De Luca sta governando benissimo, perché vuole subito le elezioni?

da | Giu 17, 2020 | Primo piano

De Luca ne ha fatto un cavallo di battaglia e sinceramente non si capisce il perché. O meglio, lo si capisce benissimo. Vuole incassare, quanto prima possibile, il favore che gli è derivato dalla sovraesposizione mediatica rimediata durante l’epidemia. E più avanti si va, con la data del voto, più pericoli corre, nel senso che il favore potrebbe diluirsi e diventerebbe rischioso combattere contro un avversario del centrodestra, che se dovesse essere Caldoro, sarebbe dato dagli attuali sondaggi ad un solo punto di distacco. Ammesso, e non concesso, che il centrodestra fosse coeso su questa candidatura.

Ora è evidente che l’interesse personale di De Luca non collima, in questo caso, con quello pubblico e della collettività. Perché, visto tra l’altro che sta governando benissimo, non si capisce proprio perché si debba fare una corsa forsennata alle elezioni. Anzi a ben ragionare sarebbe più logico, nel caso di De Luca, che le elezioni si rimandassero quasi sine die. Perché tutti sappiamo quanto sia stato valido nell’affrontare l’emergenza Covid e sarebbe opportuno garantirsi comunque la sua presenza in autunno per il caso di una nuova riesplosione del contagio. Se dovesse perdere le elezioni in nuovo governatore, chiunque esso fosse, non avrebbe l’esperienza sul campo acquisita dall’attuale.

Ma De Luca da quest’orecchio non ci sente. È partito a razzo contro la ministra Azzolina (condividiamo in toto le sue perplessità per l’azione politica di questa incerta esponente del grillismo puro) con uno dei suoi soliti sermoni, a metà strada tra l’analisi politica (richiesta di dimissioni) e le battute folcloristiche di tipo crozziano. Brandisce l’arma dell’apertura rimandata delle scuole. Ed in effetti ci sarebbe l’accavallamento. Ma si serve di quest’arma impropria mandando in avanscoperta, con una sorta di velata “sollecitazione”, l’assessore regionale alla scuola Lucia Fortini. Sentitela: “”Se le elezioni verranno confermate per il 20 e 21 settembre, in Campania le scuole riapriranno il 23 settembre perché tornare in classe per qualche giorno e poi sospendere di nuovo le lezioni per consentire lo svolgimento del voto sarebbe un vero e proprio schiaffo al mondo della scuola – docenti, studenti e famiglie – già messo a dura prova dall’emergenza sanitaria. Il diritto allo studio, lo ribadisco, non va subordinato alle elezioni politiche”. Infatti. Basta semplicemente far riaprire regolarmente le scuole e chiedere ai cittadini della Campania (e delle altre regioni) di votare più in là, senza affanni. Venti giorni in più di prorogatio non creano un vulnus alla nostra democrazia. Questa dichiarazione della Fortini è tanto banale quanto puerile, chiunque capisce bene quali sono i motivi che la spingono a far balenare l’idea di uno slittamento dell’apertura delle scuole. Insomma se la poteva proprio risparmiare, il danno al diritto allo studio esiste solo perché sciaguratamente il governo ha deciso di indire le elezioni troppo presto. E pensare che De Luca, addirittura, sempre nella sua smania di passare subito all’incasso, voleva che si tenessero ad inizio settembre. Una follia pura. Ve la immaginate una accanita campagna elettorale a Ferragosto, sotto l’ombrellone? Non si è mai vista in Italia una cosa del genere.

Se De Luca più che pensare a “lo suo particulare” avesse a cuore l’interesse pubblico si batterebbe, invece, per far sì che le elezioni si tengano o a fine settembre o, meglio ancora, ad inizio ottobre. Così la scuola a Napoli (ma anche in tutte le altre regioni in cui si voterà) potrebbe regolarmente riaprire a metà settembre ed avere il tempo di avviare l’ordinato svolgimento dell’anno scolastico. Nel suo ragionamento, peraltro, sia De Luca che la solerte Fortini non tengono conto del fatto che non tutte le scuole ospitano seggi elettorali e che al Ministero dell’Interno stanno valutando proprio in queste ore il reperimento di caserme o di altri edifici pubblici non occupati per far svolgere le operazioni elettorali senza ostacolare il percorso scolastico.

Una Coach in soccorso delle donne

Una Coach in soccorso delle donne

Victoria Logacheva ha coniugato la sua inclinazione per l’ascolto e l’aiuto agli altri con il lavoro Felicemente sposata, madre di due bambini di 1 e 4 anni, Victoria Logacheva ha da sempre notato di avere una particolare inclinazione per l’ascolto attivo e di essere...

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli errori di Spalletti cominciano ad essere troppi

Gli azzurri fuori dalle Coppe e l'allenatore insiste con moduli e cambi sbagliati Questi allenatori sono davvero strani. E se non proprio tutti almeno lo sono una buona parte di essi. Prendiamo Spalletti. Un amore a prima vista con De Laurentiis (ma il presidente non...

A Spalletti servono gli insostituibili

A Spalletti servono gli insostituibili

Campionato: nelle ultime dodici gare per il Napoli sarà importante avere la rosa al completo L’ultimo turno, spalmato tra il venerdì ed il lunedì, ci ha regalato una sorpresa al giorno: venerdì sera la Juve che con il pareggio nel derby dà l’addio alla corsa scudetto,...

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Piazza Garibaldi, regna il degrado

Già scomparsi gli effetti positivi del restyling: ovunque illegalità, incuria ed abbandono Le macerie di dieci anni di amministrazione de Magistris sono rinvenibili facilmente in tutta la città. Ma il degrado, che per onestà intellettuale, dobbiamo ammetterlo,...

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Le conquiste “rosa” a doppio taglio

Ancora non siamo usciti dal flagello della pandemia (dovrebbe cessare il 31 marzo lo stato di emergenza) e già sentiamo parlare di guerra, la questione Ucraina… Crisi che hanno gravato e gravano soprattutto sulle donne - storicamente deputate alle funzioni di...

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te