Venerdì 26 Giugno partirà lo studio sulla prevalenza degli anticorpi anti Covid 19 nella popolazione napoletana atto a valutare le caratteristiche demografiche, cliniche e di stile di vita associate ad una maggiore prevalenza dell’immunità nella popolazione della città di Napoli, identificata come positività per anti-SARS-CoV-2. Lo studio servirà a capire il livello di protezione della popolazione napoletana utile anche alle relativamente alle decisioni amministrative, a conoscere come è circolato il virus durante il periodo di maggiore contagio (in quale municipalità è circolato maggiormente, quanto gli stili di vita lo abbiano influenzato) e a svelare il “sommerso” cioè quanti contagi possono essere riferibili a persone asintomatiche.


“Siamo soddisfatti – afferma l’assessora alla salute Francesca Menna- perché a questo progetto partecipano i 10 medici di famiglia, scelti per rappresentare tutti i distretti, oltre che infermieri e docenti dei due Atenei napoletani.
Le persone potranno aderire su base volontaria per arrivare ad un campione di 1500. I prelievi verranno eseguiti negli ambulatori degli stessi medici e verranno poi portati ai laboratori dei due Atenei dove verranno analizzati per scoprire la presenza di anticorpi IGG e IGM. I dati – elaborati rigorosamente in forma anonima – verranno poi studiati dall’Istituto di Statistica medica e i risultati ottenuti, che arriveranno dopo circa un mese, verranno pubblicati sul sito web del Comune di Napoli, oltre che essere divulgati a mezzo stampa ed inviati al Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Napoli 1”.