue” del lavoro

di Giovanni Basile Innovazione didattica e placement dei laureati: la soddisfazione degli studenti dell’Ateneo napoletano La laurea conseguita all’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli risulta più efficace del 15% rispetto alla media nazionale. È quanto emerge...

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

E a Salvator Rosa i secchi ormai sono “decori”

Non appena piove a Napoli, nella stazione Salvator Rosa della Linea 1 della metropolitana, spuntano diversi secchi che vengono posizionati dal personale dell’Anm per raccogliere l’acqua piovana che cade dall’alto e arriva fino alla banchina. I secchi ormai sono...

La prima metro al mondo chiusa per umidità

La prima metro al mondo chiusa per umidità

Stop alla stazione Università fino al 15 ottobre. Pavimentazione da sostituire: “materiale non idoneo” A poco più di 11 anni dall’inaugurazione la stazione metropolitana di piazza Bovio necessita di 4 mesi di lavori per sostituire le “pregiate pavimentazioni” con un...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te