“Sfatiamo i luoghi comuni su Napoli”: l’articolo per stranieri in Italia che demolisce i pregiudizi sulla città

da | Giu 3, 2020 | Primo piano

“Perché i turisti saltano Napoli: sfatiamo le idee sbagliate comuni”. Questo è il messaggio dell’articolo pubblicato di recente sul sito WantedinRome.com e sulla omonima rivista mensile stampata in Inglese letta da espatriati e turisti che vivono, o semplicemente visitano, la Città Eterna. La rivista offre notizie locali, annunci, informazioni su eventi, musei, chiese, gallerie d’arte, ristoranti e numeri utili. Fondata nel 1985, Wanted in Rome è oggi il punto di riferimento più importante per tutte le comunità straniere a Roma. La rivista viene stampata mensilmente e ha un numero stimato di lettori di 20.000 persone, dagli ambasciatori agli studenti Erasmus fino ai turisti stranieri che visitano l’Italia e passano per Roma.

Dunque, gli stranieri che vivono in Italia, a Roma precisamente, visitando Napoli si sono resi conto che i luoghi comuni che spesso portano i turisti stranieri ad evitare la tappa nel loro viaggio in Italia sono falsi e basati solo su pregiudizi sbagliati. Ed ecco che la rivista Wanted in Rome ha deciso di fare giustizia mettendolo scritto nero su bianco in un reportage che demolisce punto per punto i vari preconcetti sbagliati su Napoli e che, inoltre, ricorda la grandezza di Napoli che era nota nel mondo come la “Parigi del Sud” prima dell’Unità d’Italia…

Questa la conclusione dell’articolo: “Le idee sbagliate comuni su Napoli danno ai turisti una cattiva impressione della città, spesso convincendoli a lasciarla fuori dai loro itinerari. In realtà, è una città vibrante piena di esperienze culturali, storiche e culinarie in attesa di coloro che vogliono conoscerla”. 

Ecco l’articolo integrale tradotto in italiano preso dal sito (fonte originale https://www.wantedinrome.com/news/why-tourists-skip-naples-debunking-common-misconceptions.html ) :

Sebbene sia una delle più grandi città del Paese, Napoli è spesso considerata come il “fratello disordinato” o “zio pazzo” delle città italiane, quella che non si adatta perfettamente, e certamente non ci prova.

Situato all’ombra del Monte. Vesuvio, a pochi chilometri a nord della pittoresca Costiera Amalfitana ea breve distanza in treno dai siti storici di Pompei ed Ercolano, Napoli è una città italiana che cade fuori dai sentieri turistici battuti per molti stranieri.

Per coloro che vogliono conoscerlo, Napoli è una delle città più vivaci e culturalmente più ricche che l’Italia possa offrire. Per fare questo, si deve capire la verità dietro le idee sbagliate comuni che scoraggiano la maggior parte dei turisti.

Napoli è pericolosa a causa della presenza della mafia?

Sebbene Napoli abbia una buona dose di borseggiatori e piccoli ladri, per turisti e visitatori, non è più pericolosa della maggior parte delle grandi città. La presenza della camorra, la mafia campana regionale, colpisce Napoli a livello sistemico ed economico, ma i suoi effetti sono appena percettibili nell’atmosfera delle zone centrali della città. Per i turisti, Napoli è sicura come qualsiasi città italiana.

Una delle ragioni per cui questo malinteso rimane ancora rilevante è la storia di Napoli con la Camorra. Fino ai primi anni del 2010, la camorra ha svolto un ruolo importante nella vita quotidiana napoletana. Ad esempio, la crisi dei rifiuti, causata dall’infiltrazione della Camorra nel settore dei rifiuti, è durata dagli anni ’90 agli anni ’90. La crisi ha provocato l’accumulo di rifiuti e lo scarico sporadico di rifiuti nelle strade della città. Non solo ha avuto un impatto sulla salute e sulla sicurezza del popolo napoletano, ma ha dato a Napoli la reputazione di essere sporco e generalmente sgradevole. La città è rimasta con un’industria turistica in calo.

Il governo ha preso una posizione contro la Camorra nel 2012 e, sebbene questa folla sia ancora attiva dietro le quinte, l’atmosfera di Napoli è costantemente migliorata. All’interno della città si verificano ancora occasionali accumuli di rifiuti, ma i turisti non devono preoccuparsi: sono generalmente causati da scioperi dei lavoratori.

A partire dal 2020, Napoli si classifica al 95 ° posto nell’indice mondiale del crimine di Numbeo per città (classificata dalla più pericolosa alla meno pericolosa), non lontano da Roma al 110 °. Detto questo, i turisti dovrebbero prendere precauzioni per tenere conto dei loro beni ed essere cauti di essere derubati dalle truffe turistiche, come in qualsiasi destinazione turistica. 

Napoli non è ricca di storia come le altre città italiane?

