San Ludovico da Casoria: l’urna inaccessibile, sottratta alla devozione dei fedeli

da | Giu 14, 2020 | Primo piano

di Mimmo Ronga

 Il 17 giugno è la Festa di San Ludovico da Casoria. Il corpo ricomposto del santo fu visibile nella Basilica di Santa Chiara per un anno: dal 1 novembre 2018 (quando la nuova urna trasparente sostituì il piccolo reliquiario che conteneva le ossa del Santo dal 23 novembre 2014 quando fu canonizzato a Roma da Papa Francesco) al 25  novembre 2019 quando fu trasferito all’Ospizio Marino di Via Posillipo, 24, dove tuttora è visibile nella piccola cappella, collocata al piano spiaggia dell’Ospizio Marino sottoposta di 94 gradini rispetto al piano stradale. Nell’ospizio c’è una piccola comunità delle Suore Francescane Elisabettine Bigie.

Dopo quattro anni dalla canonizzazione di San Ludovico da Casoria, fu realizzata, a somiglianza dell’urna trasparente che mostra il corpo di San Pio da Pietrelcina a San Giovanni Rotondo, l’attuale urna che mostra il corpo del Santo nella sua naturale conformità anatomica ricoperto dal saio francescano.

Lo scheletro conservato integralmente fu ricostituito dai periti medici, Michele Papa, Ordinario di Anatomia umana normale dell’Università Luigi Vanvitelli di Napoli, da Rosanna Maria Anna Costanzo, ricercatrice di Anatomia patologica della medesima Università –e da Domenico Ronga, primario emerito dell’Istituto Pascale di Napoli.

Il corpo è visibile nell’immagine plastica del momento del trapasso che avvenne alle ore 7.15 del 30 marzo 1885 nell’Ospizio Marino di Posillipo. La realizzazione dell’opera fu fortemente voluta dal dott. Domenicp Ronga. nativo di Casoria e devoto del Santo.

Padre Ludovico da Casoria è stata una figura di grande spessore del XIX secolo, non solo nella città di Napoli, ma anche ad Assisi, a Firenze, a Roma, in Africa e nella penisola Sorrentina con le sue opere di carità.

Fu autore di oltre 240 ppere di carità, molte delle quali ancora oggi attive e non solo nella città di Napoli. Per la realizzazione delle sue tante opere di carità ebbe la collaborazione non solo di illustri personalità religiose quali il Cardinale Sisto Riario Sforza ed il Cardinale Guglielmo Sanfelice, ma anche di uomini illustri del suo tempo: laici, se non addirittura miscredenti quali Paolo Emilio Imbriani e Luigi Settembrini.

Padre Ludovico da Casoria fondò ospizi, scuole per bambini poveri, da lui chiamati “accattoncelli“, comprò e liberò dalla schiavitù bambini e bambine africane “i moretti e le morette“, pose in opera laboratori di artigianato (tipografie, ebanisterie, sartorie, scuole di musica ecc.).
Accoglieva orfanelli, poveri, anziani, senza fissa dimora e sacerdoti anziani ed infermi.
Fondò il Collegio “La carità” che vide tra gli allievi anche Salvatore Di Giacomo e Benedetto Croce che definì Padre Ludovico da Casoria il San Francesco del XIX secolo.

Fu apprezzato e fu confessore del Re Ferdinando II di Borbone e fu apprezzato anche da Giuseppe Garibaldi che rimase colpito dalle attività di carità e di pratica infermieristica dei Frati Bigi la cui Congregazione fu fondata da Padre Ludovico da Casoria come anche la Congregazione delle Suore Francescane Elisabettine Bigie, tuttora operanti in tutto il mondo.

I Frati Bigi operavano negli ospedali da campo ed in quelli strutturati con lo stesso zelo e sacrificio sia verso i soldati feriti del Re Borbone sia verso i soldati garibaldini.

Padre Ludovico da Casoria non fu soltanto “il fraticello della carità sfrenata” così definito da Papa Leone XIII con il quale aveva rapporti confidenziali, fin da quando non ancora Papa il Cardinale Gioacchino Pecci di Perugia incoraggiò Padre Ludovico a fondare ad Assisi l’Istituto per bambini ciechi e sordomuti. Quest’opera è tutt’ora attiva nel luogo della Piazza di San Francesco ad Assisi.
Padre Ludovico da Casoria con tante personalità laiche e cattoliche dell’Ottocento fondò “circoli politici” ed incoraggiò l’impegno in politica degli intellettuali dell’epoca nel Parlamento Italiano appena costituitosi dopo l’Unità d’Italia 1860-1870.

Nella seconda metà dell’Ottocento era ancora forte il legame di tanti intellettuali per il regime borbonico per cui si autoescludevano dall’impegno politico per lo Stato unitario.

Prima di don Luigi Sturzo è stato proprio Padre Ludovico da Casoria a risvegliare nei più importanti rappresentanti “dell’intellighenzia cattolica meridionale” l’impegno politico.

Padre Ludovico da Casoria guidò l’inizio delle attività di carità dell’avvocato Bartolo Longo, dandogli consigli importanti per la fondazione della Basilica dedicata alla Beata Vergine del Rosario a Pompei. La riconoscenza di Bartolo Longo fu testimoniata dalla collocazione della statua dedicata a Padre Ludovico da Casoria nel corridoio antistante l’ingresso della medesima Basilica.

La biografia di Padre Ludovico da Casoria fu scritta dal Cardinale Alfonso Capecelatro dopo solo due anni dalla sua morte.

