Napoli-Juve, il trionfo del cuore azzurro!!!

da | Giu 17, 2020 | Calcio Napoli, Primo piano

Doveri aveva appena fischiato la fine del match che già per Napoli sfrecciavano auto a tutto clacson. Fuochi d’artificio, balli, raid spericolati di gioia dei soliti temerari. Ma anche bottiglie di champagne. Una vittoria per esorcizzare il dramma del Coronavirus, i quasi tre mesi trascorsi in casa prigionieri dei virus. Un’esplosione collettiva scaturita dalla splendida vittoria dei ragazzi di Gattuso, questo giovane allenatore venuto a Napoli a raccogliere i cocci seminati da Ancelotti, onusto di gloria, ma rivelatosi un tecnico, probabilmente, superato dai tempi.

Non è stato facile piegare la Juventus dell’ex Sarri, lui gasato dalle improvvide dichiarazioni del pre-partita di De Laurentiis. Nonostante la Juve non sia allo stato quella che avevamo visto in campionato era pur sempre nei pronostici della vigilia data per favorita. E invece con una condotta di gara accorta, com’è nello stile di Gattuso, gli azzurri sono riusciti nell’impresa.

Alla fine ci sono voluti i calci di rigore ma il Napoli aveva meritato anche durante i 90 minuti di gioco la vittoria della sua sesta Coppa Italia. L’occasione più ghiotta è capitata proprio sul finire di gara al Napoli: è il 92esimo e sugli sviluppi del calcio d’angolo, Buffon salva sul colpo di testa a botta sicura di Maksimovic. Nel prosieguo dell’azione la palla finisce sui piedi di Elmas che, da due passi, calcia sul palo. Ancora decisivo Buffon. Prima di questo c’è da segnalare un tiro in avvio di gara di Ronaldo respinto da Meret, un palo di Insigne nel primo tempo su calcio di punizione e un tiro ravvicinato di Demme solo davanti a Buffon. E poi tanto gioco tattico e di studio. Insomma il Napoli l’aveva già vinta ai punti.

Tutto rimandato ai penalty e lì il Napoli diventa pergetto. A cominciare dal primo rigore parato da Meret che è stata una gioia immensa per il portiete finora panchinaro nelle gerarchie di Gattuso. Poi nessun azzurro ha fallito dal dischetto mentre la Juve ha sbagliato il tiro con Dybala e Danilo.

Il Napoli alza la sesta Coppa Italia

Un trionfo del cuore azzurro che è stato suggellato dall’abbraccio a fine gara a centrocampo tra i giocatori, il tecnico Gattuso e il presidente De Laurentiis. E proprio mentre dall’altra parte gli ex Sarri e Higuain erano scuri in volto e persi nella sconfitta. Forza Napoli!

Finisce con i giocatori a cantare a centrocampo O’ Surdato Nnammurato e il capitano Insigne (migliore in campo) a mostrare fiero la sua Napoletanità.

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te