Mentre nessuna città può essere paragonata alla ricchezza storica di Roma, Napoli non è certamente carente nella sua quota di siti storici da vedere.

Conosciuta come la “Parigi del sud” prima dell’Unità d’Italia, Napoli è sempre stata un simbolo della vita cittadina attiva. Questo può essere vissuto vagando per Spaccanapoli, la lunga e stretta strada che divide a metà il centro storico di Napoli.

Lungo questa strada, i turisti possono avere un’idea diretta di com’era vivere nell’antica Roma, poiché Napoli vanta il “piano stradale romano più intatto”, secondo lo Smithsonian.

Castel dell’Ovo, situato lungo il mare di Napoli, fu costruito nel XII secolo e rimane intatto e libero al pubblico.

Napoli è costellata da innumerevoli altri siti storici: Napoli sotterranea, una fetta sotterranea di antica vita greca e romana conservata, la tomba del poeta Virgilio, il Teatro di San Carlo, il Museo di Capodimonte e, naturalmente, il Museo Archeologico Nazionale. Per gli appassionati di storia che viaggiano in Italia, Napoli è una destinazione degna.

Napoli è piena di guidatori spericolati?

Per gli estranei, guidare la cultura a Napoli sembra completamente imprudente e insicuro. Auto e scooter guidano rapidamente, girandosi l’uno attorno all’altro per arrivare dove stanno andando, e improvvisamente si fermano quando hanno bisogno in un modo che ha guadagnato Napoli il titolo di “Bangkok d’Italia” da molti turisti sopraffatti.

Per questo motivo, visitare la città è molto più rilassante quando si prevede di spostarsi a piedi o con i mezzi pubblici invece di noleggiare un’auto.

Tuttavia, un malinteso comune sui turisti è che, poiché la cultura di guida è “pazza”, i turisti sono a rischio di essere colpiti da auto o scooter. In verità, i turisti hanno una probabilità estremamente bassa di essere investiti da un’auto o uno scooter a Napoli. I conducenti sono abituati a fermarsi rapidamente, quindi lo faranno se qualcuno attraversa la strada.

La cosa migliore da fare per un turista quando attraversa la strada è muoversi con sicurezza e rapidità e, in caso di dubbio, seguire i napoletani. 

Devi andare a Napoli per un’autentica pizza in stile napoletano?

Napoli è il luogo dove è nata la pizza, e sebbene da allora sia sbocciata in una forma d’arte alimentare in tutto il mondo, nulla è paragonabile all’originale – letteralmente.

Napoli è il luogo dove è nata la pizza, e sebbene da allora sia sbocciata in una forma d’arte alimentare in tutto il mondo, nulla è paragonabile all’originale – letteralmente. 

L’Associazione Verace Pizza Napoletana (AVPN) è un’organizzazione legale di qualità alimentare che, nel 1984, ha presentato rigide linee guida su come una pizza deve essere fatta per essere veramente napoletana. 

Le linee guida AVPN includono ingredienti specifici, quantità di ingredienti e istruzioni per la cottura in formula. Per quanto riguarda il risultato finale, una pizza napoletana deve essere morbida e profumata, con una crosta esterna gonfia e condita con basilico fresco. Il processo di creazione della crosta autentica è complesso e richiede tempo, motivo per cui, quando una pizzeria ottiene una certificazione AVPN, viene considerata un marchio di eccellenza di qualità.

La maggior parte dei ristoranti certificati AVPN si trova a Napoli. Nonostante ciò, molti ristoranti non certificati in tutta Italia vendono “pizza alla napoletana” e usano il termine per descrivere qualsiasi pizza con una crosta gonfia. Questo non solo induce in errore i turisti, ma li truffa dal voler provare l’autentica pizza napoletana perché credono di averlo già fatto. Come specificato dalle linee guida AVPN, le migliori pizze napoletane sono quelle con ingredienti freschi provenienti dalla regione Campania. Contrariamente al malinteso comune, se i turisti vogliono mangiare la migliore pizza del mondo, devono andare a Napoli. 

Napoli non è una città amica dei turisti?

Per gli estranei impreparati, Napoli si presenta ruvida e ribelle. Mentre molte città italiane come Roma, Firenze e Venezia hanno aree che si rivolgono specificamente ai turisti, con l’inglese parlato per le strade in modo prevalente come i piatti italiani e internazionali nei menu dei ristoranti, Napoli no. 

Napoli è rigorosamente napoletana e non ha alcuna intenzione di cambiare. L’idea sbagliata è che, a causa di ciò, i turisti sono sgraditi – quando in realtà, i napoletani sono noti per essere estremamente amichevoli e generosi. I turisti che visitano Napoli con l’intenzione di essere immersi nella cultura avranno un tempo molto migliore di quelli che si aspettano un’esperienza turistica tradizionale. Inoltre, mentre molti napoletani parlano inglese (specialmente nelle zone centrali della città), non è così comunemente parlato come in altre città di destinazione turistica più popolari. Per i turisti di lingua non italiana, imparare alcune parole chiave e frasi per fare acquisti, mangiare nei ristoranti e ottenere indicazioni stradali può migliorare notevolmente la propria esperienza a Napoli.

