Coronavirus, faceva lezione dal letto d’ospedale: Mattarella lo nomina cavaliere. L’intervista

da | Giu 5, 2020 | Primo piano

Quando ha squillato il cellulare e qualcuno gli ha comunicato che il presidente della Repubblica Mattarella, gli aveva conferito la nomina di Cavaliere del lavoro, ha avuto un momento di smarrimento, quasi di confusione. Ambrogio Iacono, il professore ischitano che pur affetto da coronavirus, ha continuato a insegnare ai suoi alunni online, dal letto dell’ospedale Rizzoli, dove è stato ricoverato per alcune settimane, è un uomo schivo, che non ama la popolarità, quasi timido. Diventare un personaggio famoso proprio non rientrava nelle sue ambizioni. E invece il suo attaccamento al lavoro, il suo amore per i suoi studenti, non è passato inosservato. Prima sono arrivate le televisioni, quelle regionali, poi quelle nazionali, poi i quotidiani e infine il Capo dello Stato. 


Non percepisco la dimensione di ciò che è mi capitato, non mi piace la popolarità, adesso vivo una grande emozione”, racconta il docente a Quotidiano Napoli.
La voce rotta dall’emozione stenta a ricostruire i momenti drammatici e allo stesso tempo di straordinaria passione, vissuti in quella stanza d’ospedale. “È stata  un’esperienza unica – dice – i ragazzi mi hanno mostrato grande affetto. Ora la scuola è finita e in occasione dell’ultima lezione si è creata una chimica particolare, una sorta di alchimia”. 
E se le chiedo cosa le resterà di tutto questo, cosa mi risponde? 
Io penso che la conseguenza più importante di tutto questo periodo, sia la riscoperta da parte dei ragazzi del gusto per lo studio. I miei studenti hanno imparato ad amare la materia che gli insegno”.
Eppure in ospedale ha vissuto momenti difficili.
Quando ero al Rizzoli provavo una sorta di vergogna ed ero molto titubante se continuare o no a dare lezione ai miei alunni. Poi il contatto, sia pure a distanza, con gli alunni, la loro commozione, mi hanno spinto ad andare avanti. Ho sentito di essere importante per loro.
Insegno Scienze integrate, una materia in grado di guidare i ragazzi in un momento così particolare per la loro vita. In quelle settimane di emergenza gli ho fatto capire cos’è veramente la malattia
”.
Ed è guarito anche grazie a questo amore?
Non saprei, certo il rapporto con gli studenti mi ha aiutato a vivere la malattia con più serenità. Ho continuato a sentirmi vivo anche in ospedale”.
Oggi il suo pensiero va alla scuola del futuro.
Mi spaventa la situazione dei precari della scuola. Per quanto riguarda i ragazzi, invece, dal 2021 saranno proiettati nell’era post covid. Per questo bisogna prendere coscienza dell’importanza della scuola e dare a docenti e alunni gli strumenti giusti per affrontare questo nuovo mondo. Lo dico da insegnante ma anche da padre. Sapere come si d’insegna è una cosa, saper insegnare è un’altra”.

Noemi e il murale della speranza

Noemi e il murale della speranza

“Street art” ideata dalla bambina che fu ferita in piazza Nazionale. No ai modelli negativi per i giovani Un messaggio di speranza partirà oggi da piazza Nazionale dove, salvo ritardi nell’erogazione dei permessi, nell’anfiteatro centrale sarà disegnato un murale per...

Gattuso da incapace a fenomeno

Gattuso da incapace a fenomeno

Come i media napoletani hanno trattato l’allenatore protagonista di una stagione fra luci e ombre C’è una sorta di schizofrenia dell’informazione sportiva che atavicamente si accompagna al cammino del Napoli Calcio. E mai come in questo frangente essa si è palesata...

Italia tutta gialla si torna a vivere

Italia tutta gialla si torna a vivere

Indice rt in discesa: da lunedì in tutte le regioni sarà possibile sedersi in bar e ristoranti Si torna a vivere. Come prima e più di prima. Stando attenti a non commettere l’errore di creare inutili assembramenti e circolare senza mascherine, ovviamente. Dopo la...

Voglia di tornare in campo

Voglia di tornare in campo

di Cinzia Rosaria Baldi* Il 26 aprile è stato  il giorno più atteso da adulti e ragazzi:  a Napoli è ripresa l'attività sportiva anche di contatto ma all'aperto. Un sospiro di sollievo per i tanti amanti del calcetto e dello sport amatoriale in generale, ma...

Adolescenti in ansia da rientro

Adolescenti in ansia da rientro

di Cinzia Rosaria Baldi * A scuola tra confusione e perplessità Attenzione a tutto campo in questi giorni sul rientro a scuola, a lungo desiderato dagli adolescenti ma alla fine risultato difficile. I ragazzi hanno trascorso troppi mesi chiusi in casa, hanno potuto...

Riapertura scuole in Campania, 40 nuovi bus in più a Napoli

Riapertura scuole in Campania, 40 nuovi bus in più a Napoli

Sono 40 i bus che Anm mette in campo da questa mattina per rispondere subito alle esigenze di trasporto degli studenti e dei docenti per la riapertura di tutte le scuole di Napoli. L'azienda mobilità aveva preparato per tempo il piano di rientro che scatta oggi con la...

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

UFFICIALE – Nasce la Superlega, calcio nel caos

Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali dei club fondatori, Agnelli si dimette da presidente dell'Eca, dura la reazione dell'Uefa. Nasce la Superlega, in serata sono arrivati i comunicati ufficiali, i club fondatori di questa nuova...

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Insigne, contratto ridotto! Addio?

Gioiello della Nazionale di Mancini, il capitano azzurro ridimensionato dall'offerta di De Laurentiis Vedendo numerose gare dei gironi di qualificazione ai mondiali catarioti del 2022, la prima domanda che mi sono posto è stata: in quali condizioni fisiche e mentali...

Zona rossa? Si fa per dire

Zona rossa? Si fa per dire

A Napoli pochi controlli, ha ragione De Luca a protestare. I più giovani appaiono poco consapevoli Certo lo sceriffo De Luca non ha più lo smalto della prima ondata, quando con lo spauracchio del lanciafiamme conquistò la ribalta mediatica nazionale e impose un ferreo...

I “no Vax”? Sempre di più

I “no Vax”? Sempre di più

di Cinzia Rosaria Baldi * La colpa è delle emozioni e della percezione del rischio dovuto alla profilassi La Campania lancia il passaporto vaccinale Covid-19, un segnale per trasmettere la speranza di tornare a circolare liberamente in tranquillità, ma all’iniziativa...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te