Papa Giovanni Paolo II proclamò Beato Padre Ludovico da Casoria il 18 aprile 1993 e Papa Francesco lo proclamò Santo il 23 novembre 2014. L’urna trasparente contenente il suo corpo nell’immagine plastica del momento del trapasso, fu visibile a tanti fedeli, turisti, cittadini di Casoria, devoti nella Basilica di Santa Chiara dove era stata posta in una cappella per il tempo di un anno.

La devozione verso questo grande Santo napoletano incominciava ad estendersi e la conoscenza della sua vita dava emozione con richieste di intercessioni come si chiede ai santi che per le loro peculiari virtù sentiamo vicini.

Questo flusso continuo di preghiere davanti all’urna di San Ludovico da Casoria è stato interrotto da novembre 2019 quando le Suore Francescane Elisabettine Bigie hanno voluto riportare l’urna con il corpo del Santo nell’Ospizio Marino di Posillipo dove fu conservato dal 1887 fino alla sua canonizzazione nel 2014.

Vero è che oggi non veneriamo l’umile Frate Padre Ludovico da Casoria, bensì siamo davanti a San Ludovico da Casoria che appartiene alla Chiesa, appartiene a tutti e per questo non è possibile poterlo venerale in un luogo quasi inaccessibile qual è l’Ospizio Marino di Via Posillipo, 23 dove, in una strada angusta non è possibile parcheggiare un’auto e non è facile neanche raggiungerlo con i mezzi pubblici.

La Chiesa di Napoli con la sua massima Autorità che la rappresenta ed in collaborazione con la Congregazione delle Suore Francescane Elisabettine Bigie, ha l’obbligo morale di decidere e trasferire il corpo del Santo in un luogo sacro dove, in modo adeguato, possa essere conosciuto, venerato e frequentato San Ludovico da Casoria, gloria delle Città di Casoria e di Napoli che lo videro instancabile operatore di carità verso gli ultimi ed i diseredati di ogni ordine e grado.

Allarme Covid nelle scuole

Allarme Covid nelle scuole

In una settimana 47 contagi negli istituti superiori Quattro morti e 348 positivi: sono i dati dell’ultimo giorno (venerdì 24 settembre) di rilevazione dell’andamento dell’emergenza Covid-19 in Campania. Dati che indicano che l’indice di contagio resta stabile al...

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il voto? Ecco come andrà a finire

Il candidato Manfredi è favorito nella corsa alla poltrona di sindaco… grazie al reddito di cittadinanza A Napoli, com’è noto, si vota il prossimo 3 ottobre per scegliere il nuovo sindaco, che governerà la città dopo dieci anni di disastrosa gestione di de Magistris....

Sport e salute col progetto Nalab

Sport e salute col progetto Nalab

A piazza Municipio quattro giorni di iniziative promosse dall’Ortopedia Meridionale Salvio Zungri Promuovere l’attività sportiva gratuita rivolta alla popolazione locale e valorizzare lo sport, incrementandone la funzione sociale, educativa ed etica, anche innalzando...

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

Campania, open day vaccinale per le donne in gravidanza

In occasione della Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita, promossa dal Ministero della Salute, che quest’anno è dedicata alle cure materne e neonatali sicure con il claim “Agisci adesso per un parto sicuro e rispettoso”, Venerdì 17...

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Napoli incompleto. Inutile cullare sogni di gloria

Salvatore Bagni è sempre stato un inguaribile ottimista. Ma questa volta è proprio andato oltre ogni limite: è bastato che diventasse ufficiale l’acquisto del misconosciuto Anguissa per fargli dichiarare che il Napoli è da scudetto. Anzi a sentirlo quasi il campionato...

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Le t-shirt firmate Gomorra vanno a ruba sul web

Albert Bandura, recentemente scomparso, ammoniva sugli effetti modellanti della tv  di Cinzia Rosaria Baldi * L’ultima moda è indossare le magliette  ispirate ai personaggi di Gomorra, la celebre serie tv ideata da Roberto Saviano.  Vanno a ruba sul web felpe e...

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

Napoli-Verona, altro che dimenticare. Vogliamo sapere

La chiusura della prima fase di preparazione al campionato suggerisce una prima serie di considerazioni e di rilievi. La parentesi di Dimaro ha confermato quanto già si sapeva sul carattere forte e carismatico del nuovo allenatore. È il suo grande pregio, unito alla...

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Giuntoli tra Adl e Spalletti

Il ds ha il compito di abbassare il tetto degli ingaggi e dare al tecnico una rosa comunque competitiva Passata la sbornia europea, testa al mercato e soprattutto al campionato. “Ricomincia da tre” la stagione 2021/22, per tre ottimi motivi che la rendono già...

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

Cosa spinge le persone ad essere cattive?

di Cinzia Rosaria Baldi * La psicologia può spiegare perché accadono fenomeni di estrema crudeltà come le violenze nel carcere a S.M. Capua Vetere Le atroci  violenze avvenute nel carcere a S.M. Capua Vetere lo scorso anno in pieno lock down e portate alla ribalta...

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

Il caso di Chiara, 15 anni, uccisa da un amico di 16 anni

I giovani bombardati dal brutto e dal male che toglie la speranza. Genitori distratti, il silenzio degli scienziati L’omicida  sedicenne  ora racconta che sentiva la voce del diavolo,  turbato dalla serie  televisiva  “Lucifer”,  ma la razionalità dimostrata con i...

I giallorossi rivivono solo a Napoli

I giallorossi rivivono solo a Napoli

Pd e 5 Stelle uniti nel sostenere il candidato sindaco Manfredi. Ma ce la faranno a vincere? A Napoli si risperimenterà, per il momento caso unico in Italia, la coalizione Pd-5Stelle. Ricordate, è quell’alleanza tra forze assolutamente incompatibili, contro natura,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te