Castel di Sangro prepara la festa per il ritiro del Napoli

da | Giu 22, 2020 | Calcio Napoli

L’”Abruzzo-napoletano” si prepara ad accogliere il Napoli. La scelta di Castel di Sangro per il ritiro che la squadra sosterrà a fine agosto in vista del nuovo campionato avverrà infatti nella località turistica che è solita ospitare tantissimi napoletani che lì posseggono la seconda casa o la scelgono come meta di vacanza. Bisogna inoltre tener presente che il comprensorio dell’Alto Sangro comprende anche località come Roccaraso, Rivisondoli e Pescocostanzo che in quel periodo sono egualmente frequentate da molti campani

Come ha riferito il sindaco di Castel di Sangro, Angelo Caruso, intervenuto ai microfoni di Radio Punto Nuovo. Manca solo l’ufficializzazione che il Napoli dovrebbe annunciare in queste ore. Come è noto il Napoli avrebbe dovuto svolgere a luglio il ritiro a Dimaro, ma l’epidemia di Covid ha scombussolato i piani e il calendario. Ora serve un ritiro più breve e più vicino, per cui De Laurentiis avrebbe scelto Castel di Sangro che oggettivamente è più a portata di mano.

“Ritiro del Napoli a Castel di Sangro? Sabato mattina appena finito di celebrare un matrimonio, ho trovato il presidente De Laurentiis. Si è presentato in anticipo e da lì ci siamo messi a lavoro. Gli ho presentato la storia della città e quella sportiva, poi abbiamo fatto il giro a piedi di tutta la zona turistico-sportiva. Ha visitato il primo polo sportivo, da utilizzare per attività atletica al chiuso. Siamo entrati successivamente allo stadio con 3 campi da calcio in perfette condizioni, destinato solo ad attività FIGC e per tornei. Il presidente si è messo a contare tutti i posti negli spogliatoi, ne è rimasto contento. Ha visitato la stanza del presidente, dove probabilmente si parlerà di trattative.

“La vittoria della Coppa Italia è stata la consacrazione nella battaglia Nord contro Sud. Abbiamo rimesso a posto la storia. Cosa manca per l’ok? Credo siano solo formalità. Sulle disponibilità ci siamo, quindi non ci sono problemi. Devono risolvere il contratto con il Trentino, ma è stata causa di forza maggiore, quindi credo ci sia una naturale risoluzione. Non penso ci saranno problemi per una deroga, mi sembra anche abbastanza scontato. Noi abbiamo fatto un buon corteggiamento alla società.

Quanto alla data Caruso spiega: “Dovrebbe essere tra l’ultima settimana di agosto e la prima di settembre, probabilmente in prossimità del primo incontro. Prossimo incontro con De Laurentiis? Per fine settimana dovrebbe esserci l’ok definitivo”.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te