Che fine ha fatto Osimhen? Forse non sono riusciti a tranquillizzarlo abbastanza

da | Lug 8, 2020 | Primo piano

Nel Napoli dove oggi funziona (quasi) tutto bene, con Gattuso che ha ridato slancio alla squadra morta versione Ancelotti, c’è pure qualcosa di irreale, di strano, di impalpabile che richiederebbe urgenti spiegazioni, se non ci trovassimo di fronte a tradizionale muro di gomma che la società è solita alzare in frangenti del genere. Trasparenza zero. Accade con gli infortuni dei calciatori, che nella stragrande maggioranza dei casi restano un mistero. Accade sistematicamente sulle trattative di mercato.

L’anno scorso, in pieno svolgimento del ritiro precampionato, sul prato del campetto di Dimaro atterò un elicottero che trasportava lì gli agenti del calciatore Pepè. In questi casi, pensammo tutti, se gli agenti si prendono la briga di atterrare a Dimaro significa che il Napoli ha chiuso già tutto. Pepè era indicato da tutti come il sosia di Mbappè, l’asso del Paris Saint Germain. Un grande colpo. Acquolina in bocca per Ancelotti e per migliaia di tifosi. Gli agenti ripartirono e tutti si aspettavano il cinguettio del presidente che avrebbe dovuto annunziare l’acquisto. Attesa vana. L’uccellino di Twitter rimase silenzioso e il giorno dopo Pepè firmò per l’Arsenal. Il Napoli non ci fece proprio una bella figura, anche se tutto lascia presupporre che De Laurentiis si sia bloccato davanti alle improponibili richieste dei famelici negoziatori del giocatore. Se così fosse avrebbe fatto benissimo. Ma questa è un’altra storia, sulla quale il calcio tutto e non solo De Laurentiis, dovrebbe interrogarsi per mettere una volta per tutte fine a questa vergognosa prassi che si è andata sempre più diffondendo.

Ma torniamo al caso di oggi. Ebbene, dimentichi dell’infortunio di Dimaro i responsabili del Napoli quest’anno si sono superati. Non più gli agenti famelici, ma il calciatore trattato in carne ed ossa che sbarca a Napoli, se ne va in giro per la città, incontra, tra l’imbarazzo generale, prima Gattuso e poi addirittura a Capri il presidente. Affare fatto. Osimhen, si chiama così il nuovo oggetto del desiderio, è sempre un sosia di qualcuno, questa volta di Drogba. Appartiene al Lille e sembra che la società non abbia mai effettivamente intavolato trattative serie con il Napoli. Ma se viene qui vuol pur dire che almeno un pour parler ci sia stato. Il ragazzo viene tranquillizzato, questa è una città che ha un porto di mare, campione dell’accoglienza, altro che razzista. Forse gli passano al telefono Koulibaly, ma non è certo. De Magistris va in brodo di giuggiole, lui lo ha sempre predicato il multilateralismo di Napoli aperta al mondo. Aveva persino armato una flotta per andare a raccogliere migranti quando il bieco Salvini aveva chiuso i porti.

Insomma Osimhen riparte e tutti si attendono nuovamente il cinguettio di don Aurelio. Aspetta e spera, ma l’ora non si avvicina. Il ragazzo di belle speranze, per il quale si dice che il Lille pretenderebbe addirittura 70 milioni, è come sparito nel nulla. Che ci sia ancora una volta dietro qualche squadra di Premier? Gli agenti (sempre loro) smentiscono furiosamente. Tutte balle. E allora che succede? A questo punto si prospetta l’incubo che il Napoli stia pe rimediare un’altra magra figura. Ve lo immaginate un giocatore che va nel quartiere generale della Juve, parla con Sarri e con Agnelli e poi svanisce? Incrociamo le dita.

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te