Il Tribunale di Napoli riparte lunedì: più udienze per recuperare il tempo perduto

da | Giu 5, 2020 | Cronaca

Dopo le frizioni delle settimane scorse tra magistrati e avvocati, da lunedì prossimo al Tribunale di Napoli si riprende ritmo. Un colpo all’acceleratore dopo il difficile avvio (il 12 maggio) della fase 2 di allentamento del lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus. Più udienze per recuperare il tempo perduto.

Premesso che “l’attuale andamento positivo  della situazione epidemiologica consente una adeguata riprogrammazione delle attività giudiziarie del settore penale”,  il presidente del Tribunale,  Elisabetta Garzo  (prima donna presidente del Tribunale di Napoli, insediatasi a fine febbraio scorso),  con decreto 140/2020 ha disposto che vi sarà un maggior numero di processi che saranno trattati quotidianamente dall’8 giugno in poi.  Una svolta.

 Per quanto riguarda i processi di rito collegiale, si passerà dai tre che sinora venivano trattati ai 5 o 6 processi collegiali al giorno, per ciascun collegio (stabilendo l’orario di inizio di ciascuno e, ove possibile, una rigorosa calendarizzazione delle attività da svolgere, così garantendo l’osservanza di tutte le condizioni di sicurezza per la salute dei giudici, degli ausiliari e delle parti presenti). L’elenco dei processi con indicazione dell’orario  di trattazione  sarà pubblicato sul sito istituzionale del Tribunale almeno sette giorni prima di quello fissato per la celebrazione dell’udienza.

Quanto ai procedimenti di rito monocratico, ciascun giudice tratterà non più cinque processi monocratici ma dieci al giorno (“individuati secondo l’ordine descritto al punto 10 del protocollo di intesa stipulato con la Procura”). I processi non inclusi tra quelli da trattare saranno rinviati in udienza nella fascia oraria dalle 9 alle 10,30. I processi che saranno effettivamente celebrati saranno individuati e comunicati mediante pubblicazione sul sito istituzionale del Tribunale, almeno sette giorni prima di quello fissato per l’udienza, di un apposito elenco con date, orari e le altre indicazioni.

Le segnalazioni di urgenza o le richieste di trattazione provenienti dalle parti dovranno pervenire in cancelleria,  almeno quindici giorni prima dell’udienza,  a mezzo posta elettronica certificata.

“Non saranno inclusi nel numero massimo di processi/procedimenti da trattare  quelli per i quali le parti acconsentano alla trattazione da remoto, ove consentita dagli strumenti tecnici a disposizione”.

Procedimenti e processi saranno celebrati a porte chiuse, senza partecipazione di pubblico. “I difensori  avranno cura di recarsi in Tribunale nel rigoroso rispetto dell’orario loro comunicato e potranno sostare nelle aree antistanti l’aula di udienza osservando il prescritto distanziamento sociale e usando i dispositivi di protezione individuale”.

 Anche per i giudici di pace ci sarebbe una “apertura” ad una trattazione di un numero di procedimenti maggiore…

Svolta, dunque, al Tribunale di Napoli, anche se è impensabile tornare ai numeri precedenti (migliaia di accessi al giorno).

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Il gioco legale riparte. Con uno sguardo già al futuro

Sicurezza, occupazione, esperienza di gioco. Ecco le tre risposte che il gambling italiano deve dare al futuro. Da quando per la prima volta, per contrastare la diffusione della pandemia Covid 19, i lavoratori del settore del gioco legale hanno dovuto tirare giù la...

Vomero, donna muore in un incendio

Vomero, donna muore in un incendio

Allarme al Vomero attorno alle 12 vigili del fuoco ambulanze e forze dell'ordine dirette verso piazza Fuga. Angoscia dei genitori con i figli che anche stamattina nelle vicine scuole. Una donna 94enne è morta carbonizzata. Al momento si sa che l'incendio era in una...

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

“Libera il tuo segreto”, un progetto per tutelare i più deboli

Vaccinarsi contro il Covid in farmacia a Napoli è già realtà ma da oggi, grazie all’iniziativa privata, nei locali della “Croce verde” si potranno “curare” anche il disagio e la solitudine delle persone più deboli. L’idea è semplice e nasce dalla sinergia tra la...

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Casalnuovo, attraversa i binari con il passaggio a livello chiuso

Nei giorni scorsi un uomo è rimasto ferito a un passaggio a livello nei pressi della stazione di Casalnuovo. All’arrivo della chiamata alla Sala Operativa del Compartimento Polfer di Napoli si è subito attivata la macchina dei soccorsi: sul posto è giunto personale...

Restituire la fiducia ai giovani

Restituire la fiducia ai giovani

di Cinzia Rosaria Baldi * Intervista a Emilia Narciso neo presidente Unicef Campania L’Unicef  Italia in questi giorni  festeggia  i trent’anni dalla ratifica nel nostro Paese della Convenzione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, diritti messi direttamente...

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

Napoli, completato il progetto esecutivo del Lungomare

È stato completato e consegnato all’Amministrazione Comunale il progetto esecutivo del Lungomare di Napoli, dal titolo "Riqualificazione ciclo-pedonale del Lungomare di Napoli, tratto compreso tra Piazza Vittoria e il Molosiglio". Il progetto, esito di una gara...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te