Comune di Napoli: proroga di 150 contratti per Rei e Rdc, previste 23 nuove assunzioni

da | Giu 5, 2020 | Cronaca


La Giunta comunale ha approvato oggi la delibera a firma del Vicesindaco Panini e dell’Assessore Buonanno, con la quale, grazie ad un’operazione di integrazione di fondi nazionali ed europei si dispone la proroga al 30 dicembre 2021 dei 150 contratti a tempo determinato delle figure professionali (educatori, psicologi, assistenti sociali e istruttori amministrativi) assunte per le attività di sostegno alla concessione del REI (Reddito di Inclusione) e del RDC (Reddito di Cittadinanza), e la sottoscrizione di ulteriori 23 contratti a tempo determinato per le medesime finalità e con la medesima scadenza.

“Con l’atto di oggi abbiamo compiuto una grande operazione a sostegno del welfare cittadino e di tutela del diritto al lavoro” dichiarano il Vicesindaco Panini e l’Assessore al Lavoro e alle Politiche Sociali Buonanno. “Con l’utilizzo di tutte le risorse a disposizione, sia nazionali che europee, si dispone la proroga per 18 mesi i contratti in scadenza al prossimo 30 giugno e si procede allo scorrimento di  23 unità in graduatoria.

Le equipe multidisciplinari formate da educatori, psicologi, assistenti sociali ed istruttori amministrativi sono impegnate nell’assistenza dei beneficiari di Reddito di Inclusione e di Cittadinanza per la piena attuazione del principio di condizionalità previsto dalla L. 4/2016, e, pertanto, per accompagnarli nel percorso di autonomia”.

I 173 profili specializzati sono così suddivisi:

    • 73 assistenti sociali

    • 29 istruttori direttivi amministrativi

    • 2 istruttori direttivi informatici

    • 48 educatori professionali

    • 21 istruttori direttivi psicologi (part time 50%)

       Il costo dell’operazione è interamente finanziato dalle risorse del Fondo Nazionale Povertà e delle rimanenti risorse dell’Avviso 3_2016 del PON Inclusione, provenienti dalle risorse non spese negli esercizi 2018 e 2019, per un totale di € 8.851.123,27 che possono essere destinati a garantire la prosecuzione di interventi a sostegno del Reddito di Inclusione (REI) e del Reddito di Cittadinanza (RdC) fino alla fine dell’anno 2021.

I nuovi assunti saranno individuati mediante scorrimento delle graduatorie per psicologi (part time 50%) e assistenti sociali approvate con la disposizione dirigenziale AGRU n. 666 del 20/11/2018 e la graduatoria per educatori professionali approvata con disposizione dirigenziale AGRU n. 733 del 21/12/2018. Qualora si verificasse qualche caso di risoluzione tra i contratti in essere, per qualsivoglia causa, l’Ente provvederà alla sostituzione delle unità venute meno mediante scorrimento delle graduatorie degli idonei  ancora vigenti. Le assunzioni saranno realizzate a seguito dell’avvenuta approvazione da parte della predetta Commissione,  al ricorrere di tutte le ulteriori condizioni, finanziarie e non, richieste in materia dalla legge.

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te