Napoli – Roma, il derby del riscatto

da | Lug 4, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Derby del Sud sotto le stelle di Fuorigrotta, ma in tono minore. La sconfitta di entrambe le squadre, la Roma in casa contro l’Udinese, il Napoli a Bergamo contro l’Atalanta, hanno definitivamente affossato le speranze di riacciuffare i bergamaschi al quarto posto. La gara di domani sera, perciò, si carica di tensione e di grande attesa da ambo le parti. Urge per entrambe il riscatto immediato. Il Napoli può puntare all’aggancio in classifica, la Roma spera di mantenere l’esiguo vantaggio di 3 punti. Per gli azzurri occorre ripartire e tornare a essere la squadra attenta, brillante e concreta di prima della gara contro gli orobici.

La Roma deve dimostrare che i due k.o. consecutivi sono frutto di episodi anche sfortunati e che le vicende societarie non hanno condizionato negativamente Fonseca e la sua truppa. Se possibile, i giallorossi contro l’Udinese hanno fatto persino peggio della gara contro il Milan. Impossibile da commentare la “follia” di Perotti, impossibile da spiegare la partita contro i friulani che si sono visti annullare ben tre reti. La squadra è apparsa scarica nelle gambe e vuota nella testa e nelle idee, anche di un Fonseca che non sembra più essere l’unica certezza di una società che davvero non ne ha più nessuna. Dzeko, il vero salvatore di questa squadra, con i suoi 33 anni è costretto a tirare il fiato ogni tanto, e Kalinic, suo sostituto, non vede la porta ormai da tempo.

Contro il Napoli ritorneranno, oltre al centravanti, anche Veretout e Pellegrini, ma basteranno questi innesti per ridare ai giallorossi grinta, motivazioni e voglia di lottare che all’Olimpico sono svanite sotto i colpi di un’Udinese apparsa più organizzata e decisa nel voler strappare un risultato positivo? Il Napoli dal canto suo, dopo lo stop con l’Atalanta, che si è confermata una splendida realtà del calcio italiano, deve ritornare a essere umile, laborioso, concreto. Dopo la sconfitta Gattuso non  ha cercato alibi. Buon segno. In troppi, all’Azzurri d’Italia, hanno mostrato di essere stanchi e affaticati atleticamente e, a un certo punto del secondo tempo, anche mentalmente.

Non era facile star dietro a una squadra che nella ripresa ha stroncato il Napoli sul piano tattico e atletico. Abbandonati i sogni Champions, e dato l’addio definitivo a quella trentina di milioni che avrebbe garantito il quarto posto, Napoli e Roma si ritroveranno a giocarsi una quinta piazza che concretamente significa poco, ma è pur sempre un piazzamento di prestigio per due società che sono da anni in pianta stabile nell’alta classifica.

Gattuso riproporrà una squadra corta, riflessiva, capace di adattarsi a un avversario che cercherà il rilancio in un derby seppure figlio di un dio minore del calcio. Sarà 4-3-3 col tridente sarriano per il tecnico di Corigliano Calabro, e si metterà a specchio Paulo Fonseca, o preferirà un 4-2-3-1 per trovare spazi importanti tra le linee di centrocampo e di difesa del Napoli? Per ora, se è certificata la regressione della Roma, è tutta da verificare la crescita della continuità e della concretezza di questo Napoli che a Bergamo, subiti i gol, si è arreso senza quasi lottare. Il caldo, le gare a distanza di tre giorni, il lunghissimo stop, possono stravolgere i valori delle squadre e i risultati.
D’altra parte vincono senza strabiliare anche Juve Lazio e Inter.

La Roma, incerottata e confusa di questi tempi, arriva perciò a Fuorigrotta per misurare la “temperatura” della squadra azzurra dopo la sconfitta di Bergamo. Dimenticare l’Atalanta è d’obbligo. Ma anche prodezze e successi precedenti. Domani, anzi domenica sera, è un altro giorno. Difficile e impegnativo sia per gli azzurri che per i giallorossi. Il possesso del centrocampo sarà determinante anche più di Dzeko e di Mertens. Demme contro Veretout. Cristante e Zaniolo contro Zielinski e Fabian, le chiavi decisive di una sfida sempre intrigante. Prenderà il sopravvento chi avrà più cuore, gamba e voglia. E tra Gattuso e Fonseca chi sarà il tecnico che tirerà fuori il “coniglio vincente”. Il quarto posto è andato. Amen. Resta l’orgoglio di voler vincere una sfida che si annuncia allo spasimo e magari con tanti gol, quelli che sono mancati al Napoli di Bergamo. Bella lotta. A Bergamo, se vi va, diciamo che si è scherzato… Contro la Roma si rifà sul serio. L’aggancio al quinto posto per Gattuso, partito dalla nona posizione, sarebbe già tanto. Come i rimpianti per una rincorsa impossibile.

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Samp

Poker bis, il Napoli affonda anche la Sampdoria, Osimhen incontenibile firma una doppietta, doppio assist di Insigne e Lozano, Ruiz raddoppia mentre il sigillo è di Zielinski. Cinque vittorie su cinque e azzurri primi a punteggio pieno. Poker bis - Seconda vittoria...

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Un Napoli spettacolare vola in testa alla classifica

Napoli spettacolare, 4 gol all'Udinese nella Dacia Arena, Osimhen e Rrahmani nel primo tempo, Koulibaly e Lozano per il tris e il poker nella ripresa, unica squadra a punteggio pieno. Napoli spettacolare - Chiamato all'ennesima vittoria in campionato, per conquistare...

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina a Leicester ma finisce 2 a 2

Il Napoli domina e spreca tanto, va sotto di due gol e nel secondo tempo, con Osimhen la pareggia a 3 minuti dalla fine. Il Napoli domina a Leicester - Partita ricca di emozioni quella che va in scena al Leicester City Stadium, per la prima di Europa League. Il Napoli...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, Juve KO al Maradona

Ancora Koulibaly, a 5 minuti dalla fine il senegalese firma il gol vittoria, Juventus KO al Maradona e -8 in classifica. Ancora Koulibaly- Napoli Juventus non può essere una semplice partita, è la partita più sentita del campionato, orario insolito di sabato alle 18...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0 prima vittoria dell’era Spalletti

Napoli-Venezia 2 a 0, prima vittoria dell'era Spalletti nel giorno del suo battesimo al Diego Armando Maradona e finalmente ritornano i tifosi allo stadio. Napoli-Venezia è anche la prima partita di Spalletti, da allenatore del Napoli, nell'impianto di Fuorigrotta...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Eriksen e l’errore dell’Uefa

Il sorriso stanco di Eriksen su un volto ancora visibilmente sofferente è l’ennesimo campanello d’allarme all’Uefa ed al suo presidente, Ceferin, di una situazione ormai arrivata al limite per come l’organismo di Nyon sta gestendo il calcio europeo. Ceferin dopo la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te