De Luca sta governando benissimo, perché vuole subito le elezioni?

da | Giu 17, 2020 | Primo piano

De Luca ne ha fatto un cavallo di battaglia e sinceramente non si capisce il perché. O meglio, lo si capisce benissimo. Vuole incassare, quanto prima possibile, il favore che gli è derivato dalla sovraesposizione mediatica rimediata durante l’epidemia. E più avanti si va, con la data del voto, più pericoli corre, nel senso che il favore potrebbe diluirsi e diventerebbe rischioso combattere contro un avversario del centrodestra, che se dovesse essere Caldoro, sarebbe dato dagli attuali sondaggi ad un solo punto di distacco. Ammesso, e non concesso, che il centrodestra fosse coeso su questa candidatura.

Ora è evidente che l’interesse personale di De Luca non collima, in questo caso, con quello pubblico e della collettività. Perché, visto tra l’altro che sta governando benissimo, non si capisce proprio perché si debba fare una corsa forsennata alle elezioni. Anzi a ben ragionare sarebbe più logico, nel caso di De Luca, che le elezioni si rimandassero quasi sine die. Perché tutti sappiamo quanto sia stato valido nell’affrontare l’emergenza Covid e sarebbe opportuno garantirsi comunque la sua presenza in autunno per il caso di una nuova riesplosione del contagio. Se dovesse perdere le elezioni in nuovo governatore, chiunque esso fosse, non avrebbe l’esperienza sul campo acquisita dall’attuale.

Ma De Luca da quest’orecchio non ci sente. È partito a razzo contro la ministra Azzolina (condividiamo in toto le sue perplessità per l’azione politica di questa incerta esponente del grillismo puro) con uno dei suoi soliti sermoni, a metà strada tra l’analisi politica (richiesta di dimissioni) e le battute folcloristiche di tipo crozziano. Brandisce l’arma dell’apertura rimandata delle scuole. Ed in effetti ci sarebbe l’accavallamento. Ma si serve di quest’arma impropria mandando in avanscoperta, con una sorta di velata “sollecitazione”, l’assessore regionale alla scuola Lucia Fortini. Sentitela: “”Se le elezioni verranno confermate per il 20 e 21 settembre, in Campania le scuole riapriranno il 23 settembre perché tornare in classe per qualche giorno e poi sospendere di nuovo le lezioni per consentire lo svolgimento del voto sarebbe un vero e proprio schiaffo al mondo della scuola – docenti, studenti e famiglie – già messo a dura prova dall’emergenza sanitaria. Il diritto allo studio, lo ribadisco, non va subordinato alle elezioni politiche”. Infatti. Basta semplicemente far riaprire regolarmente le scuole e chiedere ai cittadini della Campania (e delle altre regioni) di votare più in là, senza affanni. Venti giorni in più di prorogatio non creano un vulnus alla nostra democrazia. Questa dichiarazione della Fortini è tanto banale quanto puerile, chiunque capisce bene quali sono i motivi che la spingono a far balenare l’idea di uno slittamento dell’apertura delle scuole. Insomma se la poteva proprio risparmiare, il danno al diritto allo studio esiste solo perché sciaguratamente il governo ha deciso di indire le elezioni troppo presto. E pensare che De Luca, addirittura, sempre nella sua smania di passare subito all’incasso, voleva che si tenessero ad inizio settembre. Una follia pura. Ve la immaginate una accanita campagna elettorale a Ferragosto, sotto l’ombrellone? Non si è mai vista in Italia una cosa del genere.

Se De Luca più che pensare a “lo suo particulare” avesse a cuore l’interesse pubblico si batterebbe, invece, per far sì che le elezioni si tengano o a fine settembre o, meglio ancora, ad inizio ottobre. Così la scuola a Napoli (ma anche in tutte le altre regioni in cui si voterà) potrebbe regolarmente riaprire a metà settembre ed avere il tempo di avviare l’ordinato svolgimento dell’anno scolastico. Nel suo ragionamento, peraltro, sia De Luca che la solerte Fortini non tengono conto del fatto che non tutte le scuole ospitano seggi elettorali e che al Ministero dell’Interno stanno valutando proprio in queste ore il reperimento di caserme o di altri edifici pubblici non occupati per far svolgere le operazioni elettorali senza ostacolare il percorso scolastico.

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te