Caos nella serata di ieri a piazza Bellini. Un’operazione di controllo anti-movida delle forze di polizia ha scatenato una vera rivolta da parte dei numerosi giovani lì presenti e si è conclusa con il fermo di tre persone.

Nell’identificare alcune persone gli agenti sono stati insultati, accerchiati e minacciati da numerose persone. I poliziotti hanno riportato contusioni e le stesse auto di servizio sono state danneggiate. “Gli operatori delle Volanti hanno gestito la situazione con equilibrio, a fronte di un inaccettabile comportamento aggressivo e minaccioso di decine di persone. Verranno svolte indagini per individuare i responsabili di queste condotte” dichiara il Questore di Napoli.

Nettamente in contrasto con la posizione della Questura, la versione del movimento “Mezzocannone occupato” che attraverso i suoi canali social ha comunicato che i fermati sarebbero tre loro attivisti tre loro attivisti, che si troverebbero ora in carcere per “colpe incomprensibili”.