Una società che ha smarrito la reciprocità del dare e dell’avere

da | Giu 11, 2020 | Cultura&Spettacolo

di Silvana Lautieri*

Manca uno scatto di dignità, manca la gratificazione e l’orgoglio di poter affermare che ciò che abbiamo realizzato è frutto dell’impegno, della passione, del sacrificio che richiedono tutte le cose necessarie a dare un senso costruttivo alla nostra esperienza terrena. Si vegeta, si cazzeggia, si pretende e si dimentica il flusso fondamentale della reciprocità del dare e dell’avere, dei diritti che non possono essere avulsi dai doveri.

Una società di massa, quella dei nostri tempi, che non rappresenta nulla se non il vuoto “esserci” senza una sostanza che ne legittimi l’esistere. Una massa che stravolge i ritmi diurni e notturni relegando i primi ai molli ozi di giacigli occupati solo alle prime luci dell’alba, ed i secondi ad annegare in fiumi di alcol e forse droga, dei pensieri vuoti di chi, privo di riferimenti accreditati, così intende dimenticare il suo banale esistere. Massa: tutto e niente nella misura in cui ciascuno di noi è un essere irripetibile, simile ma non uguale ad altri da sé. Una società dell’immagine che ci fa dimenticare la possibilità di impiegare le nostre energie nelle terre abbandonate, nelle botteghe artigianali, nel sostegno alle categorie diversamente abili, lavori creativi, lavoro per ripulire strade, tombini, argini di fiumi invasi dalla plastica. Con un atto di buona volontà e di lodevoli possibili iniziative personali che soddisfino la dignità dimenticata e l’ orgoglio dismesso: tutto il nostro habitat è allo stremo dell’incuria.
E, reclamiamo assistenzialismo, dallo stato, dai vecchi che ancora sopportano sulle spalle il peso di responsabilità che andrebbero assunte da quelle fasce più giovani che fanno fatica ad accettare di essere nella maggiore età e che il benessere si conquista poco alla volta non certo per l’attenzione ed il favore di “conoscenze di peso “.

Manca il senso della misura ai nostri tempi, c’è un “troppo di tutto” che storpia e non fa crescere. C’è il disimpegno di buona parte di intellettuali preoccupati a promuovere solo i propri prodotti, non certo a dare un contributo, un indirizzo etico, corretto, a condotte distorte.  C’è una borghesia preoccupata solo a tutelare i propri privilegi. E c’è un popolo che si bea delle chiacchiere vuote di reality televisivi che li allontanano di mille miglia dalla consapevolezza necessaria a prendere coscienza di ciò che veramente conta nella vita. E poi c’è una giustizia latitante: nella società dell’immagine latitano anche coloro che, al di sopra delle parti (così dovrebbe essere) si preoccupano solo di essere fedeli accoliti del “gruppo di appartenenza”. Cos’altro aggiungere? Non sono i tempi della cura della res pubblica, né quelli della condivisione degli interessi, ma sono i tempi in cui tutto è strumento per…
L’uomo dunque come mezzo, non certo come fine. Povero Fromm!

*Presidente Centro Studi Erich Fromm

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Vedi Napoli e poi mangi e bevi

Un rapporto sul turismo enogastronomico individua la città partenopea come la più “appetibile” Gradualmente le riaperture stanno riportando turisti e visitatori nelle città italiane. Non sarà, purtroppo, un fenomeno di massa, ma considerati i presupposti, bisogna...

Parte il Festival delle Arti 2021

Parte il Festival delle Arti 2021

La rassegna, giunta alla sua sesta edizione, è organizzata dalla storica associazione Noi per Napoli Parte il Festival delle Arti 2021 Noi per Napoli dedicato alla città di Napoli, al suo patrimonio storico e culturale, alle sue tradizioni, alla Lirica e al Bel Canto...

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

“Il sangue di San Gennaro” di Sàndor Màrai

Altro classico che ascriviamo alla letteratura di Napoli è “San Gennaro vère” dell’autore ungherese Sàndor Màrai, il cui titolo italiano risponde a “Il sangue di San Gennaro”. E lo poniamo nella letteratura di Napoli non solo perché parla con slancio di una Città, a...

Ninfa plebea di Domenico Rea

Ninfa plebea di Domenico Rea

La seconda recensione di un classico della letteratura napoletana ha per oggetto, ovviamente, un libro straordinario, e ci ricorda, indirettamente, le consuetudini di un “Paese straordinario”. Ove la seconda “straordinarietà” non è da intendersi positivamente....

I sentieri della musica di Paolo Isotta

I sentieri della musica di Paolo Isotta

Una lettura dei classici della cultura napoletana e meridiana Diamo avvio questa settimana ad una nuova rubrica che ha per intento quello di rendere più noti opere e/o autori ascrivibili alla letteratura napoletana. Ricordando e rileggendo, nei limiti delle nostre...

Premio Filangieri, ci siamo

Premio Filangieri, ci siamo

di Federico Marone Dalle bellezze del passato alla street art: via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia Premio Filangieri, via alla terza edizione del concorso nazionale di poesia e fotografia promosso dall’ente ecclesiastico “Immacolata e...

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

Mantenimmo pubbleco ’stu ciardino antico

’A Giunta vo’ affidà ê private ’o vverde d’ ’a Villa Cummunale Doppo paricchio tiempo, ’ncopp’ê giurnale napulitane se parlaancora d’ ’aVilla Cummunale. L’urdema volta fuje quanno ’o presidente De Luca facette chiudere parche e cciardine, comme si spannere ’o virusse...

Napoli celebra il “divin poeta”

Napoli celebra il “divin poeta”

La mostra “Divina Archeologia” a settembre al Mann ricorderà i 700 anni dalla morte di Dante In tutta Italia si celebrano quest’anno i settecento anni dalla morte di Dante Alighieri, il “divin poeta” reso immortale dai versi della Divina Commedia. E non solo. Anche a...

La scuola dei giusti nascosti

La lettura di questa settimana riprende il genere della narrativa con un romanzo di formazione scritto da Marcello Kalowski, “La scuola dei giusti nascosti”, pubblicato lo scorso anno dalla casa editrice Besa. Due ragazzine sono le protagoniste che animano la storia,...

Un concerto per il principe

Un concerto per il principe

Ricordo in musica, on line, per i 250 anni dalla morte di Raimondo di Sangro La pandemia sta assestando un colpo durissimo alla cultura. Ma per fortuna non tutto tace. Sabato, stasera, alle 19.30 un concerto on line aprirà le celebrazioni per i 250 anni dalla morte di...

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

Ecco chi ha fatto grandi i Borbone

In libreria il volume di Paolo Mastromo che ripercorre l’epoca dei progetti e delle scienze meridionali Un ritorno alla storia rappresenta la lettura di questa settimana. Il saggio I Napoletani che hanno fatto grandi i Borbone è un piacevole libro di Paolo Mastromo,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te