Scoppia il caso-Milik: vuole andare alla Juve l’anno prossimo a parametro zero

da | Giu 8, 2020 | Calcio Napoli

Ormai sta per diventare un vero e proprio caso. Dopo le parole di Giuntoli (a proposito, per quattro anni non ha proferito verbo, ora è diventato super-ciarliero) è evidente che la società non punta più sul giocatore che sarà quindi venduto. Ma visto che si è creata questa contrapposizione, che il polacco non vuole rinnovare, venderlo alle condizioni di De Laurentiis non sarà facile. Tant’è che c’è già chi ritiene che Milik abbia un piano ben preciso: accetterà di stare un altro anno a Napoli anche contro la volontà della società e l’estate prossima si libererà a zero per andare, con un lauto ingaggio, alla Juventus.

A questo punto la logica vorrebbe che De Laurentiis abbassasse le sue pretese, con soddisfazione di tutte le parti. Ma il presidente, si sa, difficilmente in questi casi lascia trionfare la ragione e si corre il rischio di un muro contro muro che alla fine danneggerà solo il Napoli.

Milik fu acquistato per 31 milioni, in questi quattro anni di permanenza a Napoli il suo valore in bilancio ha subito l’ammortamento, oggi è iscritto per poco più di venti milioni. Se De Laurentiis accettasse anche sui 35 l’affare potrebbe andare in porto e farebbe persino una ghiotta plusvalenza. Ma non lo farà. Ha fissato in 50 milioni il prezzo e non farà sconti, né alla Juve né ad altri eventuali pretendenti che si facessero avanti.

E li vuole cash. Un peccato, perché invece se fosse disponibile ad intavolare una seria trattativa tra le file bianconere c’è un giocatore che piace tantissimo a Gattuso e che farebbe proprio al caso del Napoli. Si tratta del difensore centrale Cristian Romero, iuventino che sta giocando, benissimo, in prestito al Genoa. E’ un extracomunitario, ma il Napoli tra Leandrihno e Lozano potrebbe liberare due caselle e quindi il problema verrebbe superato. Bisogna tener conto che il reparto dei difensori rischia di diventare una spina per Giuntoli, soprattutto se dovesse partire Koulibaly. Serviranno almeno due acquisti di spessore e Romero potrebbe davvero fare al caso del Napoli.

Quanto a Milik è un vero peccato che si sia creata questa situazione. Il polacco non ha avuto fortuna, chissà cosa avrebbe potuto rendere senza i due gravi incidenti patiti. Ma ora si sente la riserva di Mertens, è vuole giocare, invece, da titolare fisso. Oltretutto non vuol assolutamente perdere la possibilità di disputare gli europei con la Polonia. E per far parte della spedizione occorre giocare stabilmente con il club di appartenenza. Ecco perché chiede con insistenza di andarsene. Ed ecco perché starsene un altro anno a Napoli per andar via a parametro zero l’anno prossimo non avrebbe senso.

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Vomero, controlli movida dei carabinieri

Tra mercoledì e venerdì, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”,  i poliziotti del Commissariato Vomero, i militari dell’Arma dei Carabinieri, i finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza, con il...

E servono sempre terzino e centrale di difesa

E servono sempre terzino e centrale di difesa

L’arrivo del solo Tuanzebe non ha risolto i problemi strutturali dell’organico degli azzurri Nel momento di maggior fulgore, dopo le otto vittorie consecutive ad inizio di campionato, osservatori e tifosi, sull’onda dell’entusiasmo, avevano già indicato il Napoli...

Napoli, un futuro da inventare

Napoli, un futuro da inventare

I vuoti del Maradona non dipendono solo dal Covid.Tifosi sempre più spaesati e meno innamorati Un giorno, neanche tanto all’improvviso, sembra che l’amore dei tifosi azzurri per la loro squadra sia evaporato in modo pressochè totale e definitivo. L’avvio di Insigne,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te