Conte live: “Così l’Italia riparte. Più sostegno alle imprese, il nostro Fisco è iniquo”

da | Giu 3, 2020 | Cronaca

“Così faremo ripartire l’Italia”: a dirlo è stato poco fa in diretta tv il premier Giuseppe Conte che ha annunciato la fase di “uscita dal lockdown”, con la riapertura dei confini tra le regioni italiane. “Colgo un rinnovato entusiasmo – ha detto Conte – c’è grande attenzione per questa socialità ritrovata: giustissimo, ci meritiamo il sorriso e l’allegria dopo settimane di sacrifici ma è bene ricordare sempre che se siamo tra i primi Paesi dell’Unione europea che può permettersi di riavviare le attività è perché abbiamo accettato tutti insieme di compiere dei sacrifici. Dico solo, facciamo attenzione: le uniche misure efficaci contro il virus sono distanziamento fisico e uso, ove necessario delle mascherine. Abbandonare queste precauzioni è una grave leggerezza”.

“Questa crisi deve essere un’occasione per superare i problemi strutturali e ridisegnare il Paese – ha proseguito Conte annunciando una serie di riforme, da quella digitale a quella fiscale – . Il nostro Fisco è iniquo. Dovremo lavorare meglio per sostenere  le imprese. La somma che l’Europa metterà a disposizione – ha aggiunto il premier Conte – non può essere considerata un tesoretto per il governo in carica ma come una risorsa per l’intero Paese, per un progetto lungimirante condiviso con le migliori forze del Paese. Intendo convocare a Palazzo Chigi entro una settimana parti sociali, associazioni di categorie e singole menti brillanti per raccogliere idee e suggerimenti”. Si parla del MES, Conte risponde: “per quanto riguarda gli strumenti europei chiederemo di partecipare al progetto SURE, sul MES non cambio idea sono testardo. Si tratta di un prestito, molto dipende da utilità e convenienza, dalle condizioni che ci vengono fatte, porteremo tutto in parlamento quando saremo pronti”.

A proposito del Mes, Conte ha detto che “per quanto riguarda gli strumenti europei chiederemo di partecipare al progetto SURE, sul MES non cambio idea sono testardo. Si tratta di un prestito, molto dipende da utilità e convenienza, dalle condizioni che ci vengono fatte, porteremo tutto in parlamento quando saremo pronti”. Sulle infrastrutture, invece, Conte ha precisato che “Roma-Pescara, una distanza del genere non è coperta adeguamente è inaccettabile. Sul ponte sullo stretto non propongo opere immaginifiche, quando avremo i fondi europei valuteremo anche la sua possibile realizzazione”. Sulle opposizioni, poi, Conte ha spiegato che non intende “queste cospicue somme date dall’Europa in Italia come un tesoretto in mano al governo in carica. Questo vale per la maggioranza come per le forze di opposizione. È un piano per la rinascita, un recovery plan da costruire tutti insieme, anche con le opposizioni”.

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Ascensore del Monte Echia, è battaglia

Dopo il vano Sos a Franceschini, i comitati: “La legge è con noi, ricorreremo alla magistratura” Per il ministro Franceschini non ci sono le condizioni per “revocare” l’approvazione della Sovrintendenza territoriale alla realizzazione dell’ascensore (di collegamento...

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Linea 1, corto circuito durante il test del nuovo treno

Ieri sera intorno alle 23 si è verificato un problema tecnico durante i test per la messa in esercizio del primo treno di fornitura Caf per la Linea 1 di Anm. Un sovraccarico correlato a un corto circuito sul treno ha creato dei forti surriscaldamenti e fumi tra il...

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Vomero, eseguita ordinanza per uno scippo

Nei giorni scorsi gli agenti del Commissariato Vomero hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa lo scorso 25 giugno dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della locale Procura della Repubblica nei...

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Ischia, si gode beatamente una serie tv mentre guida: multato

Controlli a tappeto anche sull’isola di Ischia, nell’ambito di un servizio disposto dal Comando Provinciale Carabinieri di Napoli. I militari della Compagnia locale hanno identificato 147 persone e controllato 61 veicoli. Quindici le contravvenzioni notificate: gran...

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Villa Domi, piantato l’ulivo per il “Giardino della Memoria”

Il progetto internazionale "Il Giardino della Memoria" si è svolto il  22 giugno nella città di Napoli (Italia), nel giorno del "Ricordo e dolore", in occasione dell'80° anniversario dell'inizio della Grande Guerra Patriottica.  Il Consolato Onorario della Federazione...

EDITORIALE

L’arte di evadere le regole

di Alessandro Migliaccio

Quando nel 2010 ho pubblicato il mio secondo libro (anche se il primo era solo una raccolta di poesie giovanili) intitolato “Paradossopoli. Napoli e l’arte di evadere le regole”, nutrivo una ferma speranza che qualcosa sarebbe cambiato. Che i napoletani avrebbero, prima o poi, avuto uno sbalzo di dignità e che si sarebbero in qualche modo presi una rivincita nei confronti di quanti, troppo facilmente, puntano il dito contro di loro.

continua a leggere…

Calcio Femminile, Napoli-Sassuolo 0-1 intervista di mister Pistolesi

Fallo di mano di Chiellini ma per Sky non è niente

Troisi: Penso in Napoletano, sogno in Napoletano

Seguici su Facebook

Facebook Pagelike Widget
Ricerca Anima Gemella

Ricerca Anima Gemella

badando a te