È il primo appuntamento di musica live dopo il lockdown ed è in calendario giovedì 18 a Villa di Donato, dimora Settecentesca che sorge nel cuore “popolare” del Borgo di Sant’Eframo a Napoli: qui non ci si è dati per vinti e il calendario della quarta Stagione di “Live in Villa di Donato” è stato ridisegnato per ricominciare, nel segno delle disposizioni di sicurezza in vigore secondo quanto stabilito dal DPCM 17 maggio 2020, n.194 che regolamenta la riapertura dei locali pubblici.. La location farà da apripista ad alte realtà del settore essendo in assoluto la prima a riaprire sul territorio napoletano dopo il lockdown. “Ho sempre pensato che nella musica moderna il tre fosse il numero perfetto. Nella storia del rock, del blues e del jazz la formazione di trio ha raggiunto spesso livelli entusiasmanti. In trio ogni strumentista può esprimersi in maniera individuale senza mai sopraffare gli altri, ma allo stesso tempo fondendosi in un tutt’uno chiaro ed intellegibile”: così Brunello Canessa descrive la sua passione per questa particolare formazione, annunciando con lo spettacolo “Ricomincio da Trio” – concerto che si terrà appunto giovedì 18 giugno alle ore 20,30 a Villa di Donato –  il ritorno “a casa” dopo tre mesi di chiusura dovuta all’emergenza coronavirus.

Brunello Canessa, Andrea Andronico e Roberto Perrone

Insieme al bassista Andrea Andronico, session-man, già ben noto al pubblico di Villa di Donato, tra i turnisti più apprezzati del panorama partenopeo e Roberto Perrone, batterista di incredibile talento ed appassionato ed entusiasta imprenditore della musica da oltre 18 anni anni colonna portante della band che accompagna uno dei più grandi figli della terra di Bagnoli, il mitico Edoardo Bennato, Brunello Canessa intratterrà il pubblico (prenotazione obbligatoria, i posti sono limitati) con la musica dei grandi songwriters americani, come Paul Simon e James Taylor ma anche il blues contaminato dagli inglesi come Eric Clapton e Rory Gallagher faranno parte di questo viaggio in musica che ci riserverà non poche sorprese, compresa quella, già svelata, di un omaggio a Sir James Paul McCartney, che il 18 giugno festeggia 78 anni.

L’ospite d’eccezione atteso per unirsi al trio è un’altra conoscenza di Villa di Donato, il chitarrista e compositore Gianni Guarracino, uno dei musicisti più noti del circuito napoletano per essere stato uno dei protagonisti di quella rivoluzione musicale che alla fine degli anni ’70 si trasformò nel Neapolitan Power, andando a conquistare, con Pino Daniele in testa, il mercato e la scena nazionale nazionale.

“L’atout di Villa di Donato consiste nella sua unità e nella sua flessibilità. Dal fatto che è composta da spazi molto diversificati anche all’aperto. Ma è soprattutto il luogo dove si è creata una comunità di artisti legati alla Villa e tra di loro. Così Brunello con il blues ha trovato la “sua” casa e ha condiviso con me la voglia di reagire al silenzio di questo momento – dichiara la Padrona di Casa e direttore artistico di Live in Villa di Donato Patrizia de Mennato – Non è stato e non è semplice. Ci siamo trovati infatti a porci molte domande. Possiamo riprendere dal punto del calendario che era in programmazione? Possiamo trovare nel cuore delle esperienze degli ultimi anni la possibilità della ripresa? Possiamo dar luogo agli adeguamenti determinati dai vincoli del presente, restando fedeli all’atmosfera che ha sempre contraddistinto le nostre serate?“.