De Laurentiis: “Pace fatta coi giocatori. Gattuso rispettato dallo spogliatoio”

da | Giu 18, 2020 | Calcio Napoli

Al termine della partita vinta contro la Juventus in finale di Coppa Italia, il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis è apparso raggiante per il successo. Si tratta del quarto trofeo nella sua era da presidente del Napoli, ovvero 3 Coppe Italia e 1 Supercoppa italiana, e se non ci fossero stati quello Scudetto e quella Supercoppa “scippati” sempre in favore della Juventus il patron azzurro avrebbe portato a sei i trionfi del suo Napoli. Non male, anzi avrebbe significato avvicinarsi ad eguagliare il periodo d’oro di Maradona, ovvero realizzare il sogno dei tifosi partenopei. E così, ieri sera in conferenza stampa, De Laurentiis ha spiegato di aver fatto pace con la squadra dopo l’ammutinamento e le conseguenti multe.

“Sono stato bravo a scegliere Gattuso – ha detto De Laurentiis – . GiĂ  lo scorso anno al compleanno di Ancelotti dimostrò di essere un grande dialogatore, quando parli con lui la tua esperienza spazia. Ha avuto il merito di riuscire a ricompattare ciò che s’era dissolto, siamo come qualitĂ  di gioco che come sistema, anche per la situazione antipatica che s’era venuta a creare non accettando il ritiro”.

“E’ riuscito a raccogliere frutti – ha aggiunto De Laurentiis – ha fatto da collante: Gattuso forse è l’allenatore piĂą rispettato dallo spogliatoio da quando faccio il presidente. Tutti i calciatori sono nelle sue mani, anche i meno utilizzati saranno delle pepite d’oro. Quando Gattuso è venuto gli ho detto che avrebbe perso le prime 4-5 partite e poi sarebbe andato avanti come una freccia, così è stato. Guardate anche Meret, si vedeva che aveva la capacitĂ  del manico”.

“Non ne abbiamo parlato – ha concluso De Laurentiis – ma hanno cancellato l’era precedente e sono maturi adesso, un grande esempio di professionalitĂ  e sportivitĂ . Insieme ci siamo concentrati sulla ripresa. Champions? Contro il Barcellona avremo una grandissima partita, potremmo accedere ai quarti di finale e sarebbe il coronamento inaspettato di un anno maledetto. La squadra sta reagendo bene, è inutile ricordare il passato e anch’io l’ho rimosso”.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della societĂ ...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in piĂą che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te