Tribunale di Napoli: chieste verifiche sul lavoro dei dipendenti in smart working

da | Giu 7, 2020 | Cronaca

Nonostante l’impegno dei vari attori in causa, permangono condizioni che  rendono assai difficile per gli avvocati adempiere alla  propria funzione. Venerdì scorso, come riportato dal Mattino, per saturazione della casella di posta elettronica certificata del Tribunale civile è stato impossibile depositare atti processuali (anche di procedimenti che rischiano di scadere) nonché ricevere qualsivoglia documento o informazione… Il presidente del Tribunale poi ha invitato gli interessati (magistrati, dirigenti amministrativi) a valutare con la massima disponibilità tutte le istanze di rimessione in termini relative ad atti scaduti il 5 o in scadenza  lunedì prossimo.

Si sarebbe trattato di un problema del gestore, data l’ingente quantità di atti da trattare, ma il blocco della “comunicazione” via Pec non può non essere messo in relazione con il regime di smart working (disposto a marzo dal  Ministero) che consente ai cancellieri e altri dipendenti amministrativi del Tribunale di restare due giorni su cinque a casa a parità di stipendio. Da casa non possono accedere ai server di ufficio (si tratta di dati  riservati) e, quanto a riprendere la routine, pare che i più siano restii. Il presidente dell’Ordine degli avvocati, Tafuri, chiede ai dirigenti degli uffici una verifica del lavoro svolto in questi mesi. 

Alla vigilia della ripresa delle attività nel Tribunale secondo le nuove direttive del presidente Garzo (per cui da domani  aumenterà il numero delle udienze), non scema la preoccupazione  degli avvocati per la difficoltà di far fronte alle mille incombenze (anche di carattere burocratico) mentre il carico di arretrati – anche per i rinvii delle udienze – si appesantisce inesorabilmente. Uno dei punti controversi riguarderebbe la disposizione per cui “i processi non inclusi tra quelli da trattare saranno rinviati in udienza nella fascia oraria dalle 9 alle 10.30”: ciò libererà il personale di cancelleria dal compito di provvedere alle comunicazioni dei rinvii ma costringerà gli avvocati ad essere fisicamente presenti in una circostanza, peraltro, ad alto rischio di assembramenti. E c’è chi si interroga se siano stati adottati o meno i necessari dispositivi di sicurezza contro il rischio contagio…

Quello degli avvocati è un malessere che accomuna molti fori d’Italia. Quando è esploso l’allarme Coronavirus, il governo non ha dato disposizioni univoche ma ha lasciato le decisioni ai capi dei vari uffici giudiziari che, peraltro, non sempre si sono confrontati con gli Ordini forensi territoriali…  

Un disagio sottovalutato, dal governo, quello dei professionisti in generale (che devono comunque pagare affitti, bollette,  tasse  anche se non lavorano e/o non incassano: tanti i liberi professionisti  che, una volta concluso il lavoro, devono sudare sette camicie per essere pagati…). Sottovalutato anche il malessere  degli avvocati che, però, non sono semplici “prestatori d’opera” ma costituiscono un cardine ineludibile del sistema giustizia. Liberi professionisti, svincolati da diretti rapporti di subalternità allo Stato, al servizio soltanto delle leggi e delle libertà fondamentali.

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Marano, accoltellata da un 17enne per una lite per un posto auto

Quasi un’intera famiglia in manette per il tentato omicidio commesso ieri pomeriggio a Marano, in via Campania. Vittima una 34enne del posto, colpita da 4 fendenti che le sono costate il ricovero immediato in prognosi riservata presso l’ospedale di Santa Maria delle...

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

La laurea in Napoletanità ideata da Francesco Spinosa

Si è conclusa con un grandissimo riscontro di pubblico e critica la tredicesima edizione della Crociera della Musica Napoletana, l’evento transnazionale, esperienziale ed emozionale organizzato da Scoop Travel a bordo delle navi della Msc Crociere, evento che tende a...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te