Ecco il “nuovo” Insigne made in Gattuso

da | Lug 6, 2020 | Calcio Napoli

C’è qualcosa di nuovo oggi nel cielo azzurro del Napoli. Anzi, d’antico, come direbbe il poeta. Si chiama Lorenzo di nome e qualcuno, ricordando Lorenzo de’ Medici signore di Firenze, soprannominato il “Magnifico” per il suo mecenatismo e l’amore per l’arte e per il bello, ha deciso in passato che quell’aggettivo, Magnifico, calzasse a pennello anche per il Lorenzo da Frattamaggiore. Salvo poi, criticarlo e coinvolgerlo in polemiche spesso fuori luogo anche contro i tifosi, quando il “nostro” Magnifico diventava un giocatore normale, spesso ingombrante per prestazioni anonime, cosa che capita a tutti, soprattutto, forse, a chi ha impresse nel Dna le stimmate della genialità e della classe pura. Non ha mai avuto, in verità un rapporto lineare e sincero con i suoi allenatori. Con Mazzarri giocava poco, con Sarri, insieme ai compagni, fece capire che non si trovava a giocare a ridosso delle punte e il “Comandante”, che a Torino poco comanda, si ritrovò con un tridente ed un gioco che gli valgono ancora un contratto milionario che Lui, fino a un lustro fa, manco si sognava sedendo sulla panchina dell’Empoli. Nel bene e nel male, insomma, Lorenzo ha deciso i destini suoi e della squadra per la quale tifa e gioca da bambino. Ma anche quelli dei suoi allenatori. Con Ancelotti, alle prime reti segnate, fu amore a prima vista con dichiarazioni da innamorato verso il tecnico più vincente d’Europa: “Il mister mi ha messo nella posizione ideale per puntare verso la porta e sto raccogliendo i frutti del nostro lavoro”. Poi dal 4-4-2 con licenza di accentrarsi, sorgono i primi problemi per un Napoli che in Champions non sbaglia un colpo ma in campionato diventa molle e senz’anima perdendo punti su punti. Lorenzo, come al solito, finisce nel calderone dei giocatori più contestati. Come con Sarri, in molti chiedono un ritorno al tridente de “un giorno all’improvviso” ma Ancelotti (padre o figlio o tutti e due? n.d.r.) fa orecchio da “Re” e preferisce la strada dell’Autoesonero con le sirene inglesi sempre più forti e certe.

Lorenzo più che essere il Magnifico sembrava pagare quel “Nemo propheta in patria” che a Napoli ha colpito molti ottimi giocatori, da Musella a Improta da Montefusco a Pasqualino Casale, talento sedicenne svezzato da Vinicio, da Coppola, portiere, a De Rosa e Floro Flores.

Poi, con l’arrivo di Gattuso, uno che non le manda a dire, che è stato un signor giocatore facendo del lavoro, della perseveranza e della tenacia le sue armi vincenti pur senza essere un fuoriclasse, le sorti degli azzurri e soprattutto quella di Insigne sembrano aver cambiato percorso. Con il nuovo tecnico non solo tutto il gruppo ha voltato pagina dopo un’ iniziale sofferenza, ma in particolare Insigne ha cambiato marcia e modificato l’atteggiamento. Non che prima fosse un “capuzziello”, questo no, ma il vederlo ora macinare chilometri su e giù per la fascia sinistra, andare in difesa a sbrogliare a destra situazioni intricate, fa capire che qualcosa di particolare Gattuso deve avergliela trasmessa, così come ha fatto Roberto Mancini in nazionale che da Lorenzo ha sempre quella giocata diversa e geniale oltre a qualche golletto importante. Lorenzo tornato “Magnifico” alla corte di Gattuso, gioca, si diverte con e per i compagni ma soprattutto si sacrifica in silenzio, duramente e senza lasciarsi andare, almeno per ora, in plateali contestazioni se viene sostituito. Se segna, esulta, è felice ed incita i compagni e peccato che domenica sera non ci fossero i tifosi al San Paolo per andare sotto la curva a braccia levate e non con l’indice sul naso…