Le idee sbagliate comuni su Napoli danno ai turisti una cattiva impressione della città, spesso convincendoli a lasciarla fuori dai loro itinerari. In realtà, è una città vibrante piena di esperienze culturali, storiche e culinarie in attesa di coloro che vogliono conoscerla. 

Riapre la chiesa di Portosalvo

Riapre la chiesa di Portosalvo

Odissea verso la conclusione: l’evento in primavera. Visita “segreta” del cardinale Finalmente verso una conclusione positiva la tormentata vicenda della cinquecentesca chiesa di Santa Maria di Portosalvo: la chiesetta “dei marinai”, a due passi dal Porto...

Un lungomare non liberato

Un lungomare non liberato

Manfredi ha deciso: sarà portato a termine il vecchio progetto di De Magistris. Un’occasione sprecata De Magistris ai tempi d’oro della bandana lo aveva innalzato a simbolo della sua rivoluzione. All’improvviso, dalla mattina alla sera, chiuse al traffico via...

Monumentale off limits, zona pericolosa

Monumentale off limits, zona pericolosa

Dopo il crollo del 5 gennaio ampliata l’area del sequestro. Salme esposte alle intemperie Morti ancora senza nome, strazio dei familiari e cimitero ancora off limits in conseguenza del crollo del 5 gennaio. Slitta a data da destinarsi la riapertura del cimitero...

Maresca: “Scelgo l’impegno”

Maresca: “Scelgo l’impegno”

L’ex candidato sindaco a capo dell’opposizione è da poco tornato a rivestire anche il ruolo di giudice Dopo la sconfitta alle amministrative di Napoli il magistrato Catello Maresca è da poco rientrato in servizio con funzione di giudice di Corte d’Appello a...

Da gennaio inizia lo sprint finale

Da gennaio inizia lo sprint finale

Le due ultime partite di andata contro Milan e Spezia possono rilanciare gli azzurri in vista del ritorno Dopo 17 giornate l’attuale classifica del massimo campionato crea non poco disagio e scompiglio nella testa di coloro che, addetti ai lavori, giornalisti e...

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Filiali chiuse, disagi per i correntisti

Ridotte le sedi di Intesa San Paolo. Difficile anche “raggiungere” le postazioni per i prelievi di contante “La banca” ormai è distante e prelevare soldi col bancomat è diventata una impresa, con maggior rischio - rientrando verso casa - di essere rapinati. Una...

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

“Sbagliato rimuovere le luminarie al Vomero”

A colloquio con Nino Simeone, presidente della Commissione che dovrà occuparsi anche dell’arredo urbano È un figlio d’arte, il padre, Carmine Simeone è stato a lungo protagonista della vita politica cittadina tra le fila del partito socialista. Nino Simeone ha...

Quell’albero pericoloso  in piazza degli Artisti

Quell’albero pericoloso in piazza degli Artisti

A vederlo fa davvero paura. Basta sollevare gli occhi al cielo per accorgersi di quanto sia alto e fronzuto. Svetta nel pieno di piazza degli Artisti, un luogo frequentatissimo. Guardandolo da lontano e da vicino se ne ricava netta la sensazione di imminente pericolo....

E ora Adl metta mano al portafoglio

E ora Adl metta mano al portafoglio

Il Napoli, a dispetto di quanto sostiene Spalletti, presenta gravi lacune di organico in difesa Il Napoli negli anni scorsi (gestione De Laurentiis) per ben quattro volte si è piazzato al secondo posto e due volte ha conquistato il titolo di campione d’inverno. In...

È un’Italia da rifondare

È un’Italia da rifondare

La delusione per la mancata qualificazione fa rivivere periodi bui come l’esclusione ai Mondiali russi Lettori manzoniani, tifosi di calcio potrebbero chiedersi: “Fu vera gloria?”. Sembra passato un secolo dall’Europeo vinto a luglio. E la sentenza, purtroppo, non...

Femminicidio, serve una legge

Femminicidio, serve una legge

Appello del padre di Ornella Pinto al Capo dello Stato: “Norme specifiche ed efficaci” Nella notte tra il 12 e il 13 marzo una professoressa di 39 anni, Ornella Pinto, fu massacrata a coltellate nel sonno dall’ex compagno Pinotto Iacopino, 43 anni, mentre il loro...

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

Napoli nella top ten dei comuni più social d’Italia

È stata presentata ieri l’indagine di FPA sull’utilizzo dei social network in 107 comuni capoluogo che ha preso in esame una serie di indicatori per valutare l’efficacia della comunicazione social delle maggiori città italiane. In particolare, la ricerca ha...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
badando a te