Un miliardo di euro all’anno “rubato” alle coste italiane

da | Lug 14, 2020 | Cronaca

Poco meno di un miliardo all’anno sparito fra le onde e le correnti. Nei giorni in cui prende consistenza la proposta del Governo di prorogare di altri 13 anni le concessioni demaniali per la gestione di stabilimenti balneari e spiagge, lo Stato italiano e le Regioni continuano a nascondere la testa sotto la sabbia non solo rispetto agli ammonimenti dell’Unione Europea, alle strigliate della Ragioneria dello Stato, e alle denunce di Legambiente, ma anche rispetto a quello che potrebbe risultare il problema dei problemi: l’erosione delle coste.

Secondo una ricerca svolta da BlueMonitorLab, il centro studi sulla Blue Economy in Italia presieduto dal professor Giulio Sapelli, sulla base dei dati e degli studi elaborati dalla start up Corema Spiagge, guidata da Diego Paltrinieri, uno dei massimi esperti del fenomeno erosivo sulle coste, in circa 50 anni l’Italia ha perso dai 35 ai 40 milioni di metri quadri di coste, spiagge e arenili. Secondo una ormai datata proiezione di Nomisma un metro quadro di costa produce un reddito pari a circa 1000 euro in termini di entrate turistiche; persino in quelle spiagge che lo Stato generosamente regala a concessionari operanti nelle zone del lusso estremo che tutt’oggi pagano canoni ridicoli per l’utilizzo esclusivo a favore dei loro stabilimenti balneari. Il che significa che l’erosione ha provocato, in circa 50 anni, un danno al sistema Paese che – sottovalutando l’indotto – si aggira sui 45 miliardi di euro.

Ma per la prima volta, proprio da un’analisi di Corema Spiagge, emerge anche un secondo dato, ugualmente sconcertante. Ogni anno lo Stato e le Regioni spendono più di 100 milioni nei cosiddetti interventi di protezione delle spiagge, ovvero pennelli, moli, scogliere artificiali, e, in parte, nel ripascimento delle spiagge stesse con materiale di risulta proveniente spesso dai greti dei fiumi.

Questa modalità di intervento non solo non ha arrestato il fenomeno erosivo, ma lo ha accelerato; il business delle opere di protezione continua infatti ad avere la meglio su tutte le più recenti ricerche scientifiche condotte nel mondo. Ricerche secondo le quali non è direttamente il moto ondoso, bensì la corrente litoranea di fondo la vera responsabile dell’erosione. Mentre le onde tendono ad accumulare a riva (prova ne sono anche le mareggiate) materiali talora ripescati anche dai fondali, le correnti generano un effetto diametralmente opposto. Un approccio, desunto da diverse esperienze conclamate, che cambia radicalmente il modo di intervenire sulla costa. Ovvero le correnti distorte da difese rigide e strutture fisse in mare costruite per una ipotetica funzione protettiva nonché i porti, nella maggior parte dei casi progettati e costruiti in assenza di qualsivoglia analisi sull’andamento delle correnti sotto costa, hanno generato e generano un effetto perverso. Più si spende in queste opere, più il mare erode i litorali, più il Paese si impoverisce, con la sola eccezione di chi queste opere progetta e costruisce.

Uno dei casi più emblematici al riguardo è quello del litorale che dal porto di Margherita di Savoia si estende sino a Manfredonia.

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

Ipazia, vista con gli occhi dei giovani d’oggi

  "Ipazia, punti di vista" è il titolo della mostra/performance, che si è tenuta nei giorni scorsi nell’aula 18 (ex Galleria del Giardino) dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. L’evento, ideato e curato dal Professor Mauro Maurizio Palumbo, artista e docente di...

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

La serata della solidarietà sulla Terrazza Zungri

Lo scorso venerdì 1 luglio si sono incontrati i rappresentanti delle 11 Associazioni afferenti  al  Servizio divulgazioni  donazione organi, tessuti e cellule  “Ancora insieme” presso la Regione Campania, sono stati ospiti del Cav Salvio Zungri ed Imma, dopo che è...

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

Napoli, spiagge libere a numero chiuso

È in vigore dallo scorso primo luglio la  la delibera approvata dal Comune di Napoli che fissa il numero chiuso per le spiagge libere di Palazzo Donn’Anna e delle Monache, con il tracciamento numerico dei bagnanti ad opera del personale dei lidi limitrofi che regolano...

“Convivia. Il gusto degli antichi”,  la mostra al Lapis Museum

“Convivia. Il gusto degli antichi”, la mostra al Lapis Museum

Tra i reperti esposti, la bottiglia di olio d’oliva più antica del mondo, utensili, vasellame per la tavola e la cucina dalle Collezioni del MANN Utensili, vasellame e commestibili fossili tratti dalla Collezione dei Commestibili del MANN – tra cui la bottiglia di...

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Il “ballo della rosa”, galà di beneficenza dei Lions

Ogni anno prende sempre più corpo e si sta imponendo come uno dei più riusciti eventi napoletani di beneficenza. E’ il “ballo della rosa”, il gran galà di solidarietà organizzato dai Lions Club International e dai Lions Club Capri con la sua presidente Rita Colazza,...

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Piazza San Giacomo, denunciato 23enne “curioso”

Per curiosità. È questo il motivo per il quale un 23enne incensurato di Villaricca ha colpito un Carabiniere. Siamo a Piazza San Giacomo ed è in corso la manifestazione in occasione della “giornata mondiale del rifugiato”. Un migliaio di persone sono partite da piazza...

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Dall’Ape sociale alla pensione di vecchiaia

Lo Studio Rubinacci-Molaro spiega come avviene la conversione e tempi e modi per presentare la domanda Negli ultimi mesi si sono recati presso il nostro studio diversi pensionati titolari del beneficio dell’Ape sociale, che al momento della maturazione del diritto...

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Napoli, capitale della cultura del Mediterraneo

Il Mediterraneo avrà a rotazione una capitale della cultura. Lo annuncia il ministro della cultura Franceschini con la dichiarazione conclusiva della due giorni di summit che ha riunito per la prima volta a Napoli 30 ministri dell’area mediterranea e non solo. La...

Panni stesi nei vicoli, divieto  scongiurato

Panni stesi nei vicoli, divieto scongiurato

Non ci sarà nessuna ordinanza che vieterà i panni stesi. L’annuncio è del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi in risposta al caso della bozza del regolamento di polizia urbana, nel quale, secondo indiscrezioni di stampa, sarebbe stato inserito il divieto di stendere i...

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il Comune a De Laurentiis: “Dia l’esempio e paghi”

Il presidente della commissione Sport, Gennaro Esposito invita il patron azzurro a saldare i debiti per lo stadio Gennaro Esposito, presidente della Commissione Sport del Comune, chiede ad Adl di dare l’esempio ai cittadini. Intervistato da Calcio Napoli 24 Live, il...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te