Torna il calcio, reti inviolate a Torino. La Juve va in finale di Coppa Italia

da | Giu 12, 2020 | Calcio Napoli

Al di là del risultato, un insignificante zero a zero che qualifica la Juventus per la finale di mercoledì prossimo, questo match di semifinale passerà alla storia perché ha rappresentato il ritorno del calcio in Italia. Solo venti giorni fa sembrava un miraggio. Ed ora che è stato eliminato anche lo spettro della quarantena si può fondatamente sperare che la stagione possa andare a conclusione. Un miracolo.

Il momento più suggestivo della serata è stato il minuto di silenzio con i rappresentanti di tutte le categorie professionali protagoniste di questa drammatica esperienza dell’epidemia, schierate a centrocampo per il doveroso tributo ai quasi trentacinquemila morti da coronavirus. Poi Orsato, anche lui contratto, ha dato il fischio di avvio.

C’è stato, ed era inevitabile, uno smarrimento iniziale, che è durato però non più di un paio di minuti. Perché poi mentre la Juve sembrava una squadra reduce non da una sosta di quattro mesi, ma in piena attività di servizio, il Milan appariva al contrario come se stesse giocando una di quelle partite amichevoli di agosto che servono solo a sgranchire le gambe.

Ma la Juventus, pure in palla, non riusciva ad aggirare quella folta barriera difensiva che Pioli aveva piazzato davanti a Donnarumma. E l’avrebbe sbloccata se Cristiano Ronaldo, di solito infallibile, non avesse spedito sul palo un rigore decretato da Orsato per un fallo di mani ingenuo in piena area di Conti. Proprio quando sembrava aver scampato il pericolo il Milan si è complicato la vita per un fallaccio di Rebric, giustamente sanzionato con l’espulsione.

Eppure sebbene nel primo tempo la Juve fosse chiaramente più in palla, non è riuscita a debellare il catenaccio rossonero. Tutti troppo fumosi i bianconeri, alla ricerca del funambolismo che si dimostrava sterile e fine a sé stesso. Ronaldo ad esempio alla vigilia era dato tra i più in forma, ed invece, al di là dell’errore sul calcio di rigore, è apparso solo l’ombra del campione decisivo che avevamo ammirato per tutta la pria parte del torneo. Stesso discorso per Dybala, mai concreto e spesso avulso dal gioco.

La sorpresa la si è avuta nella seconda parte del match, quando il Milan, sebbene in inferiorità numerica, è apparso più tonico e in varie occasioni è riuscito a mettere in difficoltà la difesa avversaria. Sui singoli da segnalare le buone prove di Kessiè e Romagnoli tra i rossoneri e di Bentacour e Alex Sandro tra i bianconeri.

La Juve comunque, con il minimo sforzo accede alla finale che disputerà contro la vincente fra Napoli ed Inter. La partita con il Milan ha segnato anche l’esordio della formula dei cinque cambi. La Juve li ha sfruttati tutti, Pioli ne ha fatti solo quattro. Ma considerando le fatiche a ripetizione e l’imperfetta condizione fisica di tutti i giocatori si è capito che torneranno davvero utili. Un’iniziativa intelligente, che contribuirà a portare in porto Coppa e campionato.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te