Gattuso dirigerà l’allenamento e poi corsa in Calabria per i funerali della sorella

da | Giu 4, 2020 | Calcio Napoli

Gattuso si sta sottoponendo ad un autentico tour de force, tra dolore e attaccamento al dovere. Dovrebbe rientrare in serata a Napoli, dove vedrà i suoi collaboratori per fare il punto della situazione. “Ci vediamo domani per l’allenamento” ha inviato un messaggio ai giocatori. Rino non ha voluto modificare i piani di lavoro, non ha voluto cali di concentrazione. Domani mattina sarà quindi lui a dirigere l’allenamento, fissato per le ore 10. Al termine, intorno alle 12 si rimetterà in auto per raggiungere Corigliano Calabro (ci vogliono tre ore) dove, nel pomeriggio, si svolgeranno i funerali della Francesca.

Il tecnico del Napoli ha vissuto un vero dramma in questi giorni. Era convinto che la sorella sarebbe riuscita a superare la malattia. Ma Ringhio è anche un uomo forte, non si è lasciato andare, ha pianto, nascondendo le lacrime ai genitori, per confortarli, dicendo loro di non sentirsi in colpa, che nulla di più avrebbero potuto fare per impedire alla morte di prendere il sopravvento e portare via la giovane vita di Francesca, che ha lasciato il marito e un bambino di soli 5 anni.

I giocatori hanno fanno sentire la loro vicinanza all’allenatore con singoli e ripetuti messaggi di wathapp. Per la verità Insigne e compagni avevano pensato di presenziare alla funzione, volevano essere vicini al proprio allenatore, poi hanno desistito a causa della pandemia e delle rigide regole che riguardano anche i funerali.

Anche i tifosi voglio dimostrare al tecnico i sensi del loro cordoglio. Avendo saputo che domani mattina Rino sarà a Castelvolturno a dirigere l’allenamento si sono già organizzati ed hanno esposto all’esterno del centro sportivo uno striscione: “Ringhio vicini al tuo dolore”, ovvero lo stesso comparso qualche ora prima in città e al San Paolo, firmato Curva B. L’ennesimo segnale del feeling che si è instaurato tra la tifoseria e il tecnico calabrese.

Dieci anni del Napoli femminile

Dieci anni del Napoli femminile

Una festa che meglio non poteva riuscire. I dieci anni del Napoli Femminile dalla prima promozione in A sono stati un tripudio di emozioni, ricordi, sfrenata allegria e anche calcio. Un evento organizzato con dovizia di particolari dal gruppo fondatore della società...

Napoli, l’aria è pesante

Napoli, l’aria è pesante

Giocatori che vanno via, altri che vogliono andar via, il futuro azzurro è tutto da inventare, e Spalletti… Insigne emigrato d’oro in Canada, Ospina che stacca il telefono che manco “piange”, ricordando una bella canzone di Domenico Modugno, Ciro Mertens che dal...

Procuratori? No, mediatori

Procuratori? No, mediatori

Scandalo infinito, impazza il calciomercato e crescono gli affari. Il coraggio di Iervolino che si è ribellato Le vicende quasi parallele del divorzio di Sabatini dalla Salernitana e della richiesta dei legali di Mertens (4 milioni netti più 800 mila euro di...

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

De Laurentiis basta prendere in giro i tifosi

Presidente De Laurentiis ora basta! Adesso stai esagerando, continuando a prendere in giro un popolo di tifosi calorosi e appassionati che hai anestetizzato con le tue controverse esternazioni prive di senso. Anzi, a senso unico: il tuo. Hai sempre messo in cattiva...

Santo subito

Santo subito

Gioite amori, amorini e Cupidi. Abbiamo un santo in più che ci protegge e si espone all'umano sacrificio di sofferenze e critiche feroci come novello Salvatore. E' lui, San Aurelio da Roma, cittadino del mondo ora innamorato perso di Partenope e dei suoi abitanti,...

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Napoli, quanto pesano quei due punti persi al Maradona

Lo scudetto potrebbe essere assegnato sul filo di lana e allora quanti rimpianti Noi non sappiamo come andrà a finire. Oggi il Napoli ha tre punti di distacco dal Milan e forse anche dall’Inter, se i nerazzurri dovessero vincere la partita che devono recuperare. Ci...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te