La vittoria di Gattuso e l’Inter nel destino di Ospina

da | Giu 14, 2020 | Calcio Napoli

E stato un pareggio sofferto ma l’obiettivo è stato centrato: una qualificazione alla finale di Coppa Italia che ha già il sapore del successo per Rino Gattuso, l’uomo che ha cambiato il Napoli. Dopo la partenza shock sulla panchina azzurra, con quattro sconfitte in cinque partite in campionato, Ringhio ha rimesso sulla rotta giusta la barca azzurra. E il Napoli, a furia di strigliate in allenamento e “cazziatoni” durante le partite, è tornato ad essere una squadra e si è ricompattato proprio attorno al tecnico campione del Mondo nel 2006 in Germania con la Nazionale.

Dopo l’uscita dal tunnel in campionato, dove gli azzurri hanno infatti avviato una lenta risalita verso le prime posizioni, il Napoli di Gattuso ha anche una partecipazione alla Champions League ancora tutta da scrivere: all’andata nella gara col Barcellona finì 1-1 al San Paolo ma Messi e compagni hanno subito la veemenza di Demme e compagni. Ma soprattutto, adesso, c’è una finale di Coppa Italia da disputare, la terza nell’era De Laurentiis che già ne ha vinte due e vorrebbe rispettare il proverbio famoso secondo cui “non c’è due senza tre”.

Finale che, però, non vedrà la presenza di un uomo simbolo, uno dei protagonisti della svolta del Napoli, quella che può essere considerata la vera scommessa vinta da Gattuso: David Ospina. Il numero uno colombiano, infatti, ha rimediato un giallo che non gli consentirà di difendere la porta del Napoli contro la Juventus e dovrà lasciare il posto al compagno più giovane Alex Meret rispetto al quale si era imposto come titolare nelle gerarchie di Gattuso proprio dopo la partita di campionato al San Paolo contro l’Inter persa per 3-1 dagli azzurri complice una papera di Meret. Dall’Inter in campionato all’Inter in Coppa Italia: la prestazione positiva di ieri di Ospina, seppur con un errore ad inizio gara sul gol di Eriksen, ha suggellato ancora una volta la saggezza della decisione di Gattuso che al momento continua a preferirlo a Meret. E non solo per i piedi buoni, ma anche per il carisma e l’aiuto che sa dare ai compagni. Oltre che per gli assist agli attaccanti, come accaduto ieri sera con quello per Insigne che si è rivelato decisivo per la qualificazione alla finale di Coppa Italia.

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te