Gattuso deve avergli toccato le corde giuste per motivarlo e invogliarlo a dare ancora di più. L’ha definito smart, uno veloce,di gambe ma soprattutto di cervello. “E’ Intelligente” ha detto Ringhio. Molti avevano dei dubbi. Non chi scrive perché sa che la maturità può arrivare anche con qualche po’ di ritardo ma se hai cervello arriva. E che Lorenzo avesse “cervello” lo si capiva dal suo modo di vivere la professione, sempre con serietà. Forse, ha esagerato qualche volta per troppa generosità, per il fatto che proprio i suoi concittadini non gli perdonassero il minimo errore o una prestazione non all’altezza delle sue enormi capacità tecniche. Parole di rabbia dettate dal cuore e dalla voglia di essere all’altezza delle aspettative altrui. Ha lasciato Raiola o, forse, Raiola lo ha lasciato nel momento in cui Napoli e il Napoli, durante e dopo il lockdown, sono diventati o ridiventati l’amore di sempre con i tifosi a salutarlo e chiamarlo sotto casa mentre si allenava sulla balconata davanti a un panorama fantastico e unico. Poco importa. E forse sto enfatizzando troppo, oppure no, ma permettetemi di pensare che un uomo del Sud, vero e leale come Gattuso, ha operato il definitivo salto di qualità mentale e di maturità per il talento più importante e puro del panorama calcistico nazionale. Il gol contro la Roma, realizzato al minuto 37 del secondo tempo, quando le squadre avevano ormai le pile scariche, è il segnale di un Insigne maturo come atleta e come uomo. la sua felicità, l’abbraccio con i compagni una sorta di canto liberatorio a cui mancavano solo i quarantamila del San Paolo. E’nato, speriamo in modo definitivo, l’uomo, non lo scugnizzo, che a 29 anni ha trovato la giusta dimensione per divertirsi ed essere un protagonista con tutta la voglia e la grinta di essere sempre colui che si prende responsabilità e fatiche anche per oltre che con i compagni. Lorenzo da Frattamaggiore, alias “Il Magnifico”, sta allenandosi e giocando con la grinta e la nuova responsabilità che gli ha dato Gattuso, ma soprattutto con la convinzione di una napoletanità di chi vuole essere e diventare una Bandiera più che profeta in patria. Magari per riproporre e intonare con Ringhio da Corigliano Calabro “Un giorno all’improvviso” in versione nazionale e tricolore da uomini del Sud di Cuore e soprattutto di “cervello”.

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l’Inter

Napoli: stop a San Siro, la spunta l'Inter per 3-2. Azzurri in vantaggio con Zielinski ma si fanno rimontare dai padroni di casa, sul 3 a 1 entra Mertens che riapre la partita e sfiora il clamoroso pareggio allo scadere. Napoli: stop a San Siro, la squadra di...

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

DeLa-Insigne: c’eravamo tanto amati(?)

La proposta di rinnovo al ribasso del patron del Napoli sembra un invito a chiudere dodici anni di storia Che futuro ci sarà per Lorenzo Insigne? Cosa sarà del condottiero della nazionale, leader e capitano del Napoli? Dopo il pareggio con il Verona e il flop con la...

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Covid, allarme in casa Napoli: Demme è positivo

Torna l’allarme Covid in casa Napoli. Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, dopo il consueto giro di tamponi della giornata di ieri,  Diego Demme sarebbe risultato positivo e attualmente asintomatico. Il centrocampista tedesco è già in isolamento...

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona, è ancora pari…

Napoli-Verona è ancora pari al Maradona, al gol di Simeone risponde Di Lorenzo, non basta l'assedio del Napoli per scardinare la difesa avversaria. Napoli-Verona, è la partita del ritorno dei gruppi organizzati, almeno quelli della curva A, ma è anche la partita che...

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per…

Rimonta a Varsavia, 4 gol del Napoli per conquistare la vetta. Dopo il vantaggio dei padroni di casa con Emreli, nel secondo tempo Zielinski e Mertens la ribaltano su due calci di rigore, poi Lozano e un bellissimo gol di Ounas fissano il punteggio sull'1-4. Rimonta a...

Il derby lo decide Zielinski

Il derby lo decide Zielinski

Salernitana ko. Nonostante una prestazione non delle migliori da parte del Napoli, la decima vittoria è servita Derby che mancava da tantissimo in serie A, quella tra le due campane Napoli e Salernitana è una partita che presenta importanti riscontri per chi si...

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte, Bologna ko

Il Napoli riparte dopo il pareggio di Roma, Bologna ko sotto i colpi di Fabian Ruiz, gol bellissimo e Insigne, doppietta su rigore. Il Napoli riparte - Ripartire e riprendere la marcia vincente, questo è l'obbiettivo della serata dei ragazzi di Spalletti, il Milan con...

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto

Magico Napoli otto su otto, il toro alla fine deve cedere alla furia di Osimhen che la risolve con uno stacco perentorio, azzurri a punteggio pieno dopo 8 giornate. Magico Napoli - Inizio della partita molto equilibrato, per l'ottimo schieramento tattico di entrambe...

Napoli, adesso infilza il Toro

Napoli, adesso infilza il Toro

Il match con i granata per continuare la serie positiva e magari allungare ancora sulle inseguitrici A caccia dell’ottava meraviglia, il Napoli, nell’arena del Maradona cercherà di matare un Toro sempre difficile da battere. È ancora vivo il ricordo della partita...

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti

Prima caduta per il Napoli di Spalletti, al Maradona gli azzurri non riescono, in dieci, a contenere lo Spartak Mosca, finisce 2-3 ma tutto è ancora possibile. Prima caduta - Ottima partenza per il Napoli che impiega solo 11 secondi per passare in vantaggio,...

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari: 2-0 sesta vittoria consecutiva

Napoli Cagliari finisce 2 a 0, azzurri nuovamente primi in classifica e sesta vittoria consecutiva su sei giornate di campionato, Osimhen la sblocca poi è lui stesso a procurarsi il rigore nel secondo tempo, trasformato da Insigne per il 2 a 0 finale. Napoli Cagliari...

Napoli: che sorpresa!

Napoli: che sorpresa!

Grande inizio di stagione. E i tifosi tornano a seguire la squadra con passione Dopo appena cinque giornate di campionato è pericoloso azzardare pronostici soprattutto in chiave partenopea, ma in generale si può affermare che le previsioni della vigilia secondo cui la...

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te