Uccise la moglie Melania, Salvatore Parolisi può uscire dal carcere in permesso premio

da | Giu 3, 2020 | Cronaca

Teoricamente potrebbe già chiedere il permesso premio, anche se non lo ha ancora fatto. Salvatore Parolisi, assassino e marito della giovane moglie ventinovenne Melania Rea, è giunto a metà della pena, dopo 9 anni di carcere, e quindi, non essendo socialmente pericoloso, può adesso usufruire dei permessi premio.

I suoi legali, però, Valter Biscotti e Nicodemo Gentile, hanno confermato che non ha ancora presentato la domanda al magistrato di sorveglianza. Starebbe quindi aspettando.

Il fratello di Melania, Michele Rea, alla notizia ha così commentato: “Credo che chiunque dopo tutti questi anni rinchiuso, alla prima occasione utile faccia immediatamente richiesta per poter usufruire dei permessi premio, anche se mi auguro con tutto il cuore che il giudice non glieli conceda. Da quando abbiamo saputo che potrebbe uscire dal carcere anche solo per qualche ora non facciamo altro che pensare a questo. La giustizia ha dei vuoti che andrebbero colmati. È inammissibile pensare che si possa togliere con tanta ferocia la vita a una persona e dopo così poco tempo tornare a condurre più o meno una vita normale, perché è questo che succederà”.

Il caso dell’assassinio di Melania Rea, una ragazza di origini di Somma Vesuviana, riempì per mesi le cronache. Parolisi ha sempre negato, ma alla fine è stato condannato con sentenza passata in giudicato.

Era il 18 aprile del 2011 quando l’allora caporal maggiore dell’Esercito, di origini di Frattamaggiore, uccise la moglie Melania con 35 coltellate in un bosco in provincia di Teramo. Parolisi, che ai tempi aveva un’amante, era stato inizialmente condannato con rito abbreviato all’ergastolo, pena che in Appello era poi diventata di trent’anni. Il ricorso in Cassazione aveva poi ridotto ulteriormente la carcerazione a venti anni, eliminando l’aggravante della crudeltà.

In tutti questi anni è stato un detenuto modello, ed ha approfittato della permanenza in carcere per studiare e laurearsi in Giurisprudenza. Ma non potrà vedere la figlia, avendo perso per sempre la potestà genitoriale. La bambina, che ai tempi dell’omicidio aveva solo 18 mesi ed era in macchina quando è stata uccisa la sua mamma, adesso è una ragazzina di 11 anni che ha deciso di allontanarsi anche dai nonni paterni.

Michele Rea è sicuro che Salvatore Parolisi non cercherà di vedere la figlia, una volta uscito dal carcere.  “Noi – detto – per mia nipote noi ci siamo sempre stati e sempre ci saremo. C’eravamo noi il suo primo giorno di scuola. E nessun altro. Per lei non è facile, non sa tutta la verità. I pezzi della sua vita arriveranno col tempo e con l’aiuto delle psicologhe”. Poi ha aggiunto altre considerazioni sull’ipotesi che Parolisi possa godere del permesso premio: “Posso solo dire che l’ergastolo lo abbiamo preso noi e non lui che se lo meritava per quello che ha fatto a mia sorella. Melania a noi non ce la restituirà nessuno e noi adesso, dopo 9 anni, rischiamo di vederlo già fuori”.

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

“Agropoli più pulita”: le parole di Maria Cuono

La giornalista Maria Cuono direttrice di Newspage Allinfo, scrittrice e docente di materie umanistiche presso l’Istituto Vico De Vivo di Agropoli spinta da rapporti amichevoli ha deciso di scendere in campo a sostegno del candidato a sindaco Elvira Serra nella lista...

Fermo amministrativo, come difendersi

Fermo amministrativo, come difendersi

Lo Studio legale Rubinacci-Molaro spiega le modalità di verifica e i casi in cui è possibile fare ricorso Questo mese, lo Studio legale degli avvocati Giovanni Rubinacci ed Andrea Molaro, prende in esame l’annosa questione del fermo amministrativo, “tanto cara” per...

Via al Mam, museo aperto della metro

Via al Mam, museo aperto della metro

Il Comune rilancia il Mam, il Museo Aperto della Metropolitana, un progetto innovativo finalizzato a valorizzare le opere pubbliche che fanno parte del patrimonio artistico della metropolitana cittadina. Otto grandi imprese italiane sono pronte a investire al fine di...

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

Affido, tema di attualità. Se ne parla a Pompei

A Pompei un convegno su un tema di scottante attualità. “L’affido, una scelta d’amore” è il tema di studio nazionale scelto dai Lions e fatto proprio dai Lions Distretto 108 YA  e per esso dal presidente del Comitato Marina Latella e dal componente del Comitato per la...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te