La risposta poetica di Napoli alla crisi del mondo occidentale

da | Lug 13, 2020 | Cronaca

Sul limine della crisi globale che ci ha investiti, e che ora sembra darci una tregua, abbiamo chiaramente assistito al prodomo del collasso di tutto ciò che ha rappresentato, nel nostro tempo, cardine e certezza del mondo occidentale (e nazionale).
Abbiamo dunque assaporato l’amarezza del disinganno relativo alle ostentate sicurezze, tramutatesi nei balbettii attoniti e frastornati di attori che da tempo si propongono conduttori delle nostre sorti. Si è dimostrato un mondo debole quello occidentale, impreparato, incerto e barcollante in ogni sua sfacettatura: scientifica, politica, istituzionale.
Un mondo siffatto spiega, e se ne comprende soltanto ora la ragione, anche la sua inestetica fisionomia e l’ incapacità di dare, in senso lato, una declinazione artistica al proprio pensiero. Il tramonto della categoria dell’arte (quella del mondo occidentale) si colloca infatti all’interno di una crisi generale delle categorie conoscitive, gnoseologiche, e si palesa in una paralisi comunicativa dell’atto creativo, inabile ad esprimere qualità essoteriche e dare senso condiviso alla propria manifestazione. Detto ciò occorre soffermarsi per un istante su un significato, appena più profondo, che è strutturale all’espressione artistica, ovvero la congenita funzione di ritrarre e modellare la forma del mondo sociale ed epocale in cui si rivela. Nello scenario occidentale, dunque, questa qualità da tempo si esprime in una caratteristica e serrata astrazione linguistica, giustificata da un discutibile intento edonistico. Elementi che spiegano, crediamo, la citata incapacità dialogica e il ripiegamento esoterico dell’arte; che hanno prodotto il paradosso di un linguaggio che parla per sé stesso e si auto esclude dal tempo e dall’umano.


Nello scenario tempestoso di questi tempi è riemerso, quasi inattesa scialuppa di salvataggio, il “genio eroico napolitano” capace di dare risposte, anche scientifiche, alle incertezze del presente. Esso si configura come l’originale ibridazione tra anima razionale e poetica, un immotus instabilis, tratto caratteristico nell’elaborazione del pensiero napoletano quale espressione di una emancipata età degli eroi. Nel pensiero del nostro Giambattista Vico l’età degli eroi, è una stagione – per eccellenza estetica – che si manifesta nello sviluppo cognitivo di tutte le società. Essa è anche età poetica in cui l’uomo, non ancora sopraffatto dalle leggi, dai protocolli, dalle gerarchie categoriali, vede con animo perturbato e commosso. Oggi dunque il genio eroico, o poetico, napolitano (forse anche un tantino conservatore) si configura come espressione di una potenziale risposta all’intero mondo occidentale. Una replica alla presunzione dei protagonismi tipici di un evo che volge al termine; a quanti ci hanno condotto sull’orlo del baratro e ora volgono indietro per vedere se vi sia la strada per un cauto ritorno che chiamano tal volta decrescita.

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Posillipo, in spiaggia a prendere il sole e mangiare: sanzionati

Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato Posillipo e i Nibbio dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio teso all'applicazione della normativa anti Covid-19, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in una spiaggia di via Posillipo per...

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Napoli, piazza Leonardo libera dal cantiere

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, che da anni segue le vicende del cantiere installato in piazza Leonardo, dopo le numerose proteste e battaglie condotte con i residenti, può dare la bella notizia: finalmente le transenne sono scomparse e il...

E pperò…

E pperò…

Doppo Pasca ’o core s’arape â speranza… “Doppo Pasca, vieneme pesca”, se diceva anticamente, pe ffa capì ca ’e ccose, dopp’ ’a risurrezione, pônno sulo cagnà e nniente po’ essere comm’apprimma. E pperò…’a situazzione sanitaria nu’ ppare overamente cagnata manco doppo...

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Assarmatori, mezzo miliardo per rinnovare la flotta dei traghetti

Positive indicazioni dalla sessione plenaria svoltasi questa mattina organizzata dal Ministro Giovannini. Soddisfazione del Presidente Stefano Messina per l’accoglimento della proposta Mezzo miliardo di Euro per favorire il rinnovo e il refitting della flotta italiana...

Scampia, in 30 a giocare a tombola e dopo il coprifuoco: sanzionati

Scampia, in 30 a giocare a tombola e dopo il coprifuoco: sanzionati

Stanotte gli agenti dei Commissariati Scampia e Secondigliano, con il supporto degli equipaggi dell’Ufficio Prevenzione Generale, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Cupa della Vedova per la segnalazione di assembramenti all’interno di un...

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

Arenella, iniziati i lavori in via Giacinto Gigante

l’Assessore ai lavori pubblici Alessandra Clemente, l’Assessore alla  Viabilità Marco Gaudini e il Presidente della Municipalità 5 Paolo De Luca hanno presenziato  all’avvio del cantiere in Via Giacinto Gigante  dove sono partiti i lavori per la manutenzione...

“Pasca e Nnatale”

“Pasca e Nnatale”

Doppo n’anno nun se vede ancora na…risurrezzione Ce sta na bella puisia cu ’stu titulo scritta ‘a Eduardo De Filippo. M’è vvenuta a mmente penzanno a cchesta nosta siconna Pasca d’ ’o Covizzoico, l’epuca d’ ’o virusse c’ ’a curona, ancora cchiù munarchico ‘a quanno è...

Violenza sulle donne, il segnale di sos

Violenza sulle donne, il segnale di sos

di Cinzia Rosaria Baldi * #SignalForHelp: l’hashtag indica il pericolo di violenza Sembra quasi un saluto, le quattro dita aperte verso l’alto con il pollice della mano piegato verso il palmo, poi di seguito le quattro dita si chiudono: è il segnale in codice per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te