Di nuovo Dries, Ciro segna il gol che porta il Napoli in finale

da | Giu 14, 2020 | Calcio Napoli

Mertens segna il gol che porta il Napoli in finale, ottimo l’assist di Insigne che mette “Ciruzzo” a tu per tu con Handanovic, il belga fa 122 in azzuro e rimedia al vantaggio dell’Inter. Mercoledì contro la Juventus a Roma per conquistare la Coppa Italia.

Dopo la lunga sosta si ritorna in campo, al San Paolo si riaccendono i riflettori e nell’assordante silenzio, il Napoli conquista la finale di Coppa Italia che si disputerà mercoledì sera allo stadio Olimpico di Roma contro la Juventus. Un clima sicuramente non piacevole quello che si respira a Fuorigrotta, in un impianto che per queste serate di calcio, vede riempire sempre gli spalti di tifosi che con gioia e allegria incitano incessantemente i propri beniamini. Dopo aver osservato un minuto di silenzio per le vittime del covid-19, si può cominciare, mister Gattuso visibilmente emozionato, manda un bacio al cielo per ricordare la sorella Francesca scomparsa 10 giorni fa.

Il match si mette subito in salita per gli azzurri, dopo appena 2 minuti di gioco, su calcio d’angolo, l’Inter trova il vantaggio con Eriksen che direttamente dalla bandierina disegna una parabola a rientrare sul primo paolo, nessuno colpisce la sfera che sorprende Ospina finendo in rete dopo essergli passata tra le gambe. Il Napoli, come stava iniziando ad abituarci prima dello stop delle competizioni, non si scompone facendo la sua partita e tenendo botta alla squadra di Conte che sembra averne di più. Con il passare del tempo di gioco, si mettono sempre più in evidenza le prestazioni di Maksimovic e Koulibaly che limitano i due fuoriclasse dell’Inter, Lukaku e Lautaro faticano molto per tutto il match senza mai riuscire ad essere pericolosi se non in qualche occasione ben controllata dal portiere azzurro che poi risulterà tra i migliori della serata. Proprio Ospina da il via al contropiede che porta al pareggio, lungo lancio che supera la metà campo dove Insigne si invola in contropiede inseguido da Eriksen, il capitano azzurro protegge la sfera frapponendosi tra essa e il danese, servendo al momento giusto un rigore in movimento per la corrente Mertens che a tu per tu con Handanovic non sbaglia regalando il pareggio al Napoli e diventando il miglior marcatore azzurro con 122 reti.

Nella ripresa l’Inter è costretta a richiare di più, crea occasioni da gol ma sbatte sempre su Ospina in serata di grazia. La stanchezza inizia a farla da padrona, per il lungo stop la forma non può essere al meglio, ma nonostante un ritmo di gioco più blando non mancano i pericoli. Al minuto 79, per perdita di tempo, finisce tra i cattivi Ospina, unico ammonito del Napoli e diffidato che salterà la finale. Il match si avvia verso la fine con un clima surreale che sorprende quasi quando Rocchi, dopo 5 minuti di recupero, sancisce la fine della partita con il triplice fischio. Gli azzurri si regalano la decima finale di coppa Italia della storia del club, contro la Juventus da sempre nemica calcistica.

Da evidenziare l’ottima prestazione di Maksimovic e Koulibaly che riescono a contenere l’attacco pesante dell’Inter, facendola da padrana sulla maggior parte delle palle alti. Ospina, che dopo lo svarione iniziale, si riscatta facendo delle parate difficili che salvano il risultato, prima sul colpo di testa di Lukaku, poi sul tiro di Candreva, per poi andare ad intercettare un botta potente da calcio di punizione di Eriksen e ancora sul danese che a colpo sicuro all’altezza del dischetto di rigore, con un tiro potente si vede negare la gioia del gol da un intervento miracolso.

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Ounas fermo: indagini sul suo cuore

Problemi al cuore per Adam Ounas, folletto azzurro che è rientrato dalla Coppa d’Africa ma non sarà a disposizione di Luciano Spalletti. Il commissario tecnico dell’Algeria, Djamel Belmadi, all’indomani dell’eliminazione dalla Coppa d’Africa ha spiegato che il...

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona

Il Napoli ritorna a sorridere al Maradona, dopo tre sconfitte consecutive tra le mura amiche, gli azzurri battono la Sampdoria per 1-0 grazie al gol di Petagna.   Il Napoli ritorna a sorridere - Stadio desolatamente deserto, pocchissimi i sostenitori per questa...

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti che ha sorpreso Pioli

La mossa di Spalletti - Petagna titolare e una squadra predisposta all'attesa e al contropiede: cosi il tecnico ha vinto il big match con il Milan. E sul gol di Kessie... La mossa di Spalletti - Nella gelida Milano, il Napoli di Spalletti ridimensionato dalle...

I due miracoli di Spalletti

I due miracoli di Spalletti

Rrahmani e Lobotka: Gattuso li aveva ignorati e sembravano due giocatori persi alla causa del Napoli (e di Adl) Rino Gattuso a Napoli non è stato fortunato. In fondo all’ultima giornata di campionato per un misero gol ha perso il quarto posto e la qualificazione...

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Tra iella e arbitraggi Napoli urla

Nonostante infortuni e sfortuna la squadra recrimina per i cinque punti persi con Verona ed Empoli È davvero in fase calante il Napoli o gli ultimi risultati negativi sono solo colpa degli infortuni a ripetizione dei suoi giocatori chiave? Spalletti, in verità, non ha...

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Quanti scivoloni, don Aurelio!

Una frana. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis passa per un grade comunicatore. Ma in questi ultimi giorni, vittima del suo stesso narcisismo, l’ha fatta veramente grossa. Ha inanellato una serie di dichiarazioni che oltre a portare scompiglio nel mondo del...

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà..

Napoli-Leicester festa a metà, gli azzurri vincono per 3 a 2 ma non basta per evitare i sedicesimi di finale. Napoli-Leicester festa a metà - Serata di tempesta al Maradona, il Napoli costretto a vincere contro il Leicester per sperare di passare il turno da primo,...

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli

Nella notte per Diego riparte il Napoli, 4-0 alla Lazio e primato solitario in classifica, Zielinski apre le marcature, poi Dries Ciro Mertens firma una straordinaria doppietta, poi Ruiz mette il sigillo nel secondo tempo. Nella notte per Diego riparte il Napoli -...

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca

Napoli gelido a Mosca, contro lo Spartak finisce 2-1, gli azzurri si riscaldano nel secondo tempo ma non riescono a recuperare il risultato. Napoli gelido a Mosca, nel pomeriggio freddo della partita contro lo Spartak, gli azzurri non si rialzano e incassano la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te