La saga di Scarpetta e De Filippo in due film sul grande schermo

da | Giu 23, 2020 | Cultura&Spettacolo

La saga Scarpetta-De Filippo diventa un film. Anzi due. Sul letto di morte Eduardo Scarpetta, padre naturale dei tre fratelli De Filippo, Eduardo, Peppino e Titina, che portano il cognome della madre, disse loro ”Io non vi ho dato il cognome, ma voi vi siete presi l’arte” un po’ come a riconoscerli quali suoi eredi sulla scena del teatro napoletano. È su questi personaggi che due affermati registi, Mario Martone e Sergio Rubini, hanno deciso di girare due film, affascinati dalla natura misteriosa, magica, profana, rituale, dalla realtà inafferrabile del teatro, rimasto sempre sostanzialmente lo stesso dall’antichità a oggi.

Mario Martone punterà tutto su Scarpetta, nell’intreccio tra vita artistica e intricata vita famigliare sentimentale, e mentre Rubini si dedicherà ai suoi suoi figli d’arte, i tre De Filippo, rispecchiando assieme, forse ignaro l’uno del procedere dell’altro, un’evoluzione che ha le sue radici nella Commedia dell’Arte. Eduardo Scarpetta (1853 – 1925) è l’autore di un titolo fortunatissimo, ”Miseria e nobiltà”, diventato un successo popolarissimo grazie anche alla versione cinematografica con Totò nei panni del protagonista, Felice Sciosciammocca. Il film di Martone, praticamente concluso e che arriva dopo l’eduardiano ”Il sindaco del rione sanità”, si intitola ”Qui rido io”, come la scritta apposta sulla villa al Vomero di Scarpetta, ricco e riverito in tutta Napoli. A vestirne i panni è Toni Servillo.

 I tre bambini e poi giovani già avviati al successo nel 1925, quando Scarpetta muore, che tutti sanno essere suoi figli e che lo chiamano zio, nel film di Rubini, ancora tutto da girare, ”I fratelli De Filippo” diventano protagonisti con la vicenda che parte proprio dal 1925, con la scomparsa del padre. E’ l’inizio di un’avventura che li vede a lungo insieme, ma destinati, per diversità di educazione e carattere, a carriere artistiche personali, sciolta la mitica Compagnia Teatro Umoristico in cui operarono uniti. I tre protagonisti Rubini dice di averli già scelti tra giovani attori napoletani e i loro nomi verranno fatti quando si potrà riaprire in tranquillità un set. 

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Perché fu eretta la torre di Palasciano

Tra misteri e leggende Bisogna cercarla con gli occhi, percorrendo la Tangenziale, dall’altezza di Corso Malta in poi e fino a poco prima dell’imbocco della galleria di Capodimonte. Si staglia sulla sinistra e svetta nel nugolo di costruzioni che l’hanno avviluppata...

“Il  mio incontro col male”

“Il mio incontro col male”

Parlano i sacerdoti esorcisti. Squarci su un mondo misterioso Uno degli inganni del Maligno sarebbe quello di far credere che non esiste. Secondo altri Satana sarebbe una proiezione della mente per deresponsabilizzarci rispetto a comportamenti inaccettabili (la lotta...

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

De Maio e Lupoli tra belcanto e solidarietà

ll soprano e il tenore dell’associazione Noi per Napoli impegnati in numerosi progetti artistici e sociali L’associazione Culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti, direttori artistici, il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli (nella foto),...

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

Un vademecum sulla pandemia. Emergenza o convivenza?

“Pandemia e Pandemie da salto di specie, emergenza o convivenza?”: in distribuzione il prezioso e quanto mai attuale e utile volume instant-book di Academ editore, con le risposte alle tante e complesse domande sull’emergenza sanitaria in corso e le gravi implicazioni...

Eventi e musica, Mooks si allarga

Eventi e musica, Mooks si allarga

Nella libreria del Vomero sarà inaugurato un piano dedicato all’intrattenimento Aprirà le porte al pubblico lunedì 19 luglio il nuovo hub del Mondadori bookstore di via Luca Giordano targato Mooks, un nuovo piano della grande libreria vomerese dedicato...

Allamentarse nunn’ abbasta  cchiu’…

Allamentarse nunn’ abbasta cchiu’…

A lengua napulitana verace va scumparenno Sempe cchiù pperzone s’allamentano pecché ’a lengua napulitana verace va scumparenno e ppecché pure cchille che ancora l’ausano spisso nu’ ssapeno scrivere manco doje righe senza piglià zarre e rrancefellune. E overamente...

Il premio Liburia a Salvio Zungri

Il premio Liburia a Salvio Zungri

La sesta edizione del prestigioso evento condotto dall’attore Gabriele Blair e dall’artista Anna Capasso Si è svolto giovedì 15 luglio, nel Chiostro della Parrocchia del S.S. Rosario ad Afragola in provincia di Napoli con inizio alle ore 19 il “Premio Liburia 2021”,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te