Tempo di lettura: 2 minuti

Ormai sta per diventare un vero e proprio caso. Dopo le parole di Giuntoli (a proposito, per quattro anni non ha proferito verbo, ora è diventato super-ciarliero) è evidente che la società non punta più sul giocatore che sarà quindi venduto. Ma visto che si è creata questa contrapposizione, che il polacco non vuole rinnovare, venderlo alle condizioni di De Laurentiis non sarà facile. Tant’è che c’è già chi ritiene che Milik abbia un piano ben preciso: accetterà di stare un altro anno a Napoli anche contro la volontà della società e l’estate prossima si libererà a zero per andare, con un lauto ingaggio, alla Juventus.

A questo punto la logica vorrebbe che De Laurentiis abbassasse le sue pretese, con soddisfazione di tutte le parti. Ma il presidente, si sa, difficilmente in questi casi lascia trionfare la ragione e si corre il rischio di un muro contro muro che alla fine danneggerà solo il Napoli.

Milik fu acquistato per 31 milioni, in questi quattro anni di permanenza a Napoli il suo valore in bilancio ha subito l’ammortamento, oggi è iscritto per poco più di venti milioni. Se De Laurentiis accettasse anche sui 35 l’affare potrebbe andare in porto e farebbe persino una ghiotta plusvalenza. Ma non lo farà. Ha fissato in 50 milioni il prezzo e non farà sconti, né alla Juve né ad altri eventuali pretendenti che si facessero avanti.

E li vuole cash. Un peccato, perché invece se fosse disponibile ad intavolare una seria trattativa tra le file bianconere c’è un giocatore che piace tantissimo a Gattuso e che farebbe proprio al caso del Napoli. Si tratta del difensore centrale Cristian Romero, iuventino che sta giocando, benissimo, in prestito al Genoa. E’ un extracomunitario, ma il Napoli tra Leandrihno e Lozano potrebbe liberare due caselle e quindi il problema verrebbe superato. Bisogna tener conto che il reparto dei difensori rischia di diventare una spina per Giuntoli, soprattutto se dovesse partire Koulibaly. Serviranno almeno due acquisti di spessore e Romero potrebbe davvero fare al caso del Napoli.

Quanto a Milik è un vero peccato che si sia creata questa situazione. Il polacco non ha avuto fortuna, chissà cosa avrebbe potuto rendere senza i due gravi incidenti patiti. Ma ora si sente la riserva di Mertens, è vuole giocare, invece, da titolare fisso. Oltretutto non vuol assolutamente perdere la possibilità di disputare gli europei con la Polonia. E per far parte della spedizione occorre giocare stabilmente con il club di appartenenza. Ecco perché chiede con insistenza di andarsene. Ed ecco perché starsene un altro anno a Napoli per andar via a parametro zero l’anno prossimo non avrebbe senso.