Navigator a braccia conserte. E il loro capo sotto accusa per sprechi milionari

da | Giu 16, 2020 | Primo piano

Vincenzo De Luca li aveva osteggiati con tutte le sue forze. E il suo non era un malvagio istinto di persecuzione nei confronti di 471 giovani campani affamati di lavoro. Ma era semplicemente contrario all’ipotesi fantasiosa che questo gruppo di “navigator”, da lavoratori precari dovessero destinare tutto il loro impegno a trovare un posto a tempo indeterminato, incrociando domanda e offerta, ai precettori del reddito di cittadinanza.

“Una grande boiata, un’imbecillità totale”. Così il governatore della Campania aveva bollato la geniale trovata di Giggino Di Maio, che sperava, così, di dare un senso a quell’altra idea stravagante del reddito di cittadinanza, una regalia dissennata alla gran parte dei lavoratori in nero d’Italia. Che ovviamente hanno continuato a lavorare in nero. O a fare gli spacciatori o le vedette della criminalità organizzata. Chi era contrario glielo aveva detto che al Sud sarebbe finita così. Ma lui doveva portare a casa il sacro totem del reddito di cittadinanza e non volle sentir ragioni. Gli resistette solo De Luca, inondandolo di frizzi e motteggi. Ma invano, perché, subissato da un milione di pressioni, alla fine cedette e acconsentì all’assunzione di questi ragazzi, che nel frattempo, ovviamente da parte loro, avevano inscenato varie manifestazioni di protesta per la sua mancata adesione, indispensabile per poter procedere.

De Luca anche in quella circostanza aveva visto giusto. Perché i navigator, in Campania come in tutto il resto d’Italia, complice parzialmente anche il Coronavirus hanno in pratica fatto nulla o quasi nulla. E, peraltro, ben poco avrebbero potuto fare, visto che in Italia, lo sanno anche i sassi, le imprese assumono solo chi vogliono e dietro selezioni che organizzano in proprio con i loro cacciatori di teste.

I navigator intanto hanno continuato a percepire regolarmente il loro reddito mensile (1700 euro) e molti hanno intascato anche il bonus di 600 euro. Ma in fondo non è nemmeno colpa loro se nulla o quasi nulla possono fare. Perché la app che avrebbero dovuto utilizzare per incrociare domanda e offerta (ammesso che offerta ci potesse mai essere) non esiste, non l’hanno mai creata, anche se vale 25 milioni di soldi pubblici.

E qui entra nel discorso il capo dell’Anpal, quell’estemporaneo Mimmo Parisi che Di Maio, all’epoca vicepremier e ministro del Lavoro, era andato a scovare, chissà come, negli Stati Uniti per affidargli la responsabilità di tutta l’operazione.

Ora Mimmo Parisi è sotto accusa, è finito del mirino di due dirigenti dell’Anpal stessa e della Commissione Lavoro della Conferenza Stato-Regioni: lo accusano della mancata rendicontazione delle spese che ha sostenuto per oltre 160mila euro. Così ripartite: 71mila euro per i viaggi aerei Roma-Missisipì (dove abita negli States), 55mila euro per noleggi auto con autista, 32mila euro per un appartamento ai Parioli, 5mila euro per spostamenti in Italia e 3mila euro per i pasti. Una vita da nababbo.

Parisi si è difeso, sostiene che tutto quello che chiede di rimborso gli spetta. “Mica posso andare al lavoro a piedi!”, ha replicato e ha anche aggiunto che i 71mila euro per i viaggi aerei erano previsti, glielo aveva detto a Di Maio che avrebbe dovuto fare la spola con l’America. “Sono sposato, ho moglie, mica mi posso separare”. E la business class era anch’essa prevista, perché si tratta di viaggi superiori alle cinque ore di volo.

Insomma avete voluto un grande manager con l’esperienza tutta americana? Ed ora pagate. È la competenza, bellezza. E addirittura si lamenta per i 160 mila euro di stipendio. “Di Maio mi ha beffato, avevamo pattuito 240mila euro l’anno”. Insomma un poveraccio. E quanto alla app che non c’è, lui non ne sa nulla, la colpa è tutta del direttore generale dell’Anpal.

Così stanno le cose. I navigator, con il mare del lavoro in calma piatta, sono fermi nel loro porto e tutto fanno fuorché navigare. Il loro capo, tra stipendi e rimborsi, ci costa un capitale, ma non fa nulla. Evviva. I grillini non erano quelli che per anni hanno abbaiato contro gli sprechi?

La paura del vaccino? È irrazionale

La paura del vaccino? È irrazionale

di Alberto Vito * La contrapposizione del pensiero tra chi valuta la profilassi come una salvezza e chi è perplesso Nel nostro Paese è iniziata la somministrazione della terza dose di vaccino anti-Covid per le persone “fragili”, affette da patologie importanti, e a...

Non spaventate l’aggressore!

Non spaventate l’aggressore!

Criminalità “diffusa” e camorristica. Troppi giovani tra le vittime. È emergenza armi ed educativa Qualora vi aggredisse un uomo armato, state attenti a non spaventarlo, perché magari non ha alcuna intenzione di sparare ma, se fate qualche gesto che potrebbe...

Napoli, lavora e sogna!

Napoli, lavora e sogna!

Spalletti ha rivitalizzato un ambiente che sembrava in piena crisi dopo il Verona Convinto e determinato, diretto come mai e con il suo sguardo, a tratti luciferino, Luciano Spalletti si era presentato così da allenatore di un Napoli dell’anno zero dopo la delusione...

La missione del nuovo sindaco

La missione del nuovo sindaco

Tutti i compiti di Manfredi per riparare dieci anni di guasti Come sempre accade quando ci si appresta a scrivere un articolo affiora la necessità di riordinare preliminarmente le idee, prima di passare a “mettere penna su carta”. Ma mai come in questa circostanza...

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Manfredi, vittoria annunciata. E c’è un perché

Spentosi l’entusiasmo per la schiacciante vittoria di Gaetano Manfredi, neo sindaco di Napoli, appare opportuna, per non dire obbligatoria, una riflessione più serena sull’esito della competizione elettorale. Sine ira ac studio, avrebbe detto Tacito. Quindi più...

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te