Uccise la moglie Melania, Salvatore Parolisi può uscire dal carcere in permesso premio

da | Giu 3, 2020 | Cronaca

Teoricamente potrebbe già chiedere il permesso premio, anche se non lo ha ancora fatto. Salvatore Parolisi, assassino e marito della giovane moglie ventinovenne Melania Rea, è giunto a metà della pena, dopo 9 anni di carcere, e quindi, non essendo socialmente pericoloso, può adesso usufruire dei permessi premio.

I suoi legali, però, Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, hanno confermato che non ha ancora presentato la domanda al magistrato di sorveglianza. Starebbe quindi aspettando.

Il fratello di Melania, Michele Rea, alla notizia ha così commentato: “Credo che chiunque dopo tutti questi anni rinchiuso, alla prima occasione utile faccia immediatamente richiesta per poter usufruire dei permessi premio, anche se mi auguro con tutto il cuore che il giudice non glieli conceda. Da quando abbiamo saputo che potrebbe uscire dal carcere anche solo per qualche ora non facciamo altro che pensare a questo. La giustizia ha dei vuoti che andrebbero colmati. È inammissibile pensare che si possa togliere con tanta ferocia la vita a una persona e dopo così poco tempo tornare a condurre più o meno una vita normale, perché è questo che succederà”.

Il caso dell’assassinio di Melania Rea, una ragazza di origini di Somma Vesuviana, riempì per mesi le cronache. Parolisi ha sempre negato, ma alla fine è stato condannato con sentenza passata in giudicato.

Era il 18 aprile del 2011 quando l’allora caporal maggiore dell’Esercito, di origini di Frattamaggiore, uccise la moglie Melania con 35 coltellate in un bosco in provincia di Teramo. Parolisi, che ai tempi aveva un’amante, era stato inizialmente condannato con rito abbreviato all’ergastolo, pena che in Appello era poi diventata di trent’anni. Il ricorso in Cassazione aveva poi ridotto ulteriormente la carcerazione a venti anni, eliminando l’aggravante della crudeltà.

In tutti questi anni è stato un detenuto modello, ed ha approfittato della permanenza in carcere per studiare e laurearsi in Giurisprudenza. Ma non potrà vedere la figlia, avendo perso per sempre la potestà genitoriale. La bambina, che ai tempi dell’omicidio aveva solo 18 mesi ed era in macchina quando è stata uccisa la sua mamma, adesso è una ragazzina di 11 anni che ha deciso di allontanarsi anche dai nonni paterni.

Michele Rea è sicuro che Salvatore Parolisi non cercherà di vedere la figlia, una volta uscito dal carcere.  “Noi – detto – per mia nipote noi ci siamo sempre stati e sempre ci saremo. C’eravamo noi il suo primo giorno di scuola. E nessun altro. Per lei non è facile, non sa tutta la verità. I pezzi della sua vita arriveranno col tempo e con l’aiuto delle psicologhe”. Poi ha aggiunto altre considerazioni sull’ipotesi che Parolisi possa godere del permesso premio: “Posso solo dire che l’ergastolo lo abbiamo preso noi e non lui che se lo meritava per quello che ha fatto a mia sorella. Melania a noi non ce la restituirà nessuno e noi adesso, dopo 9 anni, rischiamo di vederlo già fuori”.

Colli Aminei, arrestati 3 ladri poco più che maggiorenni

Colli Aminei, arrestati 3 ladri poco più che maggiorenni

Nell’ambito dei servizi disposti dal Comando Provinciale di Napoli i Carabinieri della Compagnia di Napoli Vomero sono impegnati nel quartiere Colli Aminei nel contrasto all’illegalità diffusa negli orari notturni. È l’una di notte e i militari della Stazione...

Galleria Vittoria, il punto sui lavori

Galleria Vittoria, il punto sui lavori

Si è tenuto questa mattina un sopralluogo nella galleria Vittoria alla presenza del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, dell’assessore alle infrastrutture e mobilità del Comune, Edoardo Cosenza, e del responsabile di Anas Campania, Nicola Montesano. L’incontro è...

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Quartieri Spagnoli, tenta di rapinare una turista: arrestato

Ieri pomeriggio gli agenti dei Commissariati Montecalvario e Dante, durante il servizio di controllo del territorio, nel transitare in vico Lungo del Gelso sono stati avvicinati da alcuni passanti i quali hanno segnalato un tentativo di rapina nei pressi di un...

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Aiom, Francesco Perrone nuovo presidente degli oncologi italiani

Napoletano, 59 anni, è direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Nazionale Tumori Pascale di Napoli Francesco Perrone, direttore della Struttura Complessa Sperimentazioni Cliniche dell’Istituto Tumori Pascale di Napoli, è il nuovo...

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Napoli, nascondeva una pistola negli slip: sorpreso e arrestato

Ieri sera gli agenti del Commissariato San Giovanni–Barra e i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via delle Ninfe, hanno notato un uomo che, alla loro vista, ha tentato di allontanarsi per eludere il controllo. I poliziotti lo hanno raggiunto e bloccato...

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

Campania, allerta meteo gialla domani dalle sei del mattino

La Protezione Civile della Regione ha emanato un avviso di allerta meteo di colore Giallo valido a partire dalle 6 del mattino fino alle 23.59 di domani venerdì 22 ottobre sulle zone 1, 2, 3 (Zona 1: Piana campana, Napoli, Isole, Area Vesuviana; Zona 2: Alto Volturno...

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Napoli, torna il premio Buona Sanità

Amore, quello per la vita, è la motivazione unica del Premio Buona Sanità in Tour, giunto quest’anno alla XXIII edizione. La Conferenza stampa di presentazione si terrà venerdì 22 ottobre ore 12.00, nella sede dell’Ordine dei Medici-Chirurghi e Odontoiatri di Napoli,...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te