Una società che ha smarrito la reciprocità del dare e dell’avere

da | Giu 11, 2020 | Cultura&Spettacolo

di Silvana Lautieri*

Manca uno scatto di dignità, manca la gratificazione e l’orgoglio di poter affermare che ciò che abbiamo realizzato è frutto dell’impegno, della passione, del sacrificio che richiedono tutte le cose necessarie a dare un senso costruttivo alla nostra esperienza terrena. Si vegeta, si cazzeggia, si pretende e si dimentica il flusso fondamentale della reciprocità del dare e dell’avere, dei diritti che non possono essere avulsi dai doveri.

Una società di massa, quella dei nostri tempi, che non rappresenta nulla se non il vuoto “esserci” senza una sostanza che ne legittimi l’esistere. Una massa che stravolge i ritmi diurni e notturni relegando i primi ai molli ozi di giacigli occupati solo alle prime luci dell’alba, ed i secondi ad annegare in fiumi di alcol e forse droga, dei pensieri vuoti di chi, privo di riferimenti accreditati, così intende dimenticare il suo banale esistere. Massa: tutto e niente nella misura in cui ciascuno di noi è un essere irripetibile, simile ma non uguale ad altri da sé. Una società dell’immagine che ci fa dimenticare la possibilità di impiegare le nostre energie nelle terre abbandonate, nelle botteghe artigianali, nel sostegno alle categorie diversamente abili, lavori creativi, lavoro per ripulire strade, tombini, argini di fiumi invasi dalla plastica. Con un atto di buona volontà e di lodevoli possibili iniziative personali che soddisfino la dignità dimenticata e l’ orgoglio dismesso: tutto il nostro habitat è allo stremo dell’incuria.
E, reclamiamo assistenzialismo, dallo stato, dai vecchi che ancora sopportano sulle spalle il peso di responsabilità che andrebbero assunte da quelle fasce più giovani che fanno fatica ad accettare di essere nella maggiore età e che il benessere si conquista poco alla volta non certo per l’attenzione ed il favore di “conoscenze di peso “.

Manca il senso della misura ai nostri tempi, c’è un “troppo di tutto” che storpia e non fa crescere. C’è il disimpegno di buona parte di intellettuali preoccupati a promuovere solo i propri prodotti, non certo a dare un contributo, un indirizzo etico, corretto, a condotte distorte.  C’è una borghesia preoccupata solo a tutelare i propri privilegi. E c’è un popolo che si bea delle chiacchiere vuote di reality televisivi che li allontanano di mille miglia dalla consapevolezza necessaria a prendere coscienza di ciò che veramente conta nella vita. E poi c’è una giustizia latitante: nella società dell’immagine latitano anche coloro che, al di sopra delle parti (così dovrebbe essere) si preoccupano solo di essere fedeli accoliti del “gruppo di appartenenza”. Cos’altro aggiungere? Non sono i tempi della cura della res pubblica, né quelli della condivisione degli interessi, ma sono i tempi in cui tutto è strumento per…
L’uomo dunque come mezzo, non certo come fine. Povero Fromm!

*Presidente Centro Studi Erich Fromm

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

Mariani secondo atto. Focus sui clan vesuviani

È passato solo un anno dal debutto di Giovanni Taranto, con “La fiamma spezzata”. Ed eccolo ora riproporsi con un nuovo romanzo, sullo stesso tema, intrighi ed affari della criminalità organizzata vesuviana al vaglio di un investigatore serio e determinato. Siamo...

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

Freud’s Bones, la psicoanalisi in un gioco

La geniale intuizione di Fortuna Imperatore, game designer napoletana laureata in Psicologia A chi poteva venire in mente l’idea di creare un videogioco che avesse per protagonisti Freud e la psicoanalisi? O a un matto o ad un genio, ma sicuramente con l’inventiva e...

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Applausi per il duo Mosca-Corcione

Grande successo per il concerto di musica classica “Note di pace” a Casavatore Grande successo di partecipazione e di pubblico per il concerto di musica classica per violino e pianoforte tenutosi presso la parrocchia di Gesù Cristo lavoratore a Casavatore, intitolato...

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì la consegna dei premi “Emily Dickinson”

Mercoledì 8 Giugno, alle ore 15,30, nellʼincantevole cornice di Castel SantʼElmo, a Napoli,si terrà la manifestazione conclusiva della XXVI edizione del Premio Letterario Internazionale “Emily Dickinson”, fondato e presieduto dalla scrittrice e giornalista Carmela...

“Maradò”, le voci del popolo

“Maradò”, le voci del popolo

Nel libro di Anna Copertino, l’universo napoletano del Dios Che cosa non si è scritto e detto di Maradona che ormai non si sappia? Artisti, grandi firme, uomini di cultura e registi ne hanno la grandezza, miseria e nobiltà ma ognuno con la propria idea e l’immagine ed...

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Procida, un’intera giornata dedicata alla cultura

Un evento di un’intera giornata dedicato alla cultura. A Procida” l’isola che non si isola” e che quest’anno sta celebrando il suo essere capitale della cultura l’appuntamento è fissato per domenica 29 maggio. Un evento che si snoderà in tre momenti, tutti idealmente...

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Campania, Puglia & Mendoza in tour

Le domeniche dal 1° maggio al 5 giugno si terranno cinque concerti di musica dal vivo nei luoghi incantevoli della Campania Napoli – Ercolano – Vico Equense – Sorrento – Ravello. Il Chitarrista Max Puglia (Hermanos, Ruggiero, Buonocore, Gragnaniello, Fò, Hernadez,...

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

Arte e solidarietà con Noi per Napoli

L’associazione culturale organizza e promuove anche iniziative sociali a favore dei bisognosi L’associazione culturale Noi per Napoli, con i suoi artisti e rappresentanti il soprano Olga De Maio ed il tenore Luca Lupoli, ispirata sempre ai principi e finalità...

A tu per tu con Maria Cuono

A tu per tu con Maria Cuono

L’intervista di Noi per Napoli alla scrittrice, giornalista e docente cilentana: una vita per il teatro A tu per tu con Maria Cuono, docente, giornalista e valente scrittrice cilentana. Le abbiamo rivolto qualche domanda per farla parlare di sé, della sua arte e per